HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Serie A

Le parole di Malagò e la coscienza di Tavecchio

15.11.2017 08:30 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 9289 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Giovanni Malagò ha parlato da uomo di sport. Da dirigente vero. A schiena dritta, senza timore di snocciolare verità scomode per qualcuno, chiare e necessarie per altri. Anzi, per molti. Perché specifica, il numero uno del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, che "non ci sono strumenti procedurali e giuridici per commissariare la FIGC e Carlo Tavecchio". Poi, però, parla anche di "diritti e doveri sportivi" e di "coscienza". Quella che avrebbe dovuto portare il numero uno della Federazione calcistica italiana a dimettersi già, al triplice fischio di Italia-Svezia.

La gestione Tavecchio ha lati positivi, è innegabile. Ma il calcio vive di risultati e l'Italia è fuori dal Mondiale, per la prima volta dal '58 e allora c'erano solo sedici squadre nella massima kermesse intercontinentale. L'Under 21 continua a non conseguire risultati ed è ancora fuori dalle Olimpiadi. Il calcio femminile è lontano anni luce dalla dimensione raggiunta da altre nazioni e le Leghe di A e B sono ancora senza presidente.

Quella di Carlo Tavecchio è una gestione fallimentare e la punta dell'iceberg raggiunta a San Siro è la goccia che deve far traboccare il vaso. Malagò ha usato parole dure, durissime. Nette e settarie. "Fossi in lui mi dimetterei ma è padrone del suo destino e di assumersi le responsabilità della propria scelta", ha detto. "Se riterrà di essere l'uomo opportuno per portare avanti il nuovo corso della FIGC, farà altrettanto". L'addio al Mondiale di Russia 2018 dovrebbe dare, da solo, la giusta risposta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

TMW - Ajax, settimana calda per De Ligt e De Jong. Barça più vicino Settimana calda per l’Ajax. Si avvicinano le cessioni di De Ligt e De Jong. Entrambi in direzione Barcellona. Due operazioni separate. De Jong per gennaio, De Ligt per l’estate. Affare che vi abbiamo già raccontato mesi fa e che si avvicina ai 120 milioni. Barça più vicino per entrambi....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->