HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Serie B

Ascoli, Brosco: “Senza Ninkovic useremo altre armi”

07.12.2018 22:23 di Luca Bargellini  Twitter:    articolo letto 1131 volte
Fonte: TuttoAscoliCalcio.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Riccardo Brosco alla vigilia della sfida con il Venezia è tornato a parlare del match con lo Spezia prima di introdurre la partita del Penzo:

“Contro lo Spezia è stata una partita non facile, ci pressavano alti e per noi non era semplice impostare l’azione, faccio i complimenti a chi ha segnato, sono stati gol fantastici. Il gol di Padella? Ha attraversato un periodo non facile e il suo gol ha fatto enormemente piacere a tutti noi, è stata una liberazione per lui. Ha messo a segno una rete molto difficile: ha anticipato l’attaccante, si è portato avanti la palla e ha segnato. Speriamo continui su questa strada perché può aiutarci molto, aveva una carica particolare quando è entrato in campo, ci teneva a giocare, eravamo sul 2-1 e stavamo soffrendo. La difesa? Siamo tre ottimi centrali, chi gioca dà sempre il massimo”.

Sul Venezia: “Stiamo preparando il match nei minimi dettagli, il Venezia è una squadra ostica, quella di domani rientra fra le partite medio-difficili che la B presenta quasi ogni settimana, dobbiamo stare concentrati e andare lì per strappare almeno un punto, dovremo stare sempre sul pezzo, poi a marzo-aprile tireremo le somme, non è facile restare agganciati alla zona play off perché la soglia fra le squadre sopra e quelle sotto è sottile”.

Sull’assenza di Ninkovic: “Si tratta di un’assenza importante perché ci appoggiamo molto a lui in fase di impostazione; penso che senza di lui possiamo trarre beneficio in fase di non possesso perché il centrocampista che giocherà supporterà maggiormente la fase difensiva. Sappiamo che la nostra squadra è comunque tosta, Ninkovic rappresenta un valore aggiunto di una squadra già forte, dovremo usare altre armi”.

Sul suo rendimento e quello della squadra: “Non mi ritengo mai soddisfatto, non lo ero neanche dopo il match con lo Spezia. Più in generale penso che siamo un’ottima squadra come ce ne sono altre dieci, non dobbiamo mollare neanche un centimetro e non lasciare niente al caso, a volte accontentarsi di un punto può essere intelligente, l’importante è restare agganciati alla zona play off. Ora abbiamo trovato la quadratura, sappiamo cosa fare in campo rispetto a inizio stagione quando eravamo tutti nuovi. Dopo Venezia avremo due gare in casa, senz’altro un vantaggio perché con l’apporto del nostro pubblico sappiamo che possiamo dare qualcosa in più, ma ora siamo concentrati sul Venezia, pensiamo solo a questa sfida per ora”.

Sul mercato: “Avendo impostato il mercato in ottica 3-5-2 magari qualche ruolo è un po’ scoperto come quello del trequartista o del terzino, ma queste cose sono di competenza del Direttore, la squadra è già competitiva così”.

Su Ardemagni e Ngombo: “Ardemagni lo conosciamo tutti, nelle ultime due gare ci ha fatto vedere che è rientrato alla grande. Ngombo è stato una piacevole sorpresa, dà sempre il massimo, appena arrivato non lo conoscevamo ma era evidente il suo fisico statuario, c’era grande curiosità di vederlo all’opera. Deve entrare ancora perfettamente nei discorsi tecnici, con Ardemagni forma un’ottima coppia, si sta integrando alla grande”.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

17 dicembre 1989, il Milan torna campione del Mondo dopo 20 anni Il 17 dicembre 1989 a Tokyo il Milan diventa campione del mondo per club. La squadra di Arrigo Sacchi affronta per la Coppa Intercontinentale i colombiani dell'Atletico Nacional, campioni del Sudamerica. La partita, tirata e non bellissima, non si sblocca e si trascina fino ai supplementari....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->