HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » roma » Calcio femminile
Cerca
Sondaggio TMW
Qual è il colpo dell'estate 2019?
  Luis Muriel all'Atalanta
  Gary Medel al Bologna
  Mario Balotelli al Brescia
  Radja Nainggolan al Cagliari
  Franck Ribery alla Fiorentina
  Lasse Schone al Genoa
  Mariusz Stepinski all'Hellas Verona
  Romelu Lukaku all'Inter
  Alexis Sanchez all'Inter
  Matthijs De Ligt alla Juventus
  Aaron Ramsey alla Juventus
  Manuel Lazzari alla Lazio
  El Khouma Babacar al Lecce
  Ante Rebic al Milan
  Hirving Lozano al Napoli
  Matteo Darmian al Parma
  Henrikh Mkhitaryan alla Roma
  Emiliano Rigoni alla Sampdoria
  Francesco Caputo al Sassuolo
  Federico Di Francesco alla SPAL
  Simone Verdi al Torino
  Ilija Nestorovski all'Udinese

L'Italia agli ottavi di un Mondiale. A distanza di 13 anni dall'ultima volta

14.06.2019 22:08 di Tommaso Maschio    articolo letto 15660 volte
L'Italia agli ottavi di un Mondiale. A distanza di 13 anni dall'ultima volta
© foto di www.imagephotoagency.it
Dalla Germania alla Francia: il tragitto è breve, ma sono serviti ben 13 anni per rivedere un’Italia accedere agli ottavi di finale della Coppa del Mondo. Nel 2006, impossibile dimenticare, era l’Italia di Marcello Lippi che approdò agli ottavi di finale e poi da lì volò fino al trionfo di Berlino, oggi invece è l’Italia di Milena Bertolini a raggiungere questo traguardo con un turno d’anticipo. Tredici anni in cui l’Italia al maschile ha visto due cocenti eliminazioni nella fase a gironi (Sudafrica 2010 e Brasile 2014) e addirittura l’umiliazione di una qualificazione mancata a distanza di oltre 50 anni dall’ultima volta e che a livello femminile aveva visto un movimento in grave crisi, rispetto agli anni ‘90, mancare la qualificazione in tre occasioni di fila (2007, 2011 e 2015) e tornare solo dopo 20 anni d’assenza a giocare una fase finale del Mondiale.

Sarebbe bello che anche questa Italia ripercorresse il cammino di quella di Lippi, ma forse è osare troppo, sognare troppo in grande perché queste ragazze – seppur forti, generose, combattive e chi più ne ha più ne metta – non sono ancora al livello delle superpotenze come USA, Germania o Francia. Servono ancora anni, investimenti e magari quell’accesso al professionismo che sempre più viene, a ragione, reclamato che permetterebbe alle calciatrici di vivere solo del proprio sport e di non doversi dividere – in molti casi – fra il campo, lo studio e il lavoro. È il prossimo step e magari, sulle ali dell’entusiasmo che questa nazionale sta accendendo, i tempi potrebbero diventare maturi molto prima di quanto si pensi. Adesso però godiamoci queste ragazze e questa Italia che dopo 13 anni ci porta tutti (anche chi del calcio femminile ha una pessima opinione) fra le miglior 16 del Mondo. E alla viglia non era così scontato.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Roma

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510