HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » milan » News
Cerca
Sondaggio TMW
Roma, Totti lascia dopo 30 anni. Quale futuro ora per il Pupone?
  Reintegro nella Roma il prima possibile, non può esserci altra soluzione
  Direttore tecnico in un altro top club, che non sia la Lazio
  Carriera in federazione, sull'esempio di Riva e altri simboli azzurri
  Dirigente di alto profilo in Nazionale, la sua esperienza può far comodo a Mancini
  Un nuovo incarico all'estero, magari alla UEFA o alla FIFA

acmilan - La storia della settimana: i primi passi di uno Scudetto

21.05.2019 22:36 di Daniele Castagna    per milannews.it   articolo letto 210 volte
Fonte: acmilan.com
acmilan - La storia della settimana: i primi passi di uno Scudetto
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

A San Siro non ci sono mai stato. Non è vero, una volta ho visto gli U2. La prima volta che vidi il mio Milan era nel novembre del 1995: avevo 17 anni e mia madre, abbonata al Parma, mi regalò un biglietto per il match del Tardini. Ero vicinissimo al campo e per tutto il riscaldamento non tolsi gli occhi da Franco Baresi e da Paolo Maldini. Non mi ci metto neanche a provare a spiegare il loro modo di stare in campo: loro muovevano tutta la squadra, anche nel riscaldamento, era qualcosa di diverso rispetto a quello che facevano gli altri. E dire che quel giorno sul prato c'erano tre palloni d'oro: Weah, Baggio e Stoichkov.

Dopo la travagliata stagione precedente, che aveva visto il filotto di scudetti del Milan interrotto dalla prima vittoria della Juve di Lippi e una Finale di Champions League persa con l'Ajax, i rossoneri erano pronti al rilancio e già da novembre si parlava di campioni d'Italia in pectore. Il Parma degli anni '90 era sempre fortissimo, ma quel giorno tra i pali non avrebbe potuto contare sull'ottimo Luca Bucci, infortunato. A sorpresa Mister Scala non schierò il 12 designato, Nista, ma decise di puntare sul portiere della Primavera, un mio coetaneo di cui si diceva: "Gioca perché è il nipote di Buffon...". Invece non era il nipote di nessuno, era Gigi Buffon. E parò tutto! Così il mio Milan uscì dallo stadio ducale con un pareggio a reti inviolate, ma poi lo scudetto lo vinse. E mi regalò, oltre che l'emozione di un ragazzino che si trova davanti i suoi amati e splendidi campioni per la prima volta, anche l'onore di assistere all'esordio di uno dei più grandi portieri di sempre.


TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Articoli correlati



Altre notizie Milan

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510