HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Serie C

Vacca: "Non avrei lasciato Foggia. De Zerbi tra 2 anni Liverpool o Barça"

12.10.2018 00:50 di Ivan Cardia  Twitter:    articolo letto 15391 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

"Foggia è parte integrante della mia vita, lo sarà per sempre". Dopo gli anni in rossonero e la promozione in Serie A col Parma, Antonio Junior Vacca riparte dalla Serie C e dalla Casertana. Il regista dei Falchetti ha parlato a gianlucadimarzio.com: "Fosse stato per me non me ne sarei mai andato, era casa mia, avevo tutto quello di cui ha bisogno un uomo per essere felice: sentirsi a casa, sentirsi amato. Pensa, uno dei capi ultrà della Curva Sud si è tatuato il mio nome. Eravamo un gruppo fantastico, eccezionale, ci sentiamo ancora oggi h24 sul gruppo WhatsApp che abbiamo. Vi dico che mi sento di più con i miei compagni del Foggia che con i miei genitori. E poi avevamo un allenatore, Roberto De Zerbi, che si vedeva avesse un altro passo, è un fenomeno. Ai miei compagni dicevo, ‘vedete che il mister tra tre anni allena in Serie A’, oggi te lo dico a te, De Zerbi fra due anni allena un club come Barcellona o Liverpool. E’ un passo avanti a tutti, un mostro, ti tira fuori tutto quello che hai dentro, unico davvero".

Sull'addio a Foggia.
“Io da Foggia non me ne sarei mai andato, te lo giuro. Mi era stata data anche la fascia di capitano, fino a gennaio avevo giocato tutte le partite ma ero ancora in scadenza di contratto. Voi avete mai visto un capitano a scadenza di contratto? Ma, a parte questo, con Di Bari e Colucci sarebbe bastata mezza stretta di mano. Poi loro sono stati mandati via ed è arrivato Nember come direttore sportivo, a parole sembrava volesse rinnovarmi il contratto ma di fatti non se ne vedevano. Era un momento strano, Daniele Faggiano, ds del Parma, mi chiamava ogni giorno per andare lì, i risultati non arrivavano e il mio contratto era sempre a scadenza malgrado le parole. Così ho deciso di accettare la proposta di Faggiano, al quale devo veramente molto. C’è un rapporto splendido tra noi, mi aveva cercato anche due anni prima quando era a Palermo ma io avevo rifiutato il doppio salto di categoria per il grande amore verso Foggia. Voglio ringraziare con il cuore Faggiano e anche Giovanni Stroppa. Quando era arrivato, dico la verità, io stavo molto male perché con De Zerbi avevo un rapporto fraterno ed il suo addio mi ha fatto male. Ma poi anche con Stroppa si è creato un rapporto eccellente".

Ora l'avventura a Caserta col presidente D'Agostino e il ds Martone.
"Sono persone vere, sincere, proprio come me. E’ bastata mezza chiacchierata per decidere di venire qui e poi è una piazza del Sud, calda e passionale, speriamo vengano in di più allo stadio. Si è subito creato un bellissimo clima all’interno dello spogliatoio con un allenatore preparatissimo come Fontana. Io penso che con umiltà e con il supporto della gente ci toglieremo grandi soddisfazioni perché c’è grande disponibilità da parte di tutti e siamo tutti pronti, io in primis, a sputare il sangue per onorare la maglia della Casertana e soprattutto gli sforzi del presidente D’Agostino che non ci fa mancare davvero nulla”.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

Inter, Politano: "Pochi come Icardi in area. Derby? Serve partita perfetta" L'attaccante dell'Inter, Matteo Politano, ha parlato ai microfoni di Mediaset, parlando di Icardi. "E' un giocatore fortissimo, dentro l'area di rigore ce ne sono pochissimi come lui. All'inizio non è facile passargliela, poi capisci i suoi movimenti ed è molto più semplice. Il derby?...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy