HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Clamoroso! Buffon torna alla Juventus! Tutti i dettagli: trattativa lampo, Buffon accetta il ruolo di seconda scelta. Perin verso la Roma

26.06.2019 07:29 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 106813 volte

Clamoroso! Ogni estate sta riservando sorprese e soddisfazioni per i tifosi della Juventus, anzi ogni settimana d’estate, vista l’escalation recente di Rabiot e De Ligt, ma questo colpo ad effetto della dirigenza juventina è ancora più inaspettato: torna Gigi Buffon!

E’ un clamoroso ritorno all’ovile, ma è tutto fatto: la Juventus e Buffon hanno deciso di ricongiungersi, un rapporto d’amore che in verità non si era mai incrinato, nonostante Andrea Agnelli gli avesse tolto la titolarità e Gigione avesse deciso di andare a fare un Erasmus a Parigi. Il problema è che non è andata esattamente come ci si aspettava.

L’esplosione di Areola in Nations League a settembre aveva subito messo in difficoltà la situazione, ma Gigi da par suo aveva accettato la condivisione di partite tra il vecchio e il giovane, con l’accordo che Buffon fosse portiere di Champions e part-time in campionato, e Areola viceversa (anche grazie alla squalifica iniziale che Gigione si trascinava dai bidoni dell’immondizia del Bernabeu). Il nostro alfiere storico della Nazionale ha fatto una grandissima stagione fino al ritorno con il Manchester United, poi da quella partita si è avvitato tutto su sé stesso: PSG eliminato, con Buffon che con un suo errore contribuisce alla disfatta - cosa mai capitatagli prima, lui mai in fallo nelle partite che contano. Ma è stato tutto l’ambiente che se ne è andato per i fatti propri, tra Neymar che dà di matto, voci continue di mercato, delusione diffusa. Non a caso il direttore sportivo Henrique è stato sostituito da Leonardo. Ma soprattutto si è evidenziato il limite di Tuchel nel gestire grandi campioni e personalità: un allenatore vero professore di tattica, ma che deve ancora riuscire a relazionarsi con le individualità delle grandi squadre. Un po’ il problema di fondo del PSG post-Ancelotti, e su cui stranamente non si è mai inciso, dopo aver invece supplito a tutte le esigenze tecniche. Una situazione inaspettata per Gigi che si era messo completamente a disposizione anche e soprattutto per aiutare nello spogliatoio con la sua esperienza, ma che è stato trattato con gratuita freddezza dalla guida tecnica quando la situazione è volta al peggio. Per questo Buffon ha deciso di ringraziare e salutare, non accettando a priori la collocazione in panchina.

A quel punto si è sondata la situazione: l’ambizione di Buffon era trovare una delle altre 8 squadre d’Europa con ambizione di vincere la Champions. Ma la congiuntura dell’estate 2019 non l’ha favorito, con la situazione portieri bloccata dappertutto, molto differente dalla scorsa estate post-Mondiale quando la situazione molto effervescente gli aveva portato anche l’offerta del Liverpool, oltre a molte altre. A questo punto Gigi aveva accettato l’opzione di andare in panchina per una grandissima: è spuntata l’opzione Barcellona, ma alla fine la dirigenza non se l’è sentita di creare un possibile elemento di disturbo a Ter Stegen, il miglior portiere al mondo. Per la titolarità dunque rimaneva una buona squadra europea ma non con ambizioni di Champions; oppure una italiana di secondo livello.

Le due opzioni principali erano il ritorno a Parma, e soprattutto lo sbarco a Porto. Con il diretto coinvolgimento del suo collega storico Iker Casillas, con cui le carriere si sono incrociate numerose volte, e che sembrava dovesse propiziare un clamoroso epilogo. Peraltro il capitolo di Parigi ricordava quanto successo a Iker nel finale a Madrid, alternandosi prima con Diego Lopez e poi co Keylor Navas. E la leggenda spagnola era quasi riuscita a convincere Gigi. Qualche giorno di riflessione, ed ecco poi il tweet sibillino di apprezzamento da parte di Iker Casillas verso le magie di mercato alla Houdini della Juventus. Molti hanno pensato a un apprezzamento generalizzato, o magari a un riferimento all’imminente magata su De Ligt. E invece no, c’era una ragione diretta…

Andrea Agnelli stesso è intervenuto la scorsa settimana, praticamente dopo l’annuncio di Sarri. Il succo della proposta era: “Gigi, ma se sei entrato nell’ordine di idee di fare il secondo in una grande, a questo punto vieni a farlo da noi, no? Della tua leadership c’è sempre bisogno, questa è casa tua, e Perin stesso quest’anno ha comunque giocato una decina di partite”. Ci ha pensato 48 ore Gigi, e poi l’accordo. Contratto rinnovabile di anno in anno, dovrebbe aggirarsi su poco meno di due milioni di euro, con ricchi bonus. Buffon arriva accettando il ruolo di secondo, che avrà i suoi spazi nel corso della stagione, ma con gerarchie definite.
Perin è in uscita, l’opzione più concreta è la Roma, a prescindere dall’inserimento o meno nell’affare per Zaniolo, che invece si allontana.
Ma ciò che conta è che Buffon torna alla Juventus. Se l’anno scorso la Champions sembrava imminente con l’arrivo di Cristiano Ronaldo, quest’anno lo è ancora di più con l’acquisto di Rabiot e con il probabile acquisto di De Ligt. E alzare finalmente la Champions per Gigione è un richiamo irresistibile, figuriamoci se farlo a casa.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510