HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere della Serie A 2018/19?
  Cristiano Ronaldo
  Gonzalo Higuain
  Mauro Icardi
  Ciro Immobile
  Edin Dzeko
  Dries Mertens
  Paulo Dybala
  Gregoire Defrel
  Arkadiusz Milik
  Duvan Zapata
  Krzysztof Piatek
  Mario Mandzukic
  Leonardo Pavoletti
  Altro

La Giovane Italia
Serie A

Le parole di Malagò e la coscienza di Tavecchio

15.11.2017 08:30 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 9289 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Giovanni Malagò ha parlato da uomo di sport. Da dirigente vero. A schiena dritta, senza timore di snocciolare verità scomode per qualcuno, chiare e necessarie per altri. Anzi, per molti. Perché specifica, il numero uno del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, che "non ci sono strumenti procedurali e giuridici per commissariare la FIGC e Carlo Tavecchio". Poi, però, parla anche di "diritti e doveri sportivi" e di "coscienza". Quella che avrebbe dovuto portare il numero uno della Federazione calcistica italiana a dimettersi già, al triplice fischio di Italia-Svezia.

La gestione Tavecchio ha lati positivi, è innegabile. Ma il calcio vive di risultati e l'Italia è fuori dal Mondiale, per la prima volta dal '58 e allora c'erano solo sedici squadre nella massima kermesse intercontinentale. L'Under 21 continua a non conseguire risultati ed è ancora fuori dalle Olimpiadi. Il calcio femminile è lontano anni luce dalla dimensione raggiunta da altre nazioni e le Leghe di A e B sono ancora senza presidente.

Quella di Carlo Tavecchio è una gestione fallimentare e la punta dell'iceberg raggiunta a San Siro è la goccia che deve far traboccare il vaso. Malagò ha usato parole dure, durissime. Nette e settarie. "Fossi in lui mi dimetterei ma è padrone del suo destino e di assumersi le responsabilità della propria scelta", ha detto. "Se riterrà di essere l'uomo opportuno per portare avanti il nuovo corso della FIGC, farà altrettanto". L'addio al Mondiale di Russia 2018 dovrebbe dare, da solo, la giusta risposta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Rassegna stampa

Primo piano

...con Ammarí Svincolato ma con tanta voglia di tornare protagonista. Najib Ammari scalpita, in attesa di rientrare in Italia dalla porta principale. “Mi alleno con una squadra in Francia e con un preparatore personale. In attesa di farmi trovare pronto”, dice il centrocampista ex Spezia e Latina...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy