HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
L'Italia di Mancini può vincere l'Europeo?
  Sì: ha dimostrato di essere all'altezza delle migliori
  Sì ma solo con un sorteggio favorevole
  Serve un miracolo, è ancora presto
  No: il girone era facile e il vero valore è sempre lo stesso

La Giovane Italia
Editoriale

Le risposte dell'infrasettimanale: su e giù del campionato

26.09.2019 07:06 di Luca Marchetti   articolo letto 14696 volte
© foto di Federico De Luca

Chi si aspettava delle risposte le ha trovate: non saranno definitive, ma sono comunque importanti. Il turno infrasettimanale è ancora sotto il segno dell'Inter. Un Inter che soffre, che colpisce e si difende, che si nasconde dietro le spalle, grandissime, di Handanovic. Che prova a pungere in contropiede con Barella Politano e Lautaro, che resiste, che ne fa cinque su cinque, che tiene a distanza la Juventus e allunga sul Napoli. Non è un Inter travolgente, Conte sa benissimo che c'è da lavorare. Ma è un Inter che non molla mai, che non prende gol, che una volta superati gli incontro con Lazio e Milan ha una classifica con un peso specifico superiore. Conte sa che è presto per rilassarsi, il cammino è appena iniziato, e - per utilizzare sue parole - la saccagnata se la aspetta al primo risultato negativo. Ma quest'Inter anche se dovesse avere qualche passaggio a vuoto sa già di essere una squadra, e tutto questo è successo in poco tempo. Relativamente in poco tempo, soprattutto se paragonato agli altri competitor. A chi ha iniziato ora un nuovo percorso.
Un po' come la Juve: il processo di mutazione dalla squadra di Allegri a quella di Sarri non è (e non poteva essere) una cosa automatica e per forza indolore. Si vedono i concetti di Sarri, triangolazioni, palla a terra, due tocchi, la ricerca dell'ultimo passaggio in profondità. Ma ancora non c'è l'equilibrio che sta cercando Sarri attraverso le sue asimmetrie. C'è chi convince e chi meno, c'è una difesa che ora potrà ascoltare anche i consigli di Barzagli visto che prende gol in troppe partite. E c'è una riflessione in più da fare: ora che è stato utilizzato il modulo con il trequartista Sarri insisterà o è soltanto figlio del caso e degli infortuni questo 4312. Intendiamoci: la Juventus con quella rosa a disposizione può giocare come vuole: il primo a saperlo è proprio Sarri. Ma finora non si era mai discostato dal sul 433. Questa può essere una piccola svolta, proprio come era successo a Napoli, 4 anni fa, al contrario. Sarà anche in questo caso l'inizio di una squadra che si sente più a suo agio con un determinato vestito? E' vero sarebbe sacrificato l'esterno (in questo caso Douglas Costa, peraltro ora infortunato), ma ci sarebbe spazio per Ramsey (o Rabiot, sperando che possa essere più brillante) e l'equilibrio arriverebbe attraverso altre simmetrie.
E' quello a cui, probabilmente, sta pensando anche Marco Giampaolo, che non vorrebbe derogare ai suoi principi e alle sue convinzioni (nonostante in carriera abbia utilizzato davvero tutti i sistemi di gioco). Stasera vedremo se la posizione di Suso sarà a destra e chi sarà il compagno dell'attaccante centrale, se si virerà piano piano verso il 433 o meno. Quello che conta di più però per Giampaolo è il processo di crescita: indipendentemente dai numeri.
Numeri che non fanno sorridere il Napoli, da qualsiasi parte li guardi. Non ride sicuramente il tifoso guardando la classifica, non ride la squadra se riguarda i numeri della partita: 30 tiri fatti (di cui 23 nel secondo tempo), solo 5 è vero nella porta, ma due pali, il 67% di possesso palla, 25 cross, 13 calci d'angolo (contro 1). Ma tutto questo non è bastato, il Cagliari ha piazzato la zampata vincente con il Pata Castro e si è portato via i 3 punti. Stavolta gli 8 cambi rispetto alla partita precedente non hanno portato punti, il Napoli si allontana dalla testa della classifica, ma non si può certo dire che sia un passo indietro rispetto a quello che Ancelotti ha in testa. Anzi. Questa è una squadra che è uscita certamente rinforzata dal mercato e che ora ha due binari paralleli sui quali procedere con una rosa decisamente ampia.
Delle risposte negative sono arrivate invece dalla Lazio che entra in una minicrisi (francamente più di risultati che di gioco, forse di tenuta, visto che il problema pare esserci soprattutto nella seconda parte partita) visto che ormai sono 4 le sconfitte consecutive e dalla Roma che perde in casa con l'Atalanta. Qui la sconfitta è la prima e probabilmente è indolore, visto che al di là del valore degli avversari ci sono da considerare anche le grandi occasioni che la Roma ha avuto.
Da sottolineare non solo la prima vittoria della Fiorentina, in questo turno infrasettimanale che non vinceva da febbraio dello scorso anno e l'impresa del Lecce. E' un campionato molto equlibrato, sia in testa che in coda. E ci sarà da divertirsi, probabilmente più che nelle altre stagioni


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ronaldo va via, arrivano Mbappé e Pogba: ecco tutte le strategie della Juve. Ibra, sì al Milan. Ma Gazidis non ha ancora dato via libera. Inter, accordo con Giroud. Ora parola al Chelsea. Napoli, Inzaghi per il dopo Ancelotti 22.11 - Se la Juve non dovesse vincere la Champions neppure quest’anno, Cristiano Ronaldo avrebbe già deciso di lasciare il calcio italiano. Agnelli ne sarebbe a conoscenza ed è già pronto a imboccare nuove strade, sta infatti lavorando per portare in bianconero Mbappè e far tornare Pogba. Questa...

Editoriale DI: Luca Marchetti

A Napoli ancora parole. Gennaio e un mercato difficile: Inter e Milan. Con una Nazionale rinata 21.11 - Le considerazioni di Edoardo De Laurentiis non possono che riaprire il fronte in casa Napoli, quando sembrava che il tempo, la pausa della Nazionale, alcune dichiarazioni social di giocatori rappresentativi come Koulibaly, l’intrvento di Ancelotti (che rivendica le ragioni del Napoli...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Boom: Mourinho nuovo allenatore del Tottenham! E che riduzione d’ingaggio ha accettato! Conte migliore di Sarri finora, ma sono altri due i migliori in assoluto: i voti dopo il primo terzo di campionato 20.11 - Se pensavate che in Inghilterra fosse più facile fare l’allenatore, chiedere a Mauricio Pochettino. In un qualsiasi martedì di una pausa internazionale, quando a dire il vero la pausa sta già per finire, il Tottenham lo lascia a casa, lui con il suo stipendio da 13 milioni di euro...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'ipotesi Rakitic e un numero che spaventa. Milan: Ibra, Piatek, Paquetà e le mosse del Diavolo. Inter: il caso-Gabigol. Italia: Mancini "oltre" i risultati 19.11 - Siccome siamo in drammatico regime di pausa per le nazionali e non abbiamo veramente nulla da dire (apprezzate la grande onestà intellettuale: nulla-da-dire) facciamo una cosa facile-facile: scorriamo i principali siti pallonari e commentiamo quel che c’è. Sì, è vero, non si fa, ma...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Bravo De Laurentiis, adesso vai fino in fondo. Aspettando De Ligt e Rabiot... ad oggi i conti non tornano. Boga, la prossima plusvalenza del Sassuolo. Serie C a picco: ora tocca al Rieti 18.11 - Il 5% della multa, il collegio sindacale, il sogno di decurtare il 50% dall'ultima mensilità e trovare qualche cavillo sui diritti di immagine. Signori, tanto di cappello davanti ad Aurelio De Laurentiis. Proprio la scorsa settimana avevamo invitato il numero 1 del Napoli a prendere...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'insensata ossessione per la convocazione azzurra di Mario Balotelli e le ragioni di Mancini. Intanto il ct ha praticamente già scelto la rosa per l'Europeo 17.11 - La domanda sgorga quasi spontanea, per abitudine e per sensazionalismo. "Balotelli?". Roberto Mancini che ha tanto pelo sullo stomaco quanto ciuffo, è ben abituato e preparato. Risponde che in questa Italia non c'è posto per Mario, quello che è la storia esatta di mille però, di altrettanti...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Ibra, in Italia Milan o Bologna. Maldini e Boban a caccia di rinforzi: Demiral in difesa, Xhaka o Strootman a centrocampo. L’Inter ripensa a De Paul ma servono 30 milioni. Florenzi, il futuro tra un mese 16.11 - Sosta uguale punto di mercato inevitabile. I preparativi sono iniziati. Comincio da Ibrahimovic. Il campione svedese non ha fretta di decidere, sceglierà il suo futuro solo poco prima di Natale. La situazione al momento è questa. Il Bologna in Italia è l’unico club che sta trattando...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo fa il Fenomeno e risponde a Sarri con una tripletta. Ma non stava male? Ibra al Milan con Raiola che piazza Suso e Donnarumma. Napoli, ecco perché Adl può vendere allo sceicco Al Thani 15.11 - Della serie alzati e cammina, Cristiano Ronaldo ieri sera in nazionale ha segnato una tripletta alla Lituania. Abbiamo il forte sospetto che andando in Portogallo abbia allungato un po’ il viaggio passando da Lourdes, altrimenti fatichiamo a capire cosa possa essere successo da domenica...

Editoriale DI: Luca Marchetti

È tempo di riflessioni, per mercato invernale e futuro in generale... all’insegna del prestito? 14.11 - Durante la pausa della Nazionale è sempre tempo di riflessioni in ogni società, per cercare di programmare al meglio il mercato invernale e per cercadi risolvere i problemi. Chi ne ha - al momento - più di tutti è il Napoli che deve cercare di sbrogliauna matassa piuttosto complicata....

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo è più grande della Juventus, e la Juve lo ha accettato. Ok il marketing, ma è venuto per la Champions League: per vincerla si perdona di tutto. Sarri-Allegri: dopo 3 mesi cosa è cambiato? 13.11 - Non è la prima volta che succede, e non è certo la fine del mondo del calcio, né tantomeno del mondo juventino, né tantomeno del mondo cristianoronaldiano. Un giocatore, stellare e acclamato, che esce in disaccordo per una decisione, e tira dritto per gli spogliatoi, incazzato per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510