HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Serie A

Atalanta-Stendardo, ecco le cifre e i motivi del ritardo

01.08.2012 15:00 di Lorenzo Casalino  Twitter:    articolo letto 8889 volte
Fonte: Davide Caprogrossi - TuttoAtalanta.com
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport

Sarà Guglielmo Stendardo il rinforzo bramato da Stefano Colantuono per la difesa. Il centrale campano si è comportato molto bene in nerazzurro la scorsa stagione in prestito ed il tecnico ha espresso immediatamente il suo gradimento per un ritorno al duo Marino-Zamagna. La trattativa - secondo quanto rilevato, in esclusiva, da TuttoAtalanta.com -, si è prolungata più del dovuto, nonostante il giocatore abbia trovato un accordo di massima con la Dea per un triennale da 500mila euro a stagione con bonus legati agli obiettivi: un vero gesto d'amore di Stendardo, che alla Lazio percepiva uno stipendio quasi doppio (900mila a stagione).

I motivi del congelamento della trattativa sono molteplici. Innanzitutto la Lazio ha effettuato un tentativo per includere Stendardo in un eventuale giro di difensori con Federico Peluso, ma la Dea intende necessariamente monetizzare per il forte terzino. Il nuovo tecnico biancoceleste Vladimir Petkovic ha voluto testarlo in ritiro ad Auronzo, lo ha anche provato come esterno sinistro nella prima amichevole stagionale, ma nel bilancio motivazioni (ricordate l'esclusione con Ballardini?)-cachet-qualità, la Lazio ha reputato opportuno lasciarlo sul mercato. L'ingaggio importante ha reso difficile l'ipotesi di un prestito, i biancocelesti hanno abbandonato la politica della spalmatura degli stipendi ed ecco che si è profilata l'ipotesi di un trasferimento definitivo. Il contratto del giocatore scade nel giugno 2013, il valore del cartellino per forza di cose è piuttosto basso, ma il patron Lotito è restio a svendere i propri giocatori.

La Lazio ha provato a capire se un passaggio di Stendardo all'Atalanta a cifre vantaggiose potesse addolcire l'interlocutore per un discorso su Peluso, ma non c'è stato niente da fare e il terzino è stato cancellato dal taccuino del ds Tare.
In attesa di una svolta per l'accordo tra le società, l'agente del giocatore Alessandro Moggi ha lavorato sotto traccia per un'intesa sull'ingaggio, anticipandosi il lavoro. L'accordo tra le società sta per essere definito, Lotito si è rassegnato a perdere praticamente a parametro zero un giocatore che in realtà arrivò proprio a titolo gratuito dopo il fallimento del Perugia di Gaucci.

La conclusione della storia è slittata a causa degli impegni asfissianti di Moggi che proprio in queste ore ha chiuso il passaggio di Federico Balzaretti alla Roma: il terzino effettuerà le visite di rito e firmerà a Trigoria in giornata, non è da escludere che Moggi salterà dall'altra parte del Tevere per una chiacchierata con la Lazio, per definire gli ultimi dettagli. Entro la settimana l'affare si chiude, i capitolini hanno necessità di sfoltire la rosa per rinforzarsi poi nei punti giusti, Stendardo si appresta a tornare a Bergamo - lui stesso ne è consapevole da una decina di giorni - e diventare una colonna portante del muro neroazzurro.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Europa

Primo piano

Real-Paqueta, dg Flamengo: "Firmato accordo col Milan: lo rispetteremo" Bruno Spindel, direttore generale del Flamengo, ha parlato di Paquetà a "Coluna do Flamengo". Perché cederlo ora e non aspettare la fine dell'anno? "Sto parlando come dirigente, queste decisioni dipendono dall'approvazione del Concilio Deliberativo. Lavoro qui con la stessa...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy