VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Serie A

TMW RADIO - Malagò: "Tavecchio si prenderà responsabilità della scelta"

14.11.2017 13:45 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 10400 volte
Fonte: dal nostro inviato a Roma, Alessandro Carducci
© foto di Stefano Porta/PhotoViews

Lunga chiacchiera coi cronisti presenti al Coni per il presidente Giovanni Malagò. "La delusione umana è clamorosa, c'è grande amarezza. Un uomo di istituzioni deve ascoltare tutti ma poi ragionare di buon senso, secondo le norme".
Sull'ipotesi di commissariamento di Tavecchio. "Oggi il presidente del CONI, nei confronti di una delle sue sessantaquattro federazioni, deve commissionare in tre casi: il primo, e non in ordine di importanza, è se non c'è il funzionamento della giustizia sportiva. Il secondo è la regolarità e il funzionamento dei campionati. Il terzo è se ci sono gravi irregolarità amministrative. Oggettivamente non c'è nessuno di questi tre fattori e quindi non ci sono strumenti procedurali e giuridici per portare avanti un commissariamento della FIGC. Poi c'è un altro discorso, non scritto nelle norme e nei regolamenti: ci sono gli adempimenti di diritti e doveri che riguarda le competenze sportive, le responsabilità sotto gli occhi di tutti.
Sullo sprofondo Italia e un paragone con il '58. "Dal '58 non eravamo fuori dal Mondiale, se dobbiamo dirla tutta all'epoca andavano sedici squadre e ora decisamente molte di più. La finestra era più stretta allora di adesso che ci sono più possibilità. Si viene da un periodo dove la Nazionale non ha fatto grandi risultati. Come CONI, serve una valutazione anche sull'Under 21 che ha dato segnali importanti negli ultimi mesi ma c'è stata delusione per la mancata qualificazione alle ultime edizioni olimpiche. Finalmente si sta svegliando l'attenzione sul mondo femminile ma l'Italia manca da una grande competizione praticamente da sempre. Sono valutazioni oggettive".
Sul contatto con Tavecchio. "Ho sentito Carlo Tavecchio stamattina, era doveroso, chiedendogli le sue intenzioni. Domani alle 16 c'è un incontro con i rappresentanti delle sue componenti, i rappresentanti delle varie leghe anche se quelle di A e B non hanno vertici salvo questioni commissariali in cui peraltro in una è lui stesso. E' padrone, sulla base di quello che ho detto, di assumersi le responsabilità".
"Fossi in lui mi dimetterei". "Se mi chiedete cosa farei al posto suo, mi dimetterei. Così facendo, si attesterebbero le cose buone fatte: le squadre giovanili stanno crescendo, si sta sdoganando la VAR che ieri poteva magari anche essere d'aiuto anche se c'erano episodi dubbi da una parte e dall'altra. Poi anche eccellenti scelte in campo internazionale su chi appoggiare, vedi Ceferin e Infantino con UEFA e FIFA. Sono state fatte delle cose bene ma la situazione sportiva è quella che è e dunque tutta quella a trecentosessanta gradi. Il calcio rappresenta tanto in Italia, per alcuni una religione, per altri anche oltre. La posizione del CONI è questa, dalla A alla Z".
Su Ventura. "Ventura? Non credo che le sue dimissioni siano il punto. Se è vero, e do per scontato che lo sia, che ha un contratto che sarebbe stato rinnovato in caso di qualificazione in Russia, di cosa stiamo parlando? Il contratto ha qualche mese ma la sostanza cambia poco. Di fatto Ventura non ha il rinnovo, che si dimetta al 15 novembre o tra 20 giorni o un mese, cambia poco".
"Con Ventura doveva esserci Lippi". "Gli elementi sono acclarati, il tema non è solo Ventura anche se, mi sento di dirlo, l'inizio del percorso e del progetto era legato a un'altra filiera di carattere tecnico che prevedeva un ruolo significativo di Marcello Lippi. Poi non è andato a buon fine per discorsi sopraggiunti dopo e questo ruolo di Ventura, diventato poi responsabile della filiera delle squadre nazionali, è stato una valutazione sbagliata. Non cambio giudizio su Ventura. Prima c'era un dg che prevedeva anche un ad, poi il dg è rimasto senza ed è stato una scommessa persa. Le dimissioni? Non c'è obbligatorietà. Ci sono stati casi dove presidenti federali e allenatori sono rimasti al loro posto assumendosi le proprie responsabilità, altri che hanno deciso di dimettersi. Sono scelte di coscienza: se Tavecchio dopo l'incontro di ieri riterrà di essere l'uomo giusto per portare avanti il discorso della Federcalcio, il suo nuovo corso, se ne assumerà le responsabilità.
Sul futuro della FIGC. "Figure per sostituirlo eventualmente? Ci porremo il problema se ci saranno le dimissioni. Il presidente del CONI non deve fare campagna elettorale per qualcuno. Poi, se non ci sono condizioni elettorali, ci sono tante persone a cui non viene in mente di proporsi per entrare nel tritacarne, senza certezze di risultati. Ecco perché dico che i presupposti ci saranno solo se ci saranno certe scelte".
Sul danno per l'Italia. "Un colpo duro per l'Italia a livello economico dopo il no a Roma 2024? Ci sono editorialisti ed economisti che hanno fatto esercizi di quantificazione di questi danni. A 360 gradi, ci sono tante aziende e sponsor che investono, i diritti tv, l'effetto atmosfera che si genera nel paese che vengono a mancare. Negarlo significherebbe non essere seri. Di contro, va detto che stiamo adoperandoci, per senso di responsabilità, per portare alternative. Avremo un Mondiale di pallavolo, avremo la certezza di essere tra le sedi dell'Europeo 2020 e ci stiamo prodigando per avere la partita inaugurale".
Sui giocatori dell'Italia. "I giocatori hanno dato il massimo, complimenti a San Siro quando si sono messi a cantare l'inno negli ultimi minuti. Milano ha strarisposto. C'era gente che veniva da tutta l'Italia. Cresce il rammarico, al livello di scelte più di qualche cosa non è andato".
Su un big come futuro ct. "Sarà una componente fondamentale ma non l'unica"


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A
Altre notizie
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
TMW RADIO - Napoli-Inglese, conferme per gennaio. Poi un terzino Il direttore di 'TMW Radio' Niccolò Ceccarini, attraverso il suo profilo twitter, ha fatto il punto sul calciomercato di gennaio sul...
23 novembre 2002, Figo nemico al Camp Nou "accolto" da una testa di maiale Il 23 novembre 2002 si gioca il Clasico Barcellona-Real Madrid con Luis Figo osservato speciale. L'asso portoghese due estati prima...
TMW RADIO - I Collovoti: "9 a Khedira, super Handanovic. Bonucci 4” Torna l'appuntamento con 'I Collovoti' di Fulvio Collovati, che su 'TMWRadio' commenta la giornata di campionato appena trascorsa: I...
Nesti-Dossier Italia: cosa fare dopo Tavecchio NES-tweet Da lunedì 24 luglio 2017, attuo una sinergia fra tuttomercatoweb.com, Facebook (NESTI Channel in www.carlonesti.it) e...
L'altra metà di ...Marco Parolo Il giocatore della Lazio e della Nazionale Marco Parolo e la sua bella moglie Caterina Castiglioni fanno coppia fissa da tredici anni...
Fantacalcio, PROBABILI FORMAZIONI 14^ GIORNATA --in aggiornamento-- AGGIORNATO 22-11-2017  ORE 22:00 Tra parentesi troverete gli indici di schierabilità e la percentuale voto panchina, che vi aiuterà nel capire chi potrà...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 23 novembre 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi giovedì 23 novembre 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.