HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Serie C

L'editoriale sulla C - Livorno e Samb, le scelte di pancia non pagano

Editoriale di Ivan Cardia per tuttoc.com
11.04.2018 12:11 di Ivan Cardia  Twitter:    articolo letto 3731 volte
© foto di Federico Gaetano

E quindi il calcio italiano fa schifo. O forse no. Decisamente no. Raccontatecela un’altra volta, quella storiella. Avvilito, vilipeso, nell’anno più brutto della sua storia recente a livello di nazionale, il pallone nostrano dà e riceve una bella lezione quando meno se lo aspetta. Dall’Olimpico, dalla Roma che batte i supercampioni del Barcellona. Siamo su TuttoC, si parla di Serie C, ma si parla soprattutto di calcio. E la serata dei giallorossi è stata la serata di chiunque ami il calcio, sopra ogni cosa.

La vittoria della Roma è stata bella soprattutto perché presuntuosa. Nessuno ci credeva davvero, a parte i giallorossi che sono andati in campo. Ci hanno creduto, hanno ottenuto. Può essere una lezione: può insegnarci che non tutto è da buttare. Che forse è vero quello che si dice di noi italiani: sappiamo tirare fuori il meglio quando siamo al minimo. Al livello più basso immaginabile, come movimento, ci siamo già arrivati. La Roma, per qualsiasi squadra si tifi, ci insegna che possiamo rialzare la testa. Vale in Champions League, vale in Serie C, vale per tutto il movimento: siamo nelle sabbie mobili, ma sappiamo tirarcene fuori.

Torniamo alla Serie C, torniamo al nostro orticello. Torniamo al Livorno, che sta buttando quella che sembrava una stagione perfetta. Il calcio si può fare in due modi: col cuore o col cervello. In entrambi i casi non si sbaglia. Se invece si fa calcio con la pancia, gli errori arrivano e si pagano. Ora, non posso certo insegnare come si fa calcio a Spinelli, uno che ha costruito grandissime storie di pallone. Però da marzo in poi non ne ha fatta una giusta: Sottil avrà pure le sue colpe, ma lui e Facci avevano costruito qualcosa, prima di tutto nel rapporto con la squadra. Lo stesso Foschi, che a Renate ha fatto ottime cose, non merita di essere giudicato per le cinque partite alla guida dei labronici. Sono semplicemente da dimenticare: ora la coppia Sottil-Facci è tornata, la squadra dovrà smaltire alcuni mal di pancia (leggasi il riferimento alla vicenda di Vantaggiato e Mazzoni), ma il campionato è tutto fuorché compromesso. Il Siena si trova lì con merito ma anche per demeriti altrui: gli ingredienti per una volata finale divertente, e non dettata da colpi di testa e di sole, ci sarebbero tutti. Gustiamocela.

Da calcio di pancia a calcio di pancia, si torna alla Sambenedettese. Su e giù per un ottovolante dalla traiettoria così imprevedibile che ci si trova col mal di stomaco e senza aver capito la direzione. Il paradosso è sempre lo stesso: la squadra ha alti e bassi ma nel complesso regge, la posizione in classifica è ancora buona, un ruolo da protagonisti per i marchigiani nei playoff è ben più che possibile, e insomma dovrebbero essere tutti felici e contenti. Invece il rapporto tra il patron Fedeli e il tecnico Capuano pare di nuovo ai minimi termini. Questa volta, per le bordate del numero uno verso il proprio tecnico dopo la sconfitta col Bassano. Si naviga a vista: l’impressione è che una separazione non la voglia nessuno dei due, altrimenti l’avrebbero cercata con la pratica da tempo. Oppure che la vogliano tutte e due, ma che nessuno abbia il coraggio di fare un passo formale in quella direzione. In sostanza, siamo ad aprile, a campionato inoltrato, e ancora non ci abbiamo capito niente. Forse sarebbe il caso di chiarirsi, e di chiarire, una volta per tutti. Tornando alla lezione della Roma, nel calcio essere presuntuosi può anche risultare un punto di forza. Ma per farlo occorre avere delle buone basi di partenza. A San Benedetto, sotto il profilo tecnico e direi pure societario, le hanno eccome. Soltanto, dovrebbero farci capire se stanno ragionando col cervello, col cuore, o con la pancia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Occasioni e giovani: Roma al lavoro per gennaio. Col tesoretto Strootman Non è una squadra da trasformare, né da rifondare. Del resto, questa operazione c'è già stata in estate. Con gli addii di Alisson, Nainggolan e Strootman, ma soprattutto con tanti arrivi: da Pastore a Cristante, da Santon a Kluivert, passando per Marcano, Olsen, Nzonzi e non solo....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy