VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Nato Oggi...

Diego Armando Maradona, il Pibe de Oro: re di Napoli e di tutta l'Argentina

30.10.2017 05:00 di Lorenzo Di Benedetto  Twitter:    articolo letto 9097 volte
Diego Armando Maradona, il Pibe de Oro: re di Napoli e di tutta l'Argentina

Diego Armando Maradona non ha certo bisogno di presentazioni. Il giocatore più forte di tutti i tempi, nell'infinita lotta con Pelè, che ha regalato due Scudetti al Napoli e che ha portato l'Argentina sul tetto del mondo nel 1986, sfiorando il bis quattro anni più tardi. Un vero trascinatore, un leader in ogni squadra in cui ha giocato, un sinistro magico e una voglia di vincere incredibile. La sua carriera è iniziata nell'Argentinos Juniors a soli 10 anni, nel 1970, ma l'esordio in prima squadra è avvenuto nel 1976. Cinque anni nelle Cebollitas con 166 presenze e 116 reti realizzate prima del suo passaggio al Boca per una sola stagione, la 1981/82 con 28 gol fatti in 40 partite. Poi il suo arrivo in Europa, al Barcellona, società nella quale El Pibe de Oro rimase per due stagioni mettendo a segno 38 reti in 58 gare. la sua avventura in Spagna fu contrassegnata da tanti infortuni il più grave dei quali, per un fallo del difensore dell'Athletic Bilbao Andoni Goikoetxea, gli causò la perdita del 30% della mobilità della caviglia. nonostante questo in blaugrana riuscì a conquistare una Coppa di Spagna, una Coppa della Liga e una Supercoppa spagnola.

"Mi stanno uccidendo, non possono più tenermi in questa incertezza. Il Barcellona deve decidere prima possibile se tenermi ancora oppure no. Ormai mi sembra quasi tutto fatto, tra l'altro l'offerta del Napoli non può che essere considerata ottima". Furono queste le parole di Maradona dopo la rissa in campo in occasione dell'incontro tra il Barça e l'Athletic Bilbao, la prima volta in cui Diego incontro nuovamente Goikoetxea, e pochi mesi più tardi l'ipotesi Napoli divenne realtà. Passò al club campano per 13 miliardi e mezzo di lire e fu subito amore con l'ambiente partenopeo. Con la maglia azzurra disputò un totale di 259 partite mettendo a segno 116 gol, ma soprattutto vincendo due Scudetti, una Coppa Italia, una Supercoppa italiana e una Coppa UEFA, prima di passare al Siviglia e far ritorno in Argentina dove concluse la sua carriera con la maglia del Boca Juniors nella stagione 1997/98.

Con la Nazionale invece partecipò a quattro edizioni dei Mondiali (1982, 1986, 1990, 1994) andando in gol in tutte tranne che nella rassegna iridata giocata in Italia, nella quale segnò soltanto su calcio di rigore proprio contro gli Azzurri in semifinale. Il suo Mondiale fu però quello del 1986 in Messico, vinto dall'albiceleste: nacque proprio in quell'occasione la Mano de Dios nella sfida valida per i quarti di finale contro l'Inghilterra nella quale il numero 10 segnò prima di mano e poi con uno dei gol più belli messi a segno nella storia del calcio, quello degli 11 tocchi. La carriera calcistica di Maradona non si è certo conclusa in maniera limpida, ma preferiamo fermarci alle sue magie in campo, nel giorno in cui Diego compie 57 anni e a cui vanno gli auguri di tutti gli amanti del calcio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

TMW News - Juve-Napoli, sfida delle sfide. Volata Europa e addio Wenger fari puntati sul campionato di Serie A all'interno dell'edizione odierna del TMW News. In primo piano la super sfida tra Juventus e Napoli di domenica, ma non solo. Spazio anche all'analisi della corsa alla Champions e all'Europa League con i tre anticipi Spal-Roma, Sassuolo-Fiorentina...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.