HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi volete come centravanti dell'Italia a Euro2020?
  Ciro Immobile
  Andrea Belotti
  Mario Balotelli

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: la pressione della Champions e una montagna da scalare Icardi: tra visite e fascia è iniziata la partita a scacchi

21.02.2019 07:24 di Luca Marchetti   articolo letto 35065 volte
© foto di Federico De Luca

La montagna da scalare più alta di quanto si possa immaginare. Nulla è impossibile nel calcio e i record sono fatti per essere battuti... però i numeri ti aiutano a capire quanto sia pesante il risultato arrivato ieri.
Simeone non è mai uscito dalla Champions League dopo aver vinto 2-0 all’andata. L’Atletico non è mai uscito dalle Coppe dopo aver vinto due a zero all’andata. La Juve nella sua storia non è mai riuscita a rimontare il 2-0. E aggiungiamo che in Champions l’Atletico di Simeone ha perso 10 volte (comprese le due finali) e nei novanta minuti soltanto due volte ha preso più di un gol di scarto: contro il Real nella semifinale di andata del 2017 e quest’anno ai gironi contro il Dortmund.
La Juve deve fare un’impresa insomma. Deve fare una partita diversa da quella attendista che ha fatto al Wanda Metropolitano, dove ha tenuto il campo, ma siccome sono proprio i dettagli che fanno la differenza, la Juve si è resa pericolosa solo in testa e in coda alla partita, mentre l’Atletico in almeno 6 occasioni (gol compresi) ha fatto venire il mal di testa alla Juventus (il contropiede di D Costa, la traversa di Griezmann, il rigore giustamente tolto dal var, i due gol realizzati e quello annullato a Morata). Quello che ha meravigliato di più è stato l’atteggiamento completamente diverso, soprattutto nel secondo tempo, da parte degli juventini.
I bianconeri, con Allegri, sono sempre stati abituati a lasciar sfogare l’avversario per poi trovare lo spazio giusto e il momento giusto. Ma il momento non è quasi mai arrivato: l’Atletico non ha mai mollato, ha continuato a marciare e a pressare. Con un ritmo diverso, più alto. È questo che è mancato alla Juventus: il dettaglio e l’intensità. E quando ti succede contro l’Atletico rischi brutto.
La Juve deve cambiare marcia per il ritorno, necessariamente. E la pressione per il ritorno sarà molto forte, necessariamente. Perché per quanto sia difficile saltare oltre questo ostacolo, questo muro così alto, la Juve ha i giocatori per poter fare l’impresa. A partire da chi è stato comprato per vincerla questa Champions, ovvero CR7.
Non andare avanti sarebbe una grandissima delusione. L’obiettivo per questa stagione non può essere l’ottavo scudetto (considerando che i bianconeri sono anche usciti dalla Coppa Italia): per questo nei prossimi novanta minuti contro l’Atletico di fatto la Juve si gioca la stagione. Ma dovrà farlo in maniera completamente diversa rispetto alla sera di Madrid.
Una serata in cui il cholismo ha di nuovo dimostrato di non essere affatto superato, una serata in cui uno dei simboli del cholismo ha griffato ancora: Diego Godin, promesso sposo interista, si gode il suo ultimo anno da colchoneros. Il duello con CR7 è epico ed è solo l’antipasto per la prossima stagione, il gol, segnato proprio in faccia a CR7, se volete anche con il suo “aiuto”, avrà fatto capire ai nerazzurri che Godin non è finito. Le mosse per il mercato nerazzurro non sono certo finite. Si è parlato di De Paul, con il quale più di una chiacchiera è stata fatta e che ai dirigenti nerazzurri piace eccome. Si è parlato di Brazao, che è appena sbarcato a Parma. Si è parlato anche di Rakitic che se dovesse andar via da Barcellona potrebbe essere più che un’idea per il nuovo centrocampo dell’Inter (anche se al momento le cifre non tornano proprio). Si continuerà a parlare anche di Icardi: il ginocchio non è peggiorato, la visita è servita all’Inter per capire meglio quanto è profonda la frattura. Il problema rimane, eccome se rimane. Icardi al momento non si muove dalla sua posizione: ritiene di aver subito un torto. Ma fin quando potrà dire che il ginocchio non gli permette di scendere in campo? Fin quando lo spogliatoio (che già gli ha “tolto” la fascia) sopporterà questa situazione? Dalla decisione della fascia non si torna indietro, soprattutto se gli atteggiamenti dovessero continuare ad essere questi. Tutto va maneggiato con attenzione e cura: anche perché indipendentemente da tutto stiamo parlando di un patrimonio (tecnico ed economico) non indifferente...
A giugno se ne andrà? Ad oggi chiunque direbbe di sì. Bisogna capire chi lo vuole, a che cifra... insomma è una partita tutta da giocare, da tutte e due le parti...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Maldini, in cerca di esperienza e alla ricerca della classe (persa a Genova): ecco cosa è successo. A Firenze ho visto la luce... classe 1997 e non è Chiesa 07.10 - Siete pronti a leggere una bestemmia pubblica? Eccola: in tutto questo strazio, al Milan, il meno colpevole è Marco Giampaolo. Un allenatore bravo, un grande teorico, non sempre un eccellente pratico a tal punto che pochi anni fa per far ripartire la sua carriera è dovuto scendere...

Editoriale DI: Marco Conterio

Conte e la lezione dell'Inter alla Serie A. Sarri resta ancora una splendida scommessa. Che succede ad Ancelotti e al Napoli? 06.10 - Quanto conta un allenatore, nel rendimento di una squadra? Nelle partite e nei campionati? Domande, non risposte. Trovarle è sempre stata un arcano, quando sembrava d'avere il Graal è arrivato il santone a sovvertire le gerarchie. Un'annata a raccontare un altro percorso, un'altra...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510