HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » milan » News
Cerca
Sondaggio TMW
Roma, Totti lascia dopo 30 anni. Quale futuro ora per il Pupone?
  Reintegro nella Roma il prima possibile, non può esserci altra soluzione
  Direttore tecnico in un altro top club, che non sia la Lazio
  Carriera in federazione, sull'esempio di Riva e altri simboli azzurri
  Dirigente di alto profilo in Nazionale, la sua esperienza può far comodo a Mancini
  Un nuovo incarico all'estero, magari alla UEFA o alla FIFA

Pagni: "Milan, cedendo Donnarumma e Suso si sistema il bilancio. I nuovi arriveranno in prestito con riscatto o a rate"

21.05.2019 20:48 di Enrico Ferrazzi    per milannews.it   articolo letto 1247 volte
Fonte: di Luca Pagni per bollettinomilan.wordpress.com
Pagni: "Milan, cedendo Donnarumma e Suso si sistema il bilancio. I nuovi arriveranno in prestito con riscatto o a rate"
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Non ci sono molte alternative. Per far quadrare i conti e restare nei limiti del fair play finanziario – giusto o sbagliato che sia – il Milan non ha che due possibilità: sacrificare i giocatori che potrebbero avere più mercato e che rappresentano le migliori plusvalenza e dall’altra parte trovare delle formule di pagamento che garantiscono la salvaguardia del bilancio almeno per un’altra stagione. Il palyer trading è fondamentale per restare nei paletti finanziari imposto dalle regole Uefa: si compra quando i giocatori non sono ancora giovani, meglio ancora se cresciuto nelle giovanili, e sii cedo mettendo a bilancio una ricca plusvalenza. Lo ha fatto la Juventus con Pogba e Vidal, perché non dovrebbe farlo anche il Milan?                                                           

Nel caso dei rossoneri, privandosi di Gigio Donnarumma, Jesus Suso (e magari Patrick Cutrone) potrebbero arrivare nelle casse societarie tra i 90 e i 130 milioni di euro (di fatto tutti di plusvalenza) grazie ai quali verrebbe sistemato il bilancio e porterebbero le risorse necessarie per operare sul mercato. Il conto economico del Milan si chiuderà in rosso per circa 80-90 milioni nell’esercizio al 30 giugno, dopo i 125 dell’anno precedente. Gli interventi sulle spese già realizzato da Ivan Gazidis, la riduzione del monte ingaggi con il taglio di giocatori in scadenza (da Montolivo a Bertolacci, da Abate a Zapata) consentiranno di ripartire da un gruppo di giovani, ai quali sta lavorando il capo dei talent scout Goffrey Moncada.  Si scommetterà su possibili talenti o su giocatori che garantiscono un rendimento di qualità a prezzi contenuti; non a caso si fa il nome del  23enne Stefano Sensi del Sassuolo come nuovo motorino del centrocampo. Giocatori più affermati saranno ingaggiati con formule che consentiranno di spalmare i costi su più stagioni. Per esempio con la formula del prestito con obbligo di riscatto, che rinvia di un anno l’iscrizione a bilancio dell’esborso finale.  O pagando il costo del cartellino in più rate.

Senza escludere la trattativa con l’Uefa per avere un anno in più per rientrare nei limiti del FFP: se venisse concesso più tempo, sarebbe più facile e immediato riuscire a ricostruire la squadra in tempi più rapidi. Ma, come si vede, tutto passa comunque dal sacrificio di qualche pedina.


TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Milan

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510