HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Su Piatek il Milan accontenta il Genoa, ma su Higuain la colpa è anche di Gattuso. Juventus vicina a De Ligt! Non c’è l’offerta che il Napoli vuole per Allan. E il Barcellona adesso compra Doumbia?

23.01.2019 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 34448 volte

E’ andata come doveva andare. Esattamente 14 giorni fa vi avvisavamo che il triangolo Higuain-Morata-Piatek era impigliato intorno alla policy del Chelsea del non fare contratti pluriennali agli ultratrentenni, e che se Higuain si fosse incaponito su quell’aspetto, allora sarebbe saltato tutto. E infatti ha dovuto a cedere a un prestito con diritto di riscatto in caso di raggiungimento di alcuni traguardi (si parla di 20 gol totali tra tutte le competizioni).
Poi 7 giorni fa vi avevamo dato le cifre precise che ancora ballavano intorno al triangolo, mostrando come le chiavi di tre leghe europee fossero in mano a Preziosi, che non avrebbe mai lasciato partire Piatek con la formula del diritto di riscatto come si vociferava invece in quei giorni, e a cui non interessava minimamente avere un Bertolacci come contropartita. Ed è andata come doveva andare: 35 milioni secchi + 5 di bonus, e addirittura Preziosi ha ottenuto in sede negoziale anche il pagamento secco (del resto, era il Milan ad essere in condizione di necessità).
Dunque su Piatek il Milan ha dovuto accontentare il Genoa in tutto e per tutto (anche perché il prezzo è alto ma non altissimo, facilmente Preziosi avrebbe trovato un West Ham pronto a scucire in estate). E anche il Milan non si può lamentare, perché Piatek viene pagato con quello che era stato già stanziato per pagare Higuain a fine anno, e anzi vengono nel totale risparmiati una quindicina di milioni tra quello che si spende per il polacco, e quello che si sarebbe dovuto ancora spendere per Higuain (solo quest’anno!).
Ma se - vista la spirale in cui si era attorcigliato Higuain - ha sicuramente senso aver venduto il Pipita per fare posto al Pistolero, non bisogna però dimenticare di guardare a quella che gli inglesi chiamano ‘The Big Picture’, il quadro generale: il Milan in 6 mesi ha bruciato uno dei tre giocatori più decisivi del campionato italiano, il secondo più pagato, che vista la sua volubilità è sicuramente responsabile del suo pessimo rendimento.
Ma non il solo responsabile. In questi giorni sta passando sulla graticola Leonardo per averlo scelto, ma a fine agosto tutti gli osservatori nessuno escluso avevano fatto i complimenti al Milan per le operazioni portate a termine.

E allora oltre a Higuain stesso, forse la responsabilità del pessimo rendimento del Pipita è di Gattuso, a cui è impossibile volere male e le cui interviste sono sempre un trattato di onestà intellettuale, ma fino a prova contraria è il responsabile del rendimento della squadra, soprattutto della resa tecnica, al di là delle fortune o delle sfortune contingenti. Tranne le fiammate di Suso, mai la squadra ha messo Higuain nelle condizioni di esprimersi, costantemente per 6 mesi, e allora forse salutare Higuain con delle pernacchie non aiuta a comprendere la situazione tecnica attuale al Milan.

Per comprendere cosa c’è invece su Allan, c’è un viaggio a Parigi di mezzo per De Laurentiis. Che sotto gli 80 milioni non lascia andare il brasiliano. Ma i parigini a quella cifra non arriverebbero, anzi nemmeno ci si avvicinano per ora (proposta sui 50), e insomma l’offerta che vuole il Napoli e di cui si parla tanto per ora non c’è minimamente. Con buona pace dell’immediato sostituto Barella, per il quale l’Inter rimane sempre la favorita.

La Juventus come sempre trama nell’ombra del mercato: niente riflettori, grandi contatti nel dietro le quinte, e in questa maniera Paratici si è portato incredibilmente avanti per De Ligt. Il Barcellona solo due mesi fa era nettamente in vantaggio, ma come al solito quel disastro che è la Junta Directiva blaugrana ci ha messo lo zampino, perdendo tempo e credibilità. Il risultato è che nonostante il giocatore preferisca il Barcellona, adesso però la serietà della Juve sta avendo il sopravvento. Il Barcellona aveva quasi perso De Jong in favore del PSG, ha dovuto rilanciare forte per recuperare e la situazione rimane intricata, ma adesso può perdere anche De Ligt.

A proposito di Barcellona. L’acquisto di Boateng ha del surreale. Sentite qua: gli osservatori del Barça erano andati a seguire il Sassuolo per produrre una relazione su De Zerbi, e però erano tornati con buone impressioni su Boateng.
Poi a gennaio Il Barcellona cercava un sostituto per Suarez, e dopo aver scartato altri profili, hanno preso Boateng (che ha 32 anni, e… sostituto di Suarez?!). Anche perché il Sassuolo doveva saldare ancora Marlon, e allora hanno fatto tutto un conto.
Gli ultimi tre acquisti in ordine cronologico del Barcellona sono stati:
- uno scarto della Juventus 2015 (Vidal)
- uno scarto dell’Inter 2017 (Murillo)
- uno scarto del Milan 2013 (Boateng)
A questo punto, non ci stupiremmo se il prossimo asso dei blaugrana fosse l’ex Roma Doumbia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510