Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Inno alla gioia, un miracolo di programmazione

Inno alla gioia, un miracolo di programmazioneTUTTOmercatoWEB.com
giovedì 20 febbraio 2020 00:00Editoriale
di Luca Marchetti

Guardare giocare l’Atalanta è uno spettacolo. Conoscere e capire, comprendere e studiare come sia possibile una meraviglia del genere è ancora più affascinante. La simbiosi fra il proprio pubblico e la squadra, la magia di un ex capitano diventato prima imprenditore e poi presidente, l’assoluta aderenza fra idee e campo che hanno lanciato Gasperini nell’Olimpo. Le intuizioni suo mercato di Giovanni Sartori, quelle di Luca Percassi, la capacità di valorizzarli dell’allenatore.
L’Atalanta è una macchina perfetta che sembra non avere limiti. Tutto funziona alla perfezione. Forse perché lo stato d’animo della squadra e della società è lo stesso che si respirava in città: stiamo vivendo un momento incredibile della storia della nostra città. Così si leggeva su qualche giustificazione, anche su quella del figlio del sindaco Gori. Il rapporto fra i bergamaschi e la Dea è sempre stato da cordone ombelicale, uno dei più viscerali d’Italia. Ora il “virus” si è allargato perché l’Atalanta, come succedeva ai tempmi di Stromberg, la tifano (in Eurpa sicuramente) tutti gli italiani.
Perché è un piacere vederla giocare, perché si giocano tutte le partite a viso aperto, perché vedi delle grandi giocate tecniche, perché di sicuro non ti annoi. Perché al 75esimo della partita sul 4-1 Gasperini toglie Caldara e mette Zapata. Perché i ragazzini a Bergamo esordisono davvero e poi giocano, ma allo stesso tempo vai a togliere il posto se ci riesci a Ilicic o al Papu.
Bergamo è un laboratorio perfetto dove tutti hanno trovato la loro dimensione, il loro spazio e sono riusciti a sprigionare il loro potenziale. Forse ognuno dei protagonisti senza l’altro sarebbe stato certamente bravo, ma non avrebbe raggiunto questi livelli. Che Gasperini fosse bravo (chidetelo a Genova) nessuno lo ha mai messo in dubbio. Ma ora lo conoscono in tutto il mondo. Che Sartori fosse un eccellente dirigente sarebbe bastato chiederlo a Verona, sponda Chievo e vedere come riuscì a portare un quartiere di Verona fino alla Champions. Che Percassi (papà e figlio) fossero dei dirigenti illuminati non era certo un segreto, bastava farsi un giro nelle loro aziende. Oppure vedere come avevano gestito l’eredità di una delle famiglie più amate in nerazzurro: i Ruggeri.
Messi insieme hanno letteralmente incendiato una città e fatto esplodere risultati e incassi.
Lo scivolone in B della famiglia Percassi è stato subito ammortizzato. L’arrivo di Gasperini è stato il volano sul mercato. Negli ultimi 4 anni spesi 160 milioni circa, incassati più di 250. Arrivate le qualificazioni in Europa League e in Champions, la semifinale e la finale di coppa Italia, un calcio totale e divertente, aperto e spettacolare.
Ogni partita per l’Atalanta è un sogno, d vivere ad occhi aperti. Ogni passo in avanti è una scoperta e una possibilità ulteriore per aumentare esperienze e ricchezza.
E in tutto questo, mentre i pezzi migliori venivano ceduti quasi a cadenza regolare, i risultati miglioravano anno dopo anno. Ogni volta veniva fuori un “prodotto” migliore. Un passo alla volta, un oooh dietro l’altro...
Senza dimenticare che nel frattempo l’Atalanta ha rimesso a nuovo il proprio stadio che ora ha una dimensione europea e che sarà un volano ancora più importante nei prossimi anni.
L’Atalanta, comunque vada, è un esempio da seguire e come tutti i sogni nel calcio nasce da un momento di crisi: Gasperini ha anche rischiato di andare via nella sua prima annata. Ma da Napoli in poi (chissà cosa sarebbe successo se...) la sua squadra è letteralmente sbocciata e non ha più smesso di crescere. Crescere insieme, di pari passo.
Un anno è un caso, due sono un miracolo. Il terzo è programmazione. Serietà e competenza. È nata una stella, è nata una Dea. Con margini di miglioramento ancora maggiori, visto che il Valencia ne ha presi 4 ma ha anche concesso.
Però mai come stasera c’è stato un momento migliore per applausi a scena aperta. Come glieli ha tributati san Siro all’Atalanta. A tutto gas, sempre. Gasperini docet: ma questa Atalanta non ci ha mai fatto sbadigliare

19/20 53 milioni spesi, 99 incassati
18/19 53 spesi, 21 incassati
17/18 55 spesi, 86 incassati
16/17 14 spesi, 41 incassati
15/16 23 spesi, 37 incassati
14/15 11 spesi, 20 incassati
13/14 11 spesi, 6 incassati
12/13 19 spesi, 18 incassati

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000