HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Probabili formazioni

Le probabili formazioni di Italia-Portogallo - Dubbio Immobile, A.Silva dal 1'

17.11.2018 06:50 di Antonino Sergi   articolo letto 4589 volte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

E' il momento della verità. Il nuovo corso della Nazionale italiana guidata da Roberto Mancini è arrivato all'esame più importante, la sfida con il Portogallo servirà a misurare i reali progressi degli Azzurri, sempre alla rincorsa della definitiva identità. La rete di Cristiano Biraghi contro la Polonia ha restituito certezze non soltanto al gruppo ma a tutto l'ambiente, non è facile tornare al Meazza ma il pubblico ha risposto presente. Si va verso il tutto esaurito nell'impianto milanese, lì dove soltanto un anno fa lo 0-0 con la Svezia estromise la squadra guidata da Ventura dal mondiale russo poi vinto dalla Francia. Profonda fase di rinnovamento per l'Italia, Mancini sembra aver trovato la giusta dimensione che riproporrà anche in questa sfida contro il Portogallo. Proprio contro i lusitani all'andata è arrivata una sconfitta che sembrava condannare gli Azzurri, vincere adesso con due reti di scarto consegnerebbe il primato del girone costringendo alla vittoria gli uomini di Fernando Santos contro la Polonia martedì sera. Un'Italia d'attacco, questo il desiderio del commissario tecnico italiano anche per la gara di San Siro utilizzando i principi ammirati a Chorzów soltanto un mese fa. Intanto proprio con il Portogallo riaffiorano ricordi importanti per Roberto Mancini, esattamente venticinque anni fa al Meazza giocò la sua ultima partita ufficiale con indosso la maglia azzurra vinta dall'Italia per 1-0 sui lusitani di un giovane Rui Costa grazie alla rete di Dino Baggio. Stasera l'Italia scende in campo per conquistare il primo posto del girone ed approdare alla final four della Nations League.

COME ARRIVA L'ITALIA - Falso nueve o centravanti, questo il dilemma per Roberto Mancini. L'assenza d Federico Bernardeschi costringe il commissario tecnico a trovare una nuova soluzione, Ciro Immobile appare leggermente favorito su Domenico Berardi per il posto al centro dell'attacco. L'ex Lazio sarà affiancato dagli inamovibili Federico Chiesa e Lorenzo Insigne. Nel 4-3-3 azzurro nessun novità lungo la linea mediana, Jorginho sarà il perno centrale con il giovane Barella da interno destro e Marco Verratti da interno mancino. La retroguardia sarà blindata dalla coppia bianconera formata da Chiellini e Bonucci, intanto è da registrare l'improvvisa indisponibilità di Romagnoli che ha accusato una contrattura muscolare è ha lasciato il ritiro. Sugli esterni spazio per Florenzi e Biraghi, quest'ultimo match winner della fondamentale partita contro la Polonia.

COME ARRIVA IL PORTOGALLO - Fernando Santos studia le mosse anti Italia per blindare il primo posto, lo farà senza Cristiano Ronaldo che conta zero presenze in questa Nations League. Nemmeno convocato per la sfida di San Siro, l'asso della Juventus rientrerà probabilmente per la fase di qualificazione al prossimo Europeo itinerante. Intanto il commissario tecnico lusitano sceglie la strada del 4-3-3 con Rui Patricio in porta e la coppia di difensori centrali formata dal granitico Fonte e da Ruben Dias vista la squalifica di Pepe. Nel ruolo di terzini benzina italiana, a destra il bianconero Joao Cancelo mentre sulla corsia opposta il partenopeo Mario Rui. Tecnica e fisicità in mediana con Ruben Neves e William Carvalho insieme al centrocampista del Benfica Pizzi. A reggere il tridente sarà l'ex Milan André Silva, tornato protagonista in Spagna con la maglia del Siviglia, affiancato a destra da Bernardo Silva e dal rapido Bruma sul versante opposto.

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Florenzi, Bonucci, Chiellini, Biraghi; Barella, Jorginho, Verratti; Chiesa, Immobile, Insigne. Commissario tecnico: Roberto Mancini.

PORTOGALLO (4-3-3): Rui Patricio; Cancelo, Ruben Dias, Fonte, Mario Rui; Ruben Neves, W.Carvalho, Pizzi; Bernardo Silva, André Silva, Bruma. Commissario tecnico: Fernando Santos.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

FOCUS TMW - La leva calcistica del 92: Verratti stella. Spagna, annata boom Tra le nazionali più prestigiose d'Europa il 1992 è l'annata della Spagna: Carvajal, Sergi Roberto, Koke, Isco, Morata, Luis Alberto, Sarabia. Furie rosse arrivate alla maturità. Del 1992 è il match winner della finale dei Mondiali del 2014: Mario Götze. È lui l'alfiere tedesco, in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510