Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Serie A
Zola: "Napoli, inspiegabile la gestione di Zielinski. Calzona? Ci sono ombre"TUTTO mercato WEB
venerdì 23 febbraio 2024, 11:45Serie A
di Alessio Del Lungo

Zola: "Napoli, inspiegabile la gestione di Zielinski. Calzona? Ci sono ombre"

"Cagliari-Napoli? La sfida che non vorrei mai veder giocare". Parola di Gianfranco Zola, uno che la storia l'ha scritta sia in Sardegna che in Campania. A Il Mattino Magic Box parla della situazione degli azzurri: "Incredibile... Mi aspettavo un calo, ma non di queste dimensioni e proporzioni. Non c'è stata la forza di autoricaricarsi e di adeguarsi alla nuova dimensione di campione d'Italia. Ma il Napoli è il Napoli e se lo devono ricordare sempre tutti".

Una critica alla società invece la fa per la gestione di Piotr Zielinski: "Inspiegabile metterlo fuori lista UEFA. Per me è un clamoroso autogol, il Napoli ha bisogno della sua qualità. In Inghilterra non sarebbe mai successo, un giocatore resta un patrimonio del club fino all'ultimo giorno di contratto".


Contratto che scadrà a giugno, proprio come quello di Francesco Calzona, cosa che rischia di indebolirlo agli occhi della squadra: "Ci sono ombre, come il fatto che durante questo tempo dovrà occuparsi della Slovacchia. E questo può creare delle difficoltà. Vedo in lui l'entusiasmo che in questi casi aiuta a far superare eventuali problemi. E poi anche lui è di quella scuola che piace a me, quella del bel gioco. Il risultato non può prescindere dal gioco. È la mentalità di Gilardino, Palladino e Thiago Motta".