HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Le meteore

Perdomo: il "cane volante" del Genoa

07.09.2007 10:50 di Ilario Imparato   articolo letto 29689 volte
Perdomo: il "cane volante" del Genoa

José Batlle Teixeira, scritto e letto così, non susciterebbe grandi curiosità, eppure basta la semplice aggiunta di un altro nome (soprannome o meno) per riportare la mente a memorabili "oscenità calcistiche".
Sotto la Lanterna i più avranno riconosciuto, stropicciato gli occhi molto prima di noi altri.
Inevitabilmente il ricordo di Perdomo non può non sposarsi con quello dell'amatissimo e compianto Professor Franco Scoglio.
Correva l'anno 1989 ed il Genoa era stato appena promosso in serie A. Il campionato italiano era deliziato dalle gesta del Napoli di Maradona e dal Milan degli olandesi, ed allora il Professore di Lipari, amante di tatticismi, non poteva e non voleva essere da meno.
Un bel giorno prenotò il primo volo disponibile dall'Italia con destinazione Sudamerica: uno di quei posti in cui, all'epoca, con pochi spiccioli potevi portarti a casa il fenomeno inesplorato.
A Scoglio non mancava nè occhio esperto e nè capacità di convincimento, e in un batter d'occhio si portò nella "Zena" rossoblu un trio abbastanza "promettente": Josè Perdomo, Ruben Paz e Pato Aguilera. Fatta eccezione per quest'ultimo che, a memoria comune, ha lasciato un bellissimo ricordo in Italia, gli altri due poco avevano a che fare con l'Italia dal palato delicato.
Il Penarol di Montevideo si disfò di Perdomo con non molto rammarico, e al Genoa sembrò di aver trovato il "volante" di un prossimo ciclo vincente. Purtroppo però Perdomo non è mai stato un fulmine di guerra, nè quanto a velocità e nè per capacità tecniche, e le richieste di Scoglio di vederlo come perno del centrocampo rossoblu andarono ben presto inevase.
Quell'anno i tifosi genoani lo dovettero "apprezzare" in campo per ben venticinque volte, ma difficilmente ricorderanno sublimi prodezze balistiche: cartellini gialli ed improperi dagli spalti erano oramai il pane quotidiano di Perdomo in una Genova rossoblu bramosa e pretenziosa di un buon calcio e di soddisfacenti risultati.
Disgraziatamente (per lui) non solo i tifosi si avvicendavano nel conio di nuovi slogan e simpatici cori di disappunto, ma anche l'istrionico e simpaticissimo Vujadin Boskov, all'epoca alla guida della Samp, ebbe a dire la sua sul "pippero" uruguaiano dei Cugini. Fu memorabile, prima di un derby della Lanterna un coloratissimo pensiero al centromediano avversario: "Se io sciolgo il mio cane, lui gioca meglio di Perdomo".
(Perdomo rispose sul campo facendosi ammonire dopo soli trenta secondi).
Nell'ironia sdrammatizzante di Boskov si racchiude tutta l'esperienza italiana di Josè Perdomo, rigorosamente senza gol durante le sue apparizioni genoane.
Addirittura Perdomo fu capace di coniugare la beffa al danno etichettandosi della fama di "cattivissimo", cosa che però gli permise di collezionare svariate ammonizioni non potendo fregiarsi di altro.
Subito dopo questa triste parentesi ligure Perdomo fu ceduto al Betis Siviglia, in Spagna, dove non ricordano forse neanche il nome, per poi finire mesto e triste al Gimnasia La Plata nel 91/92 dove mise a segno "ben" due reti su sedici incontri.
Terminò senza lasciar traccia nel suo Penarol, in Uruguay.
Negli ultimi tempi nessuno sa di preciso come stia impiegando il suo tempo Perdomo. Si narra di alcune avventure come allenatore, in patria, con il Villa Espanola e il Tucuarembo.
L'infinita saggezza di Boskov ha colpito ancora?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a Montevideo,...

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La sentenza...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle sorprese di...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma Ramon...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero uno rossoblù....

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro campionato...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche. Maickel...

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova fortuna prima...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece un ottimo...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in due...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy