Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
esclusiva

Signori e i calci di punizione:"Bene Tevez, ritroviamo gli specialisti"

ESCLUSIVA TMW - Signori e i calci di punizione:"Bene Tevez, ritroviamo gli specialisti"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
martedì 3 marzo 2015, 15:53Serie A
di Lorenzo Marucci

Beppe Signori è stato un vero e proprio specialista dei calci piazzati. col suo mancino ha saputo disegnare traiettorie spesso imprevedibili per i portieri. Ora che anche Tevez ha realizzato un gol di precisione su punizione, è interessante fare con l'ex attaccante di Lazio e Bologna un punto della situazione su chi è davvero abile in questa specialità e come è possibile migliorare: "Tevez ha i piedi per segnare anche come ha fatto ieri - dice Signori a tuttomercatoweb.com - certo, occorrono allenamento e convinzione. A Tevez comunque, con le qualità che si ritrova, viene bene tutto".

Magari nel calcio di punizione non si era ancora visto perché chiuso da Pirlo..
"Sì, quando c'è il titolare le batte lui, un po' come avviene con i rigori: c'è il primo rigorista e poi il vice. Ma Tevez ha fatto vedere di poter battere le punizioni".

In generale chi le piace di più a calciare le punizioni?
"Pjanic è bravo, Hernanes alla Lazio ne batteva parecchie. Un altro è Alino Diamanti che a Bologna ha fatto vedere belle cose anche da questo punto di vista. Lui ha un tiro potente ma anche a giro, e col mancino oltretutto riesce a trovare traiettorie diverse e molto efficaci".

Perchè però non ci sono più tantissimi specialisti?
"Ci vogliono allenamenti specifici e pazienza. Non si impara in un giorno. Servono le qualità tecniche, ma anche la coordinazione e la precisione. Il lavoro specifico a fine allenamento è fondamentale, occorre mettersi lì e provare a ripetizione anche se non ci sono le pressioni di una partita e la barriera è statica e non in movimento. Ma i miglioramenti arrivano".

© Riproduzione riservata
Primo piano
TMW Radio Sport