HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Scanner di Giulio Dini

I diritti televisivi e la distribuzione degli introiti: ecco la 'forbice' che si crea nel campionato italiano

L'avvocato Giulio Dini parla di calcio come non l'avete mai conosciuto nello spazio "Scanner" in onda su TMW Radio. Ieri ha affrontato il tema dei diritti televisivi
13.03.2017 09:10 di Giulio Dini   articolo letto 17806 volte

L'avvocato Giulio Dini, direttore sportivo, si è concentrato ieri durante "Scanner" in onda su TMW Radio ogni martedì a partire dalle 17:30, sul tema dei diritti televisivi e dei proventi derivanti dai diritti stessi. "Ora - ha spiegato - in Italia siamo in una fase delicatissima. Il tema è centrale e anche il mercato per fare un esempio si lega a doppio filo ai diritti. Ai diritti tv è poi legata anche la possibilità di un campionato equilibrato, che possa avere un maggior interesse commerciale. E che possa magari essere venduto anche all'estero. Il nostro calcio si è probabilmente adagiaot sul fatto che arrivano i milioni televisivi, senza però valutare altri scenari. E tutto questo ha fatto sì che il campionato italiano, tra i maggiori europei, è rimasto fermo.
Il concetto di prodotto da vendere nasce negli anni Novanta ma oggi ci preoccupiamo di come questi diritti devono essere distribuiti e siamo ad un punto nodale. I diritti tv in Italia vedono una distribuzione - siamo intorno ad un miliardo di euro adesso (la Spagna in un paio di anni è arrivata ad un miliardo e mezzo) - così fatta: il 40% degli introiti sono divisi in parti uguali, il 10% in base ai risultati storici dal '46-47, il 15% in base ai risultati del quinquennio precedente, il 5% in base ai risultati della stagione precedente, il 5% in base alla popolazione residente nel comune della società e il 25% in base al bacino d'utenza che è però un dato dopato visto che non ci sono elementi certi per calcolarlo. Si calcola a grandi linee mentre in altri paesi si calcola in base a quanto vengono seguite le partite in diretta. Questa frammentazione in favore delle società di maggior tradizione ha fatto sì che nel campionato italiano si sia creata una forbice che in altri paesi non esiste".

Per riascoltare tutta la trasmissione Scanner clicca sul podcast integrale di TMW Radio nel link in calce all'articolo.

Oltre il calcio giocato, oltre il calcio parlato, oltre la semplice apparenza: #Scanner, il calcio come non l'avete mai conosciuto. Con Giulio Dini e Lorenzo Marucci su #TMWRadio

Pubblicato da Tuttomercatoweb.com su Giovedì 9 marzo 2017


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

UFFICIALE: Jorge Sampaoli non è più il ct dell'Argentina Quasi in concomitanza con l'affermazione della Francia sul tetto del Mondiale, arriva anche l'annuncio dell'AFA: Jorge Sampaoli, dopo una Coppa del Mondo deludente e zeppa di polemiche esterne ed intestine disputata dall'albiceleste, ha annunciato tramite i propri canali di comunicazione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy