HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere del Mondiale?
  Cristiano Ronaldo
  Lionel Messi
  Neymar
  Romelu Lukaku
  Harry Kane
  Antoine Griezmann
  Denis Cheryshev
  Sergio Aguero
  Gabriel Jesus
  Diego Costa
  Timo Werner
  Dries Mertens
  Luis Suarez
  Kylian Mbappé
  Artem Dzyuba
  Edinson Cavani
  Falcao
  Mario Mandzukic
  Thomas Muller
  Altro

Serie A

Roma, Alisson: "Sto vivendo un'esperienza unica. All'inizio è stata dura"

19.05.2017 21:15 di Lorenzo Di Benedetto  Twitter:    articolo letto 5634 volte
© foto di Federico Gaetano

Il portiere giallorosso Alisson ha rilasciato un'intervista ai microfoni di Roma TV durante la rubrica Roma Inside: "Mi trovo molto bene a Roma, è un'esperienza unica in un città storica e in una squadra come la Roma, culturalmente è molto simile al Brasile, mi trovo bene con la mia famiglia. Mi trovo bene non solo per il calcio ma anche a livello culturale, questa città ti può insegnare molto, quindi è un'esperienza positiva. All'inizio è stato difficile a causa della lingua, finché non la impari, qua parlano tutti italiano e un po' inglese, io conoscevo più quest'ultimo che l'italiano. In tre mesi ho imparato le nozioni base dell'italiano e ho iniziato a comunicare meglio con i miei compagni. In campo è diverso, è più naturale, già dalla prima settimana sono riuscito a comprendere il calcio europeo e quello italiano, l'adattamento in campo è stato più veloce che fuori, perché bisogna imparare lingua, cultura, modi. Ci sono molti stranieri, la maggior parte e altri di altri paesi nel mondo, tutti con la loro cultura. Roma è una città turistica e quando vado in centro vedo persone da tutto il mondo ed è normale, tu sei solo in mezzo a una moltitudine di gente e vai tranquillo. È nella cultura del calcio accusare il portiere quando di subisce gol, la gente cerca di capire di chi è stato l'errore, ma noi ci alleniamo duramente ogni giorno e solitamente siamo i primi a entrare in campo e gli ultimi a uscire, lavoriamo molto, quando si gioca ogni errore minimo può essere fatale. La parte consumata del campo è dove è posizionato il portiere. Volevo giocare in porta sin da bambino, ma prima giocavo come regista perché mio fratello Muriel faceva il portiere e per chi non lo sapesse gioca nell'Internacional de Porto Alegre. Un giorno mi disse di giocare in mezzo perché fare il portiere è faticoso. Dopo un solo allenamento ero terrorizzato, troppa confusione. C'erano persone in ogni lato, tutti correvano dietro la palla e a me non piaceva. Sono un tipo un po' solitario, un giorno mancava il portiere e ho parlato con l'allenatore e sono diventato portiere e questa piccola scelta mi ha portato bene".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e ufficialità del 23 giugno INTER, LUNEDI’ LE VISITE MEDICHE PER NAINGGOLAN. NAPOLI, CONTATTI FREQUENTI PER MERET. NAPOLI, ALBIOL COMBATTUTO TRA ANCELOTTI E IL RITORNO A CASA. LAZIO, PRESSING PER ACERBI. NELL’AFFARE ANCHE CATALDI. JUVENTUS, PJANIC AVVISTATO A BARCELLONA MA MAROTTA NON FA SCONTI. FIORENTINA,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy