HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
La scheda di Carlo Nesti

Nesti: "Avellino e la solidarietà - L'avanzata del Sassuolo"

04.11.2015 18:23 di Carlo Nesti   articolo letto 11820 volte

Avellino: quando c'è diffidenza anche verso la solidarietà

"E' successo che la squadra di calcio dell'Avellino - dice Carlo Nesti, al Direttore della Radio Vaticana Italia Luca Collodi, nella rubrica "Non solo sport" del lunedì, alle 12,35 - abbia presentato la maglia benefica, per la partita contro l'Ascoli, con la scritta "Benevento", una rivale storica del club irpino. Benevento, infatti, è stata colpita dall'alluvione, e sia i tifosi, sia il club dell'Avellino, in questo caso, sono andati ben oltre i motivi che separano le 2 città. Il principale quotidiano sportivo del nostro paese ha sottolineato che è come se il Pisa, per una volta, indossasse una divisa con la scritta "Livorno", o l'Atalanta una divisa con la scritta "Brescia": ipotesi, nell'Italia ancora dei Comuni, dei campanili e delle contrade, da fantascienza. E' successo, poi, che questa scritta sia diventata "Alzati Sannio", con il logo della Caritas. A quel punto, c'è chi ha visto nell'inatteso cambiamento un segnale di resa, verso quei tifosi dell'Avellino più estremisti, che si sono scatenati sul Web, e non hanno apprezzato il nome "Benevento" sulle maglie dei giocatori. Ora, che la sindrome del sospetto, e il culto della dietrologia siano ben radicati nel nostro paese, è arcinoto, e spesso utile, per scoprire ciò che, di brutto, si vorrebbe nascondere. Ma la diffidenza verso la solidarietà, espressa, comunque, con una scritta dedicata da Avellino a Benevento, in una forma più generale, e con il logo incontestabile della Caritas, mi sembra, francamente, esagerata. E' giusto lanciare un appello: in questi tempi agitati, cerchiamo sempre, fra noi, quello che ci unisce, e non quello che ci divide".

Fra le provinciali, tocca al Sassuolo sedersi al tavolo delle grandi.

"Il Sassuolo fa parte del ristretto gruppo di squadre, non appartenenti a città capoluogo di provincia, che comprende anche Carpi, Casale, Cesena, Empoli, Lecco, Legnano e Pro Patria, capaci di raggiungere la Serie A a girone unico. Direi che rappresenta il compromesso ideale fra una grande proprietà, e le risorse del territorio. Sassuolo, infatti, con i suoi quasi 41 mila abitanti, a 16 chilometri da Modena, è il "cuore" dell'Unione dei Comuni del Distretto Ceramico, che ha conosciuto una fortissima espansione nel dopoguerra. Il patron è Giorgio Squinzi, amministratore unico di Mapei, leader mondiale di adesivi, sigillanti, e prodotti chimici per l'edilizia, e presidente della Confindustria. La squadra è nata nel 1920, e Squinzi ha cominciato ad appoggiarla nel 1983, entrando e uscendo dalla porta, a seconda dei periodi. L'artefice della promozione in Serie A, nel 2013, è l'allenatore Eusebio Di Francesco, e la sua storia personale passa anche attraverso i positivi esami di coscienza di Squinzi. Lo aveva esonerato, infatti, nel gennaio 2014, salvo riaffidargli l'incarico a marzo, per la serie: sbagliare è umano, e sbagliando, si impara. Sicuramente, è stato molto importante per il Sassuolo godere dei contatti ad alto livello del patron, e, in particolare, della sinergia con la Juventus (vedi Berardi e Zaza). Insomma: il Sassuolo non è un miracolo, ma una realtà, frutto della programmazione, e, attenzione, senza mai spese folli, come potrebbe far pensare la presenza di Mapei".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Europa

Primo piano

Il livello della Serie A è in crescita, ma lo Scudetto è un'altra storia. In B e in C il caos va avanti e c'è un colpevole: non si può riformare il calcio cambiando le norme in corsa Il gioco corale della Sampdoria orchestrato da Marco Giampaolo. La nuova Fiorentina, giovane, ricca di talento e con un tridente offensivo già forte, ma potenzialmente devastante. Il calcio rapido e verticale del Sassuolo di Roberto De Zerbi, e la personalità del leader del Cagliari...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy