HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavani
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
Editoriale

Conte mai così: che succede? Inter quasi fuori. A Napoli c’è squadra e società: non c’era invece il rigore, e un po’ di tifosi... Juventus: contro l’Atletico già decisiva, ecco perché. Atalanta con obbligo di qualificarsi

18.09.2019 07:10 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 53643 volte

Non era mai successo di vedere una squadra di Antonio Conte così. Chi scrive segue Conte da vicino da più di una decade, dal suo arrivo a Bari, e certo dalla Juve in poi non è certo un mistero da disvelare. Bene: mai una squadra di Conte aveva giocato in questa maniera, semplicemente non sua. Intendiamoci: si può giocare male, si può essere inconcludenti e lenti, e ovviamente i rivali possono essere semplicemente migliori.
Ma quello che è accaduto in Inter-Slavia Praga, e la concomitanza di fattori, semplicemente non sono un evenienza comune alle squadra di Conte. Parliamo per esempio dei lanci lunghi: l’Inter aveva cercato di attaccare così sin dall’inizio, addirittura quattro palle alte buttate a caso già al 20’. Diicasi: al ventesimo, non a 20 minuti dalla fine. E poi: la difesa bassissima, che nemmeno ci prova a salire, e il centrocampo che pure rimane passivo e basso, e per di più poco mobile, e come se non bastasse disordinato e disarmonico (disordinato e disarmonico un centrocampo di Antonio Conte! Eresia totale!). Per non parlare degli attaccanti piantati avanti senza accorciare, e della mancanza di reazione nel Secondo Tempo, il che è pure peggio dell’approccio sbagliato.

Che succede, Antonio? Troppi elogi, o una sottovalutazione degli step, o una sopravvalutazione di certi elementi (Lazaro deve ancora diventare qualcosa, per esempio)? Ma sta di fatto che l’Inter è già quasi fuori. Esagerati dite? Mica vero. Questa doveva essere la partita più facile del girone, ci sono davanti tutte e tre le trasferte, quelle a Barcellona e Dortmund sono proibitive, e questo pareggio in contemporanea in Borussia-Barcellona significa che l’Inter dovrà battere i tedeschi a San Siro (e passi) ma soprattutto dovrà fare risultato in una delle restanti tre con Dortmund e Barcellona, il che diventa sempre più difficile considerando il pareggio che rallenta i catalani.

Per fortuna che c’è il Napoli. Partita splendida, giocata per larghi tratti alla pari con il Liverpool, per poi esserle superiore. Vittoria meritatissima, e meno male che è arrivato il secondo gol, perché avrebbe avuto un sapore amaro il 2-0 ottenuto con un rigore inventato (furbo Callejon, ma onestamente non è bello vedere lo spagnolo andare a cercarsi l’impatto).
Il Napoli è una realtà magnifica, solo magnifica: forse ci siamo troppo abituati, ma non bisognerebbe mai farlo. Tenete a mente il budget dei partenopei, la lunga serie di acquisti azzeccati prima degli altri - solo in questa squadra i Fabian Ruiz, i Koulibaly, i Ghoulam, i Callejon fatti diventare grandi giocatori grazie alla scienza del Napoli. Una grande squadra. E un grande allenatore, che non importa se vinca o meno, perché nel trionfo finale ci sono tanti fattori che intervengono, ma un tecnico splendido nel giocarsi queste partite. Una grande società, che sa scegliere, costruire, programmare e dare seguito. E allora quando ci saranno dei grandi tifosi? Perché troppo facile parlare di passione smisurata per il Napoli, quando poi non si è capaci di mettere nemmeno 60mila spettatori allo stadio per una partita contro il Liverpool (a San Siro ce n’erano 65mila contro lo Slavia Praga!). I napoletani chiedono e pretendono dalla squadra e dal presidente: ma loro (non i 50mila al San Paolo) quando daranno? Perché così è troppo facile parlare.

Deve dare subito invece la Juventus: a Madrid contro l’Atletico è già decisiva. Ecco perché: il gruppo della Juve propone insidie fastidiose ma ovviamente abbordabili contro Leverkusen e Lokomotiv Mosca. Ovvio che la sfida, non per qualificarsi ma proprio per il primo posto, sia con l’Atletico. E gli scontri diretti decideranno: non perdere al Wanda Metropolitano sarebbe una mezza ipoteca sul primo posto, diversamente tornare sconfitti costringerebbe alla vittoria a Torino, e se la disfatta dovesse essere larga, la stagione della Juventus potrebbe gettare allora a Madrid il seme della discordia. Perché arrivando secondi poi agli Ottavi si potrebbe pescare una inglese o spagnola, inviolabile nel proprio stadio. Può sembrare un discorso affrettato, ma pensate a quando nel 2016 si sottovalutò il secondo posto, e si finì per uscire agli Ottavi contro il Bayern di Guardiola…
A Madrid serve una intensità che la Juve finora non ha mai avuto nelle prime partite: partita di lotta, non di fioretto. E anche se hai le tue caratteristiche, da certe battaglie non puoi sottrarti.

E non si può sottrarre alla responsabilità l’Atalanta. Sì, proprio responsabilità: è vero, è il debutto, ed è tutto rose e fiori. Ma il sorteggio è stato un regalo del destino, una carezza verso gli innocenti della competizione. Tolto il City (che verrà in casa a Milano purtroppo alla quarta giornata, quando ancora non sarà matematicamente qualificato), contro la Dinamo Zagabria e uno Shakhtar indebolito l’Atalanta ha l’obbligo di qualificarsi. Non basta fare bella figura: è una occasione storica ma soprattutto propizia che potrebbe non capitare mai più. Il cielo ha messo le ali nell’urna di Nyon dell’Atalanta: e gli dei si arrabbiano con chi non utilizza le ali che gli sono donate…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: il non-rigore di De Ligt e gli obbrobri nel regolamento. Inter: la furia di Conte, l’idea Ibra e la “crisi Lukaku”. Milan: la scelta di Pioli (occhio a Suso…) e la “fuga” di Scaroni. Roma: il perché degli infortuni 22.10 - Dieci pensierini (e ce la caviamo così). 1) Il Milan domenica ha giocato una buona partita. Non in senso assoluto, per carità, ma visti i precedenti sette turni di campionato certamente sì. Pioli ha cancellato tre mesi di esperimenti impossibili (puntare al calcio di Giampaolo...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510