HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Eriksen è il giocatore che serve all'Inter per lottare per lo Scudetto?
  Sì, ha l'esperienza ad alto livello che manca a Conte
  No, la Juve rimane troppo distante dalla squadra di Conte
  No, servirebbe un giocatore come Vidal per aiutare Conte

La Giovane Italia
Editoriale

Ancelotti esonerato! Date i braccioli a Gattuso, perché la società affonda. L’Inter non ha attenuanti, quello che manca (ancora) a Conte. Sarri nel sacco di Inzaghi, come sempre: la Juventus può aiutare l’allenatore?

11.12.2019 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 24435 volte

Nella maniera più cruda e crudele, il Napoli alle 23.39 annuncia l’esonero di Carlo Ancelotti. Lui non si sarebbe mai dimesso, anche se oltre che dal club era arrivata anche la sfiducia dell’intero spogliatoio, sentitosi abbandonato a torto o a ragione dalla notte dell’ammutinamento. Stranamente dopo quella sera, i giocatori internamente avevano preso a fare tutta una serie di rimostranze tecniche che però guarda caso primo non erano mai state segnalate. Carletto ha sicuramente sbagliato, nella confusione di certe scelte, nella mancanza di certe gerarchie, nella poca intensità in campionato, ma intanto in Champions il suo da 15 milioni di € l’ha fatto, e consegna a Gattuso che verrà annunciato mercoledì una squadra che si potrà disputare gli Ottavi di finale. Ma più che il mercato e giocatori, a Gattuso e al resto della squadra dovranno essere dati un paio di braccioli: la società sta affondando, con una gestione della cabina di comando umorale oltre l’ammissibile, che ha portato a sbattere sull’iceberg un transatlantico costruito in 10 anni con tanta pazienza e acume dirigenziale. Certo, De Laurentiis l’ha costruito e De Laurentiis è padrone di farci quello che vuole, ma davvero il danno d’immagine e sportivo che il Napoli si è autoprocurato ha davvero pochi eguali. E adesso per testardaggine, si continuano a dare capocciate nella chiglia, finche non si imbarca altra acqua.

A San Siro tutto quello che volete. Le assenze a centrocampo che hanno svuotato il gioco dell’Inter, e il gioco è la fonte di alimentazione principale di una squadra vincente. La mancanza di cambi all’altezza, visto che il mismatch tra titolari e panchina nell’Inter è scioccante paragonato a quello nella Juventus - l’Inter sta praticamente giocando da un mese con il centrocampo della Fiorentina di due anni fa, più Brozovic scoppiato da tempo per non essere riuscito mai a tirare il fiato.
Tutto quello che volete.
Ma il Barcellona B l’Inter non solo doveva batterlo, ma poteva tranquillamente batterlo. Perché è vero che Griezmann ha potuto giocare nella sua posizione da 10 che privilegiava tanto all’Atletico, che Rakitic e Vidal sono una cerniera da migliori d’Europa, che Neto ha fatto un partitone.
Ma l’Inter ha pur sempre sprecato 4 gol con Lukaku in serata da sciagurato Romelu, e soprattutto non ha mai giocato con sicurezza nella partita, con un centrocampo troppo timido e schiacciato, con palle lunghe in spera e prega per Lautaro e Lukaku, con un gioco molto al di sotto di quanto visto praticamente quasi sempre nell’Inter di Conte (ma le avvisagli si erano già intraviste precise contro una Roma a mezzo servizio). E last but not least, come ha sottolineato Valverde, con un’ansia da prestazione nel Secondo Tempo che le ha tagliato ulteriormente le gambe già piegate dalla mancanza di ricambi. Il gioco del Barcellona non cambia, anzi si esalta nella mancanza di pressione, ma gli interpreti ovvio cambiano, e allora Conte aveva il dovere di riportare la barra dritta nella ripresa. Ancora una volta non c’è riuscito, e l’ansia da prestazione torna a essere un suo grande problema, forse l’unico. Sempre che la Fiorentina domenica non gliene crei un altro grosso, perché in queste condizioni il pericolo di rovescio al Franchi è grossissimo.

Occhio perché un problema cronico ce l’ha anche Sarei: quando era al Napoli, c’erano solo due allenatori che sul piano della prestazione lo mettevano sistematicamente nel sacco, ovvero Allegri e Simone Inzaghi. Contro la Juve finiva per soccombere perché la differenza tecnica era non ribaltabile, contro la Lazio l’aggiustava perché il gap tecnico era a suo favore. Ma sistematicamente, si faceva attirare da Inzaghi nella sua rete bassa di centrocampo, per poi farsi insaccare con ripartenze, gamba, fiato. Stessa cosa successa all’Olimpico, nonostante un primo tempo gagliardo della Juventus.
Dunque Sarri dopo 4 anni non è ancora andato oltre i propri limiti tattici - che sono pochi, ma cronici -, o quantomeno non è riuscito a gestirli per renderli innocui. Per tanto tempo abbiamo parlato di come Sarri possa aiutare la Juventus a migliorare: ma la Juventus, con la sua caratura e qualità, può da sé aiutare Sarri a andare oltre le ingenuità? Di solito la Champions la vince chi risolve proprio quel problema.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter scatenata: blitz a Londra, ancora attesa per lo scambio con la Roma, e anche il Milan ora parla con i giallorossi 16.01 - Si muove - eccome - il mercato, fra Milano, Londra e Roma. Andiamo per ordine. Intanto blitz a Londra di Piero Ausilio, volato nella capitale inglese per approfondire i discorsi relativi a Eriksen e Giroud. Sul danese si è certificata, in un ulteriore incontro con il suo procuratore,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Eriksen-Inter: ci siamo. PSG sorpassato, ecco la richiesta del Tottenham. Il Best XI del girone d’andata: vince l’Inter, i tifosi non votano Cristiano Ronaldo, quattro allenatori davanti a Conte 15.01 - Si entra nel vivo. Giro di boa del mercato di gennaio, e l’Inter prova a sferrare l’attacco decisivo per Eriksen. La settimana scorsa vi informavamo di come i nerazzurri fossero davanti a tutti nella trattativa per il giocatore, adesso dopo 7 giorni la situazione è in rapidissima...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il problema di Sarri non è in campo (e per la difesa c'è...). Inter: Eriksen e Spinazzola (con Politano a Roma) a un passo! Milan: Ibra, il modulo... ma c'è di più. Napoli: mercato caldissimo 14.01 - Cose che sono successe nelle ultime ore e che mescoliamo con il calcio per creare ulteriore confusione. 1)      Salvo Veneziano è stato eliminato dal Grande Fratello ed è svincolato: può essere un buon rinforzo per molte squadre. 2)      Tal Favoloso era scomparso, ma per...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter, sei arrivata corta: serve il mercato. Rinnovo Ausilio meritato. Milan, finalmente il cambio modulo. La C è tornata dopo un mese: a cosa è servito?. Dal Pino in Lega ma più poteri a De Siervo 13.01 - Che l'Inter stia facendo molto di più di quello che ci aspettavamo è un semplice dato di fatto. Beppe Marotta ha lavorato benissimo in estate, ma lui stesso era consapevole lo scorso 2 settembre che bisognava aggiungere pezzi a gennaio e, soprattutto, completare la rivoluzione in...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Una lezione anche a San Siro: Gasperini è il miglior allenatore italiano. E' il Re di Bergamo e sarà difficile schiodarlo, ma chi vorrà provarci eviti l'errore della Roma 12.01 - Inter-Atalanta è stata una bella partita, uno spettacolo che è difficile da vedere altrove quando si parla di Serie A. Lo è stata perché il pressing di questa Inter è da studiare, è il segreto del successo di una squadra che arriva al giro di boa con 46 punti (meglio dell'anno del...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, il Tottenham su Piatek, per la difesa idea Rugani, si avvicina Politano. Viviano per il dopo Reina. Inter, per l’attacco sempre più vicino Giroud, Young vuole solo i nerazzurri. La Fiorentina insiste per Duncan e Bonifazi 11.01 - Il mercato è entrato nel vivo e cominciano ad arrivare i primi colpi. Il Milan dopo l’arrivo di Zlatan Ibrahimovic deve risolvere anche alcune situazioni, una di queste riguarda il futuro di Piatek. L’attaccante polacco è in uscita e su di lui si stanno muovendo in tanti. Soprattutto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco il piano per Icardi. Dopo Kulusevski, Paratici vuole soffiare all’Inter Tonali e Chiesa. Marotta replica: Vidal e Young subito, Kumbulla a giugno. Milan, il giallo cessione Armani-Arnault. Fiorentina, ecco Cutrone 10.01 - La Juventus di oggi va bene così, non ci sono soluzioni di mercato in grado di alzare da subito il livello della rosa e Sarri non gradisce troppo mettere mano al lavoro a stagione in corso. Fra l’altro si stanno vedendo progressi decisivi in Ramsey e Rabiot e pure Emre Can sta crescendo...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Mercato effervescente: Milan su Politano, Napoli doppio colpo, l’Inter aspetta Young e tutti i colpi per non retrocedere 09.01 - E' mercato effervescente, visto il grande equilibrio in tutte le zone della classifica. Ma il protagonista di giornata è il Milan che irrompe su Politano. In giornata infatti gli agenti dell'attaccante nerazzurro sono stati a casa Milan per parlare delle condizioni economiche del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Eriksen: l’Inter c’è. Difficile ma il tentativo è serio, ed è indipendente da Vidal. Pogba: la Juventus attende, Paratici e Raiola puntano ad abbassare il prezzo, tutto passa da questo maxiscambio 08.01 - La beffa Juventus per Haaland ha provocato la beffa Inter per Kulusevski. La Juve si è subito consolata, il tempo dirà se a torto o a ragione, e ha lasciato il cerino infiammato dalla delusione tra le dita dell’Inter. Il bello del mercato e del calcio in senso lato è che, come si...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ronaldo e il "piano" mercato. Inter: doppio colpo in arrivo... ma senza esagerare. Milan: ok Ibra, ma la soluzione è un'altra. La lezione di Lazio e Atalanta 07.01 - Rieccoci. Saremo sbrigativi. L'anno nuovo regala situazioni antiche. E ci introduce al maledetto mercato di gennaio. E allora ecco le situazioni antiche. E allora ecco quello che serve alle grandi per affrontare la seconda parte della stagione senza avere rimpianti. La Juve stravince....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510