HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Serie A

Chievo, Dainelli: "Ho il contratto fino a giugno, poi mi vedo dirigente"

15.11.2017 12:49 di Lorenzo Di Benedetto  Twitter:    articolo letto 1975 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Il difensore del Chievo Verona Dario Dainelli ha parlato ai microfoni de La Gazzetta dello Sport partendo proprio dalla squadra gialloblù: "È una famiglia che ha regole e abitudini. A volte sono tanto ferree, con una storicità di ambiente e con un presidente abitudinario. Si crede che sia giusto comportarsi come si è sempre fatto, magari chi arriva da fuori non apprezza subito, perché vedi delle diversità da altri posti, però dopo poco capisci che è l’aspetto che fa la differenza. Cambiamenti ponderati, ma pensati e desiderati. Sono arrivato a fine gennaio 2012, da una situazione difficile a Genova, con infortuni e sospetti di presunta combine in un derby. Ma nelle difficoltà ti accorgi delle persone che ti fanno bene, il presidente e il Chievo fanno parte di queste. Ero in prestito, poi sono rimasto anche se dal punto di vista contrattuale non era facile, perché a Genova c’erano altri parametri di stipendi. La mia scelta è stata giusta, sono qui da oltre cinque anni. Lo spirito del Chievo è sapere da dove viene e quale è la strada. La volontà è quella di aiutarsi l’uno con l’altro perché a livello tecnico, di età o di valori la maggior parte delle squadre ha qualcosa di più. Il mio futuro? Ho il contratto fino a giugno, mi ero prefissato di continuare finché c’erano entusiasmo, divertimento e la voglia di stare in gruppo che ti tiene giovane. Quando vinci non senti gli anni o la fatica. Spesso parliamo di cosa si farà da grandi, visto che siamo in tanti con una certa età. Mi sento più vicino a restare nella vita sul campo, anche se gli spostamenti di un allenatore possono essere difficoltosi per la famiglia. Allora pensi a un incarico dirigenziale. Montella? Mi chiese anche la maglia nel giorno del mio esordio. Gliela diedi, ma non capivo, forse qualche legame con Empoli. A distanza di anni alla Fiorentina trovai un fisioterapista che si chiamava Dainelli, mi disse: “Io ho la maglia del tuo debutto in A”. Ecco, ora si spiega tutto. Tomovic e Gamberini tra i migliori col Napoli? In tanti qui possono fare bene. Non sono insostituibile in campo, mentre a cena non so".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

...con Soldati “Contro il Napoli mi auguro sia la partita del nostro rilancio, abbiamo bisogno di fare punti. Giocheremo contro una delle squadre più forti del campionato, ma Velázquez ha sempre schierato formazioni competitive: ce la giochiamo”. Così a TuttoMercatoWeb il presidente dell’Udinese,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy