HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Serie A

L'irrisolvibile storia infinita del migliore al Mondo

07.12.2017 20:45 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 14489 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Viviamo un sogno e cerchiamo il pretesto per rovinarlo. Scegliendo il bianco e il nero, gridando più che godendo. Calpestiamo l'era dei Grandi sull'altare della scelta, quando forse la loro enorme diversità e unicità è lo specchio di un'altrettanto splendida grandezza. E incomparabilità. Nove anni sono trascorsi da quando Lionel Messi e Cristiano Ronaldo, Cristiano Ronaldo e Lionel Messi, si spartiscono i primi due gradini del podio del Pallone d'Oro.

Cinque a cinque e pure cinque a cinque. Primo e secondo, secondo e primo. Ondivaghi, tra alti e altissimi, in posizioni che sono fotografie e non racconti. Sono istantanee frutto dell'istinto e della bacheca. Cristiano Ronaldo che vince l'Europeo e la Champions è da Pallone d'Oro, Lionel Messi che trionfa su tutto e tutti altrettanto.

Diego Armando Maradona, che di frasi sopra le righe ne ha regalate tante quante i dribbling e le magie, ha detto la verità. Semplice, banale, seppur oscura e misteriosa. "Messi non è più forte di Cristiano Ronaldo e, viceversa, Cristiano Ronaldo non è più forte di Messi". La vita è fatta d'istinto e pure di parametri. Se sul piatto del paragone c'è il talento puro, la bilancia pende al di là delle Colonne d'Ercole ma se si calcola l'essere decisivo, trascinatore, campione inteso nell'accezione del professionista, ecco che il vento del primato soffia forte di nuovo verso l'Europa.

Resterà un dubbio amletico, sul cui altare non è lecito sacrificare l'emozione del momento. Aprire gli occhi, anziché spremere le meningi, è l'unica ricetta necessaria. Riflettere su qualcosa di irrisolvibile è sforzo vano, che fa disperdere per strada il gusto d'apprezzare quel che viviamo. Un sogno bellissimo. Un'epoca che, tra anni, sarà splendido raccontare. Quella dove un piccolo ragazzo di Rosario e il figlio di un giardiniere di Funchal si sono spartiti il mondo. Senza la pretesa d'essere il migliore. Con tutto il diritto di farlo. Ma rendendoci partecipi di una sfida con due vincitori e con un solo sconfitto. Chi cerca, impudentemente, di riflettere a chi consegnare la corona, anziché godersi l'attimo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

UFFICIALE: Jorge Sampaoli non è più il ct dell'Argentina Quasi in concomitanza con l'affermazione della Francia sul tetto del Mondiale, arriva anche l'annuncio dell'AFA: Jorge Sampaoli, dopo una Coppa del Mondo deludente e zeppa di polemiche esterne ed intestine disputata dall'albiceleste, ha annunciato tramite i propri canali di comunicazione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy