HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Serie A

ESCLUSIVA TMW - Buffon-day, Guardalben: "Pensavo di esser forte, poi vidi Gigi"

17.05.2018 10:24 di Lorenzo Marucci   articolo letto 11151 volte
© foto di Federico De Luca

"La carriera parla per lui. Appena lo vidi allenarsi per la prima volta mi si illuminarono gli occhi". Matteo Guardalben è stato il vice di Buffon al Parma e racconta tanti aneddoti curiosi sul portiere carrarino: "Mi sentivo forte ma appena vidi Gigi capii che esser forte era un'altra cosa. Lui era un vero fenomeno. Così dissi al mio procuratore: 'O mi trovi un'altra squadra oppure guardo Gigi giocare'. E' stato eccezionale e mi dispiace che non sia riuscito a conquistare la Champions. Per quanto riguarda la scelta di smettere - spiega a Tuttomercatoweb.com - è giusto che se davvero lo farà lo abbia fatto con la sua testa, senza ascoltare le pressioni esterne. Fossi stato in lui forse avrei continuato, ma alla fine è anche meglio se tutti diranno: però poteva proseguire per 2-3 anni...".

Tornando al Parma, quali altri episodi le vengono in mente?
"Ricordo che lo difendevo quando c'era chi lo criticava per qualche suo atteggiamento che poteva sembrare eccessivo. Una volta indossò, sotto la casacca, la maglia di Superman e alla fine di una grande partita con l'Inter la mostrò a tutti. Fu criticato perché poi secondo molti questo modo di fare gli si sarebbe ritorto contro. In realtà poteva permetterselo già all'epoca. E' stato fortissimo anche perché ha saputo modificarsi attraversando senza difficoltà il cambiamento del ruolo del portiere. Era nato con il retropassaggio che si poteva prendere con le mani ed è diventato, con la perseveranza e l'allenamento serio, abile con i piedi e nel far ripartire l'azione"


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Europa

Primo piano

...con Lupo “La Juventus, quest’anno in particolare, affronta tutte le partite col giusto piglio e senza considerarle facile o difficili”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex direttore sportivo del Palermo, Fabio Lupo. Lo Young Boys è avversario abbordabile. “Rappresenta un campionato più piccolo,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->