HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Serie A

Lazio e Chievo come col Toro nel 2015: il Genoa ha la sua zona Laxalt

Dal corrispondente a Genova
14.02.2018 07:45 di Andrea Piras   articolo letto 5373 volte
Lazio e Chievo come col Toro nel 2015: il Genoa ha la sua zona Laxalt

D'ora in poi chiamatela “zona Laxalt”. Il Genoa e Diego Laxalt concedono il bis. Un altro gol nel recupero consegna agli uomini di Ballardini un prezioso successo contro il Chievo, ennesimo colpo esterno che porta un'altra boccata d'ossigeno nei polmoni dei rossoblu. Mattatore del pomeriggio l'esterno uruguaiano che ormai sembra averci preso gusto a decidere le sfide nei minuti di recupero. Sono infatti otto i gol realizzati dal ragazzo con la maglia del club più antico d'Italia - sette in campionato e uno in Coppa Italia - tre dei quali dopo il 90'. Riavvolgiamo il nastro. Minuto 92, all'Olimpico di Roma l'esterno uruguaiano raccoglie un cross di Hiljemark e con una perentoria incornata firma il gol vittoria contro la Lazio. Minuto 91 al “Bentegodi” di Verona sua è la conclusione al volo da poco dentro l'area di rigore che trafigge imparabilmente Sorrentino. Un doppio gesto balistico, uno di testa e uno di piede, che pesa come un macigno nella lotta salvezza e che ha permesso al Vecchio Balordo di mettere dell'ottimo fieno in cascina distanziando la SPAL terzultima in classifica di ben 10 punti. Non è la prima volta che il ragazzo mette il proprio nome sul tabellino dei marcatori a pochi giri di lancetta dal triplice fischio finale. Il 28 ottobre 2015, fu proprio un suo gol al 93' - in quella gara realizzò una doppietta - a mettere il sigillo sul 3-3 finale sul campo del Torino, rimediando ad un'autorete di Tachtsidis all'89'. Esterno mancino di assoluto valore, spesso il suo nome viene accostato a diversi club nelle varie sessioni di mercato ma alla fine è sempre rimasto nel capoluogo ligure lasciando sempre il segno ogni qualvolta viene chiamato in causa. Testa bassa e lavorare, come tutto il gruppo di Ballardini che sta preparando il match del “Ferraris” contro l'Inter. “I risultati portano tranquillità e fiducia. Dobbiamo proseguire così e fare il massimo anche contro l'Inter: sarà una partita difficile ma cercheremo di fare il risultato. Poi chiunque segnerà andrà bene”. Queste le sue parole raccolte ieri a margine di un incontro con i tifosi che sabato prossimo vorrebbero urlare ancora il suo nome dopo un gol. Nei minuti di recupero poi sarebbe ancora più bello.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Europa

Primo piano

Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 21 ottobre ROMA, FURIA PALLOTTA: BALDINI EVITA IL RITIRO. IL FROSINONE VA AVANTI CON LONGO. MILAN, LA SETTIMANA DI BONAVENTURA. MANCINI: “TANTI GIOVANI ITALIANI, VOGLIO FARLI DIVERTIRE” - Perdere contro la SPAL, in casa, con una prestazione tremenda, non è andato giù a James Pallotta, furibondo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy