HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Icardi non è più il capitano: condividete la scelta dell'Inter?
  Si
  No

La Giovane Italia
Editoriale

Il mercato dei rimpianti. La Juventus non ripara, bene il Milan ma non chiude il cerchio e l'Inter ha già finito i sogni. Una C falsata dai meno e dalle esclusioni: Capotondi, "attenta al Gorilla"

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
04.02.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 27990 volte

Si chiama mercato di riparazione e non è casuale. Bisogna sfruttare la finestra di gennaio per riparare agli errori estivi oppure bisogna sfruttare il mese di calciomercato per mettere qualche pezza se ci sono stati infortuni o defezioni. Le società italiane, probabilmente, non hanno capito il concetto e credono, ormai, solo agli affari. Prendo questo perché poi un domani lo posso rivendere a dieci volte di più oppure perché rientra in qualche scambio a me conveniente. Il vero genio del calciomercato è Enrico Preziosi. Lo stesso che definiamo pessimo nella gestione della settimana e della squadra. Il mercato lo sa fare e anche bene; il suo problema è la schizofrenia di cambiare allenatori e di rivoluzionare sempre l'organico. Se non avesse sostituito Ballardini, che stava andando così bene, oggi sarebbe sereno e tranquillo (a mio avviso comunque lo è per manifesta inferiorità di 4-5 squadre sotto il Genoa) e penserebbe al prossimo mercato estivo, fissando il Lago di Lugano. Se compri Piatek a 4 milioni, in cinque mesi lo vendi a 35 milioni più bonus e avevi già individuato il giusto sostituto, Sanabria, sei un genio del mercato perché hai capito che quando bisogna vendere si deve vendere; l'importante è non sostituire uno buono con uno scappato di casa. Chi ha deluso, parzialmente, è la Juventus. Seguite il ragionamento prima di darmi del "deficiente" che attacca sua Maestà Juventus che da mille anni vince tutto e contro tutti. Nell'anno in cui compri Cristiano Ronaldo, per provare a fare il triplete, e si rompe tutta la difesa in pieno mercato con la sessione ancora aperta hai l'obbligo morale di riparare. Non perché sei stato scarso ma, semplicemente, perché sei stato sfortunato che tutti i difensori titolari si sono infortunati nello stesso momento. Nel momento sbagliato, tra l'altro. Se hai fuori Bonucci, Chiellini e Barzagli e cedi Benatia e poi prendi solo Caceres, anche a livello numerico, non ci stai dentro. Avevi la fortuna, nella sfortuna, di avere il mercato aperto. Non lo hai sfruttato e ne paghi le conseguenze. E' come se uno andasse in un negozio, comprasse un abito di marca, costoso, poi camicia, cravatta di Marinella, scarpe Tod's e dicesse al commesso che non vuole la pochette perché deve risparmiare pochi euro. Sintesi: se prendi Ronaldo per vincere tutto, durante l'anno non puoi lasciare nulla al caso. La Juventus l'ha fatto e rischia di pagarne seriamente le conseguenze. Lo scudetto lo vincerà in cavalleria ma addio triplete. Se esci ai quarti di Coppa Italia, dopo averla vinta per 4 anni consecutivi, prendendo 3 schiaffi in pieno volto dall'Atalanta c'è qualche problema. Puoi perdere la Coppa Italia, ogni tanto, ma devi arrivare almeno almeno almeno in semifinale. Nell'anno di Ronaldo, anche in finale. La Champions darà il giudizio su questa stagione. Se uscirà agli ottavi sarà fallimentare. Se uscirà ai quarti sarà negativa. Se uscirà in semifinale avrà fatto il massimo delle sue potenzialità. Se perderà la finale sarà l'eterna seconda anche con il numero 1 al mondo. Insomma, la Juventus deve vincere la Champions per avere ragione su tutta la linea. Da agosto ad oggi. Nel frattempo bruciano i 6 gol in 180 minuti e l'eliminazione precoce dalla Coppa Italia. Sarebbe servito un difensore e non l'hanno preso. Paratici avrà fatto i suoi calcoli ma, ad oggi, sembra che la calcolatrice abbia bisogno di pile nuove.
Non ha sfruttato, in pieno, il mercato neanche il Milan che chiude senza esterno alto e senza un centrocampista. Ottimo l'acquisto di Paqueta, anche se come immaginavamo è un trequartista in una squadra che gioca 4-3-3. Nel gol di ieri ha dimostrato che deve giocare nei 16 metri. Se lo metti mezzala, per sostituire Bonaventura, va in depressione perché gioca lontano dalla porta e limiti le sue caratteristiche. Se non lo fai giocare, Leonardo si incavola con Gattuso. Piatek ha avuto un impatto devastante con il Milan, come lo ebbe a settembre con il Genoa. Non era facile, ci togliamo il cappello di fronte a questa partenza del polacco.
Non è stato un mercato all'altezza neanche quello dell'Inter. Se la domenica annunci di voler accontentare Perisic che vuole andare via e poi il giovedì non hai mezza offerta in mano c'è un problema, almeno, di comunicazione. Spalletti non ha gradito, anche se l'allenatore oggi è l'ultimo che può parlare o muovere critiche. Con la squadra che ha a disposizione avrebbe dovuto fare molto di più. La partita con il Bologna è stata indecente almeno quanto i nomi in cinese dietro le maglie. Spalletti è uscito dalla Champions, è stato eliminato in Coppa Italia e in campionato sta facendo il compitino. L'Inter deve cambiare marcia e gioco. In estate avrà bisogno di calciatori con mentalità vincente più che di collezione di figurine. Altrimenti vincere sarà sempre e solo un verbo da cercare alla V del dizionario.
In serie C non c'è mai fine al peggio. 26 punti di penalizzazione, squalifiche, squadre cancellate e calciatori senza stipendi e senza squadre a metà stagione. Come perdere un lavoro a 50 anni, quando sai che il mercato non ti potrà ricollocare da nessuna altra parte. Matera, Cuneo, Lucchese, Pro Piacenza... Il problema non sono le società ma chi le ammette, con fideiussioni fasulle e senza garanzie economiche, ad inizio stagione. Poi ci sono società virtuose che invece non vengono mai prese in considerazione solo perché ad iniziano anno, giustamente, non vogliono pagare l'assurda tassa dei 350 mila euro a fondo perso. I campionati di Lega Pro sono falsati. Giochi e non sai quanti punti hanno in classifica le squadre. Non sai se arrivano a fine stagione e non puoi sapere se la vittoria che hai ottenuto contro le società coinvolte valgono 3 punti o 0. Ma, in tutto questo caos, se vai su wikipedia e scrivi Cristiana Capotondi c'è scritto "attrice e dirigente sportiva". Un pugno nello stomaco, quando sei digiuno, fa meno male. La Vice-Presidentessa della Lega Pro fa apparizioni televisive con il copione e parla di calcio in generale, al massimo si addentra nella crisi della Roma ma gli argomenti che le competono non li sfiora neanche lontanamente. Ripetiamo: non sappiamo se per la dirigente sportiva sia previsto anche un compenso economico ma se così fosse io proporrei di darlo in beneficenza ai calciatori che hanno perso il lavoro, a stagione in corso, nelle società escluse dal campionato. Gravina deve riformulare tutto. Iscrizioni, regolamenti e ripescaggi. In Lega Pro c'è un Presidente capace come Ghirelli che ha bisogno di una mano vera e non di immagine per fare cinema. I problemi del calcio sono anche i problemi di tante persone che vivono di calcio e devono portare a casa i soldi in famiglia per far mangiare i figli. Se vogliamo fare cinema facciamolo pure, Presidentessa Capotondi (l'ho anche promossa vede?) ma non facciamolo con una carica così importante in una Lega che ha bisogno di gente che si occupi delle 60 (una volta) società dalla mattina alla sera....
Promuoviamo i dirigenti sportivi, quelli veri e validi; volete nomi e cognomi? Eccoli: Marco Brunelli (Lega-FIGC), Fabio Santoro (Lega serie A), Andrea Montemurro (Divisione Calcio a 5), Luigi Barbiero (LND) e rimettiamo dentro Paolo Bedin (Ex Lega B).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco 15.02 - E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi. Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Capitani, fasce, rinnovi e cessioni: Icardi e Hamsik 14.02 - La notizia in casa Inter è di quelle che tengono l’attenzione alta per tutta la giornata, forse per tutta la stagione. Icardi non è più il capitano dell’Inter, Icardi non è convocato per la partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Anzi di più: Icardi ha scelto di non andare...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero? 13.02 - Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa. Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ramsey e non solo! Inter: Marotta e la rivoluzione di giugno (nomi e modalità). Milan: Gattuso non va celebrato oggi. E su Sanremo… 12.02 - Uè, ciao. Son tornato da Sanremo. Non potere capire, sembrava l’inferno. Cioè, noi pensiamo sempre che il mondo del calcio sia il più complicato e fetente in assoluto e invece c’è chi prova a competere. C’è stata questa cosa del vincitore Mahmood che ha scatenato il tutti contro tutti...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri-Napoli, l'addio è stato un flop per tutti. Inter, su Icardi ha ragione Spalletti. Frosinone, la cura di Baroni. Roma, Faggiano l'uomo giusto per il dopo Monchi. Benevento, hai fatto bene a fidarti di Bucchi 11.02 - Dirlo dopo questo week end è troppo facile ma un passaggio lo avevamo già fatto. Il divorzio estivo tra il Napoli e Maurizio Sarri è stato un flop per tutti. Quando le cose vanno bene e un allenatore trova l'habitat ideale bisognerebbe fare di tutto per andare avanti il più possibile....

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La differenza tra Piatek e Hamsik: De Laurentiis e la lezione alla medio-alta borghesia del calcio italiano che troppo spesso non viene compresa 10.02 - Nel calcio per costruire un progetto importante saper cedere è molto più importante di saper acquistare. Saper resistere, contrattare e rifiutare quando da una cessione sembra possano arrivare solo vantaggi è fondamentale. E' la differenza tra chi fa impresa in modo lungimirante e...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus e Real quanti intrecci: Marcelo e Isco per Dybala, ecco l’ultima idea di mercato. Hamsik al Dalian. Saint Maximin è l’esterno che il Milan ha scelto per l’anno prossimo. Per il futuro di Spalletti decisivi i prossimi 2 mesi 09.02 - Il tempo non manca ma il quadro delle operazioni per giugno comincia a delinearsi. La Juventus è sempre molto attiva. In casa bianconera sono in atto alcune riflessioni. È chiaro che in estate il lavoro non mancherà. Paratic, che ha già preso Ramsey, vuole ulteriormente rafforzare...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, c’è Mourinho e non Conte per il dopo-Spalletti. Milinkovic Savic al Milan, Chiesa e Barella nerazzurri, Isco alla Juve, Mancini alla Roma: tutti gli obiettivi del mercato estivo 08.02 - Dopo aver incontrato Conte che stava andando a comprare un divano sotto la sede dell’Inter, prima o poi qualcuno si imbatterà anche in Mourinho mentre passeggia gustandosi un gelato. Chissà…Miracoli, allucinazioni, miraggi e realtà del mercato. Sono d’accordo con Spalletti, certi...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Che mercato è stato? Lo dicono i numeri... dietrofront Napoli: Hamsik rimane qui 07.02 - Partiamo dall’ultima notizia che ha movimentato le redazioni di tutta Italia (e forse anche di tutta la Cina). Il Napoli ha comunicato con un tweet che ha deciso di “soprassedere” per questioni legate alle modalità di pagamento relative alla trattativa Hamsik. Può saltare un’operazione...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allenatori sull’orlo di una crisi di nervi: Spalletti e quell’unica cosa che lo può salvare; Allegri e il caso Dybala; Di Francesco e una sentenza quasi scritta. Gattuso e Ancelotti ridono, protetti dalla società 06.02 - Come diceva Trapattoni, gli allenatori si dividono in due categorie: quelli che sono stati esonerati, e quelli che lo saranno. E febbraio è un buon momento per mettere a friggere un allenatore e il suo destino, visto che certe situazioni cominciano a non avere ritorno. Il problema...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510