HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Suso, Piatek e Paquetà ai margini del Milan: chi dei 3 terreste?
  Suso, ha colpi che possono ancora aiutare il Milan
  Piatek, il Milan deve ritrovare i suoi gol
  Paquetà, serve solo la giusta collocazione in campo
  Nessuno dei tre, il Milan volti pagina

La Giovane Italia
Editoriale

Boban-Maldini, una sola soluzione: dimissioni! Fiorentina, che disastro. Il giallo delle dimissioni di Pecoraro e la pennetta tabù

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
23.12.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 24487 volte

Sono più imbarazzanti le parole di Boban della prestazione del Milan. Il che è tutto dire. Commentare, a fine gara parlando di mercato, "proveremo a fare del nostro meglio se ce lo permetteranno" significa non aver capito la gravità della situazione ma neanche i propri limiti. La presunzione, senza fine. Boban è la fotografia più brutta di questo Milan. Fare il politico del pallone, fare l'opinionista o fare il calciatore sono tutte doti che ha ricevuto in maniera divina. Nessuno mai gliele contesterà. Fare il manager del calcio e costruire una squadra è un'altra cosa. Lui, il vero colpevole di questo disastro. Ha voluto l'esonero di Giampaolo, ha condotto un mercato senza senso e senza logica e non è in grado di gestire uno spogliatoio. Mai un mea culpa. Mai un passo indietro. Oggi, a due giorni dal Natale, dovrebbe prendere la letterina e mandarla ai suoi vertici. "Non chiedo nessun regalo, caro Babbo Natale. Questa è la mia lettera, leggila fino in fondo e accetta queste dimissioni per il bene dell'AC Milan". A Bergamo il Milan ha dimostrato di essere quello che tutti conoscevamo da settembre: imbarazzante. Il problema non era Giampaolo, come vi diciamo da mesi, ma i suoi dirigenti. Un costo assurdo e senza senso per la proprietà che, però, vive nel suo mondo dorato dell'alta finanza londinese e non capisce che il Milan è una cosa seria e non un semplice asset per fare, forse, plusvalenza. Gazidis il vero flop. Boban ha iniziato a fare questo mestiere a 51 anni: un motivo ci sarà. Io ho 36 anni, tra 15 anni inizio a fare il pittore e pretendete che sappia dipingere un quadro? Difficile. Non può essere gestito così un club come il Milan. Ci vorrebbe un proprietario per intervenire con il macete. Bisognerebbe tagliare tre teste e ricominciare tutto daccapo ma questa volta per sempre: via Gazidis, Boban e Maldini. Un altro tassello inutile, nonostante la gloria che lo precede. Maldini per i milanisti è Dio in terra giustamente, e non capiamo perché abbia accettato questo ruolo dopo averlo invece, per fortuna di tutti, rifiutato per anni ai tempi di Galliani. Avrebbe potuto avere un ruolo alla Zanetti. Sarebbe andato più che bene.
A Firenze un altro mezzo disastro ma almeno c'è la giustificazione di essere dei neofiti nel mondo del calcio. Qui c'è una proprietà ma il grande errore è stato confermare un allenatore già delegittimato al termine della scorsa stagione. Nulla contro Vincenzo Montella, uomo simpatico e intelligente. Purtroppo i numeri lo condannano e la sua carriera inizia ad avere troppe brusche interruzioni. Non si sarebbe dovuto confermare un mister che, quasi, avrebbe portato la squadra in serie B. L'arrivo di Daniele Pradè è stato il miglior atterraggio possibile per l'aeroplanino, ma anche l'operato del Direttore inizia a diventare indifendibile. Pradè è uomo di calcio e si sarebbe dovuto accorgere prima che il cambio andava fatto quando i tempi erano giusti. Aveva in pugno Gattuso. Ha aspettato troppo e adesso dovrà accontentarsi. Questo, Commisso e Barone non glielo perdonano perché loro avevano bloccato Gattuso da settembre ma per stare dietro a Montella hanno perso il treno giusto. Questa stagione sta deprezzando il valore di molti calciatori importanti, su tutti Chiesa, ma soprattutto non stanno rendendo i calciatori arrivati in estate. Stagione finita già a dicembre e nessuna velleità per il prosieguo del campionato.
Nel frattempo hanno fatto molto scalpore le dimissioni da Presidente della Lega Calcio di Miccichè e subito dopo quelle di Pecoraro, capo della Procura Federale. Punto 1: Miccichè è un gran signore e un professionista dell'alta finanza che come unico errore ha quello di aver accettato di entrare a far parte di un mondo che non poteva essere il suo. Uno come Miccichè sarebbe dovuto rimanere lontano dal calcio, una banda di pazzi. Ha commesso questo errore e quando ha deciso di uscirne, forse, era troppo tardi. L'uccellino racconta che dietro a questa doppia dimissione ci sarebbe anche il giallo di una chiavetta usb. Miccichè ha lasciato perché qualcuno l'ha accusato di aver vinto le elezioni di Lega in maniera poco cristallina. Tutto da dimostrare. Pecoraro, Capo della Procura Federale, si è dimesso ma l'uccellino dice che... prima di rassegnare le proprie dimissioni si sia presentato presso la Procura della Repubblica di Milano con una pennetta usb per dimostrare la modalità in cui è avvenuta l'elezione, in Lega, dell'ex Presidente Miccichè. Un pasticciaccio brutto, come sempre all'italiana. Vittima, un grande manager come Miccichè.
Arriva il mercato e attenzione anche ai pacchi... molti potrebbero arrivare dall'Est con agenti millantatori.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Marotta-Ausilio, una decisione per il bene dell'Inter. Napoli, crisi senza fine. Milan a 2 punte: serviva anche la fortuna. Lazio, che show 20.01 - Secondo pareggio di fila, questa volta più indigesto rispetto a quello precedente con l'Atalanta. Il Lecce si conferma fermagrandi. Al Via del Mare, dopo la Juventus, non passa neanche l'Inter. I problemi, però, restano. Per la corsa al titolo questi due punti pesano. Eccome. La settimana...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il naufragio della trattativa tra Inter e Roma è la triste fotografia di questo mercato. Le lacrime di Politano, lo sguardo di Spinazzola e il peso dei giocatori nel calcio di oggi 19.01 - Matteo Politano, con la sciarpa della Roma, aveva un sorriso grande come un sogno. Sulla pelle un tatuaggio: Matteo bambino, la sedici sulle spalle troppo larga per contenere tutte le speranze. Ai piedi un Super Santos, davanti San Pietro. Davanti Roma, casa, terra premessa e ora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, Eriksen in dirittura d’arrivo, accelerata per Moses. Lazaro in uscita, Vecino ha mercato in Premier. Il Milan pensa a Olmo per il dopo Suso. Il Napoli insiste per Amrabat, Llorente e Ghoulam restano 18.01 - L’Inter è sempre più vicina ad Eriksen. Il giocatore ha già comunicato al Tottenham di volere andare via a gennaio e ha scelto il club nerazzurro. La cena di mercoledì sera tra Marotta e il suo agente ha suggellato definitivamente l’operazione. Ora serve solo limare un po’ la distanza...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter da scudetto: presi Eriksen, Young, Giroud e Spinazzola. Vidal in attesa. Milan, Under per Suso. Rrahmani del Napoli. Gasperini, clamoroso autogol 17.01 - Presi Young, Giroud e Spinazzola, praticamente fatta per Eriksen: è il grande giorno dell’Inter. E se qualcuno poteva avere ancora qualche dubbio, Marotta e Ausilio li hanno spazzati via tutti: i nerazzurri vogliono lo scudetto. La strategia già chiara da qualche settimana sta diventando...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Inter scatenata: blitz a Londra, ancora attesa per lo scambio con la Roma, e anche il Milan ora parla con i giallorossi 16.01 - Si muove - eccome - il mercato, fra Milano, Londra e Roma. Andiamo per ordine. Intanto blitz a Londra di Piero Ausilio, volato nella capitale inglese per approfondire i discorsi relativi a Eriksen e Giroud. Sul danese si è certificata, in un ulteriore incontro con il suo procuratore,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Eriksen-Inter: ci siamo. PSG sorpassato, ecco la richiesta del Tottenham. Il Best XI del girone d’andata: vince l’Inter, i tifosi non votano Cristiano Ronaldo, quattro allenatori davanti a Conte 15.01 - Si entra nel vivo. Giro di boa del mercato di gennaio, e l’Inter prova a sferrare l’attacco decisivo per Eriksen. La settimana scorsa vi informavamo di come i nerazzurri fossero davanti a tutti nella trattativa per il giocatore, adesso dopo 7 giorni la situazione è in rapidissima...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il problema di Sarri non è in campo (e per la difesa c'è...). Inter: Eriksen e Spinazzola (con Politano a Roma) a un passo! Milan: Ibra, il modulo... ma c'è di più. Napoli: mercato caldissimo 14.01 - Cose che sono successe nelle ultime ore e che mescoliamo con il calcio per creare ulteriore confusione. 1)      Salvo Veneziano è stato eliminato dal Grande Fratello ed è svincolato: può essere un buon rinforzo per molte squadre. 2)      Tal Favoloso era scomparso, ma per...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter, sei arrivata corta: serve il mercato. Rinnovo Ausilio meritato. Milan, finalmente il cambio modulo. La C è tornata dopo un mese: a cosa è servito?. Dal Pino in Lega ma più poteri a De Siervo 13.01 - Che l'Inter stia facendo molto di più di quello che ci aspettavamo è un semplice dato di fatto. Beppe Marotta ha lavorato benissimo in estate, ma lui stesso era consapevole lo scorso 2 settembre che bisognava aggiungere pezzi a gennaio e, soprattutto, completare la rivoluzione in...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Una lezione anche a San Siro: Gasperini è il miglior allenatore italiano. E' il Re di Bergamo e sarà difficile schiodarlo, ma chi vorrà provarci eviti l'errore della Roma 12.01 - Inter-Atalanta è stata una bella partita, uno spettacolo che è difficile da vedere altrove quando si parla di Serie A. Lo è stata perché il pressing di questa Inter è da studiare, è il segreto del successo di una squadra che arriva al giro di boa con 46 punti (meglio dell'anno del...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, il Tottenham su Piatek, per la difesa idea Rugani, si avvicina Politano. Viviano per il dopo Reina. Inter, per l’attacco sempre più vicino Giroud, Young vuole solo i nerazzurri. La Fiorentina insiste per Duncan e Bonifazi 11.01 - Il mercato è entrato nel vivo e cominciano ad arrivare i primi colpi. Il Milan dopo l’arrivo di Zlatan Ibrahimovic deve risolvere anche alcune situazioni, una di queste riguarda il futuro di Piatek. L’attaccante polacco è in uscita e su di lui si stanno muovendo in tanti. Soprattutto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510