VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

La scheda di Carlo Nesti

Carlo Nesti - Punto campionato - "La Juve si scusa per il ritardo"

30.11.2015 10:54 di Carlo Nesti   articolo letto 16852 volte

E' un insolito lunedì nebbioso, in cima alla montagna della Serie A, perché devono ancora essere giocate Napoli-Inter e Sassuolo-Fiorentina, prima di far luce sulla classifica.

Frattanto, la Juventus si scusa per il ritardo, balza dal quattordicesimo al quinto posto, e si affida alla restaurazione della difesa, imbattuta da 3 partite.

Mandzukic, sulla scia dei Charles, Bettega, Vialli e Trezeguet, comincia a far sognare in acrobazia, e Dybala entra nel 45% dei gol segnati: 6 reti e 3 assist.

"Sprofondo giallo-rosso": il direttore sportivo Sabatini non si nasconde affatto, e usa il linguaggio dei periodi decisivi della storia, parlando di "momento drammatico".

Dopo le "pallate" di Pallotta, contro Garcia, non si rimarginano le ferite della difesa, pensando che ai 17 gol, subiti oggi, facevano riscontro i 4 di 2 stagioni fa.

Il Milan, che si affida al 4-4-2, offre la migliore prestazione stagionale, anche se tutto va rapportato alle condizioni disastrose della Sampdoria di Montella.

Niang ricorda Henry, che nacque come esterno alto, e si trasformò in implacabile bomber, esaltandosi nel ruolo di spalla di un Bacca meno isolato dal mondo.

Il Torino, dopo la sorte avversa con Genoa, Juventus e Inter, approda alla seconda vittoria consecutiva, lancia Belotti, e aspetta da 814' uno squillo di Quagliarella.

La Lazio, nonostante lo squarcio di sereno dell'Europa League, perde la metà delle partite giocate, 7 su 14, e Tare si ribella, davanti a 2 gol regolari annullati.

("EDITORIALE" PER RADIO SPORTIVA)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Una storia d'amore lunga ventidue anni Arsene Wenger lascia l'Arsenal dopo ventidue anni. Una notizia incredibile - soprattutto perché ieri, per sua stessa ammissione, non vedeva problemi nonostante lo stadio andasse progressivamente svuotandosi (pur con il tutto esaurito) - e la fine di una storia d'amore lunga, lunghissima....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.