Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Inter, Icardi: "Juve? Gara speciale. Voglio vincere qui, mai vicino al Napoli"

Inter, Icardi: "Juve? Gara speciale. Voglio vincere qui, mai vicino al Napoli"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
martedì 20 settembre 2016, 01:15Serie A
di Tommaso Maschio

Il centravanti dell'Inter Mauro Icardi ha parlato così a Tiki Taka, trasmissione in onda su Italia 1: "Ho sempre detto che non sono mai voluto andare via, mi trovo bene qui a Milano e all'Inter. voglio vincere qualcosa con questa maglia e abbiamo l'occasione per farlo con questa grande squadra. Ci sono stati contatti con il Napoli e non solo, ma mia moglie che è anche la mia procuratrice ha sempre messo in chiaro che non volevo andare via. Non sono mai stato vicino ai partenopei. Non abbiamo preparato nulla di speciale in settimana, ci siamo allenati come sempre con De Boer, in 4 giorni non cambia la squadra, contro l'Hapoel abbiamo sottovalutato l'avversario, mentre con la Juventus è una gara sempre speciale. Higuain? Ero un po' sorpreso dal fatto che era in panchina, però loro hanno grandi attaccanti come Mandzukic. Siamo due giocatori molto diversi, ma quello che conta è fare gol ed entrambi abbiamo dimostrato di poterli fare. Filippo Inzaghi era un grandissimo attaccante, giocava sempre sulla linea del fuorigioco. Ogni calciatore è diverso dall'altro, io ho visto tanti suoi gol e mi piaceva il suo modo di fare l'attaccante, sempre al limite del fuorigioco. - continua l'argentino - Ci sono momenti, come nella gara contro la Juve, che dopo l'espulsione di Banega ho cercato di sistemare la squadra e ho spronato i compagni a restare concentrati fino alla fine. Dobbiamo allenarci per trovare continuità che è fondamentale per poter puntare a certi traguardi. Al momento il più folle è Felipe Melo, ti fa ridere tantissimo nonostante in campo sembri cattivo. ".