HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Italiane, chi va avanti in Champions League?
  Passerà solo la Juventus
  Juventus e Napoli
  Juventus, Napoli e Inter
  Juventus e Inter
  Juventus, Napoli e Atalanta
  Juventus, Atalanta e Inter
  Juventus, Atalanta, Napoli e Inter

La Giovane Italia
Serie A

Caos Napoli, il vicepresidente AIC: "In A successa cosa simile a Livorno"

08.11.2019 20:00 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 3935 volte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Il vicepresidente dell'Assocalciatori, Umberto Calcagno, ha parlato a Punto Nuovo Sport Show del caso Napoli. "Per la multa ai giocatori del Napoli bisogna vedere gli atti, poi comunque deciderà il Collegio Arbitrale. Le norme oggettivamente non prevedono un ritiro punitivo, si capirà in merito se c'erano i presupposti di condizione e di preparazione dei calciatori. Ci sarà un collegio che vedrà le carte, non può bastare la dichiarazione di una delle parti, queste cause si giocano soprattutto sulle testimonianze delle persone coinvolte e per esperienza dico che quando nei collegi si è discusso sui ritiri si sono avute delle decisioni più disparate. Con le prove testimoniali si sapranno effettivamente le decisioni come sono state prese. Non c'è un problema di formalizzazione ma bisogna vedere se questa convocazione sia o meno legittima.

E' possibile che De Laurentiis possa togliere il 25% dello stipendio perché è previsto dal contratto collettivo, però tutte le percentuali che superano il 5% devono essere prima vagliate dal collegio e poi trattenute e qui si parla di contenziosi che durano mesi. Dalle situazioni però di ipotetici contenziosi si può riuscire comunque ad ottenere risultati, qui comunque il discorso è più ampio, è di motivazioni, di cercare di ripartire al di là del contenzioso. Bisogna ragionare con 25 teste, perché sono 25 singoli ricorsi, può succedere che un calciatore può contestare la multa del 5% e altri no.

In Serie A era già successa una cosa simile con il Livorno, tra il presidente Spinelli e Serse Cosmi, in quel caso alcuni collegi reputarono giusto il ritiro ed altri no. Quindi si parla sempre di percezione di come si verificano i fatti. Può capitare quindi che uno può vincere un ricorso ed uno no, perché a Livorno così successe perché ci possono essere dei collegi giudicanti che si possono avere delle idee diverse. I calciatori non si sono rivolti a noi prima di agire"


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Prova di maturità L'Italia non ha mai sottoportato le amichevoli. Così come le partite di qualificazione che non contavano nulla, rischiando spesso la figuraccia, pure quando - alla fine - arrivava una vittoria. Così contro l'Armenia, dopo dieci vittorie consecutive - e allargando lo spettro 11 affermazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510