HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Su Piatek il Milan accontenta il Genoa, ma su Higuain la colpa è anche di Gattuso. Juventus vicina a De Ligt! Non c’è l’offerta che il Napoli vuole per Allan. E il Barcellona adesso compra Doumbia?

23.01.2019 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 34607 volte

E’ andata come doveva andare. Esattamente 14 giorni fa vi avvisavamo che il triangolo Higuain-Morata-Piatek era impigliato intorno alla policy del Chelsea del non fare contratti pluriennali agli ultratrentenni, e che se Higuain si fosse incaponito su quell’aspetto, allora sarebbe saltato tutto. E infatti ha dovuto a cedere a un prestito con diritto di riscatto in caso di raggiungimento di alcuni traguardi (si parla di 20 gol totali tra tutte le competizioni).
Poi 7 giorni fa vi avevamo dato le cifre precise che ancora ballavano intorno al triangolo, mostrando come le chiavi di tre leghe europee fossero in mano a Preziosi, che non avrebbe mai lasciato partire Piatek con la formula del diritto di riscatto come si vociferava invece in quei giorni, e a cui non interessava minimamente avere un Bertolacci come contropartita. Ed è andata come doveva andare: 35 milioni secchi + 5 di bonus, e addirittura Preziosi ha ottenuto in sede negoziale anche il pagamento secco (del resto, era il Milan ad essere in condizione di necessità).
Dunque su Piatek il Milan ha dovuto accontentare il Genoa in tutto e per tutto (anche perché il prezzo è alto ma non altissimo, facilmente Preziosi avrebbe trovato un West Ham pronto a scucire in estate). E anche il Milan non si può lamentare, perché Piatek viene pagato con quello che era stato già stanziato per pagare Higuain a fine anno, e anzi vengono nel totale risparmiati una quindicina di milioni tra quello che si spende per il polacco, e quello che si sarebbe dovuto ancora spendere per Higuain (solo quest’anno!).
Ma se - vista la spirale in cui si era attorcigliato Higuain - ha sicuramente senso aver venduto il Pipita per fare posto al Pistolero, non bisogna però dimenticare di guardare a quella che gli inglesi chiamano ‘The Big Picture’, il quadro generale: il Milan in 6 mesi ha bruciato uno dei tre giocatori più decisivi del campionato italiano, il secondo più pagato, che vista la sua volubilità è sicuramente responsabile del suo pessimo rendimento.
Ma non il solo responsabile. In questi giorni sta passando sulla graticola Leonardo per averlo scelto, ma a fine agosto tutti gli osservatori nessuno escluso avevano fatto i complimenti al Milan per le operazioni portate a termine.

E allora oltre a Higuain stesso, forse la responsabilità del pessimo rendimento del Pipita è di Gattuso, a cui è impossibile volere male e le cui interviste sono sempre un trattato di onestà intellettuale, ma fino a prova contraria è il responsabile del rendimento della squadra, soprattutto della resa tecnica, al di là delle fortune o delle sfortune contingenti. Tranne le fiammate di Suso, mai la squadra ha messo Higuain nelle condizioni di esprimersi, costantemente per 6 mesi, e allora forse salutare Higuain con delle pernacchie non aiuta a comprendere la situazione tecnica attuale al Milan.

Per comprendere cosa c’è invece su Allan, c’è un viaggio a Parigi di mezzo per De Laurentiis. Che sotto gli 80 milioni non lascia andare il brasiliano. Ma i parigini a quella cifra non arriverebbero, anzi nemmeno ci si avvicinano per ora (proposta sui 50), e insomma l’offerta che vuole il Napoli e di cui si parla tanto per ora non c’è minimamente. Con buona pace dell’immediato sostituto Barella, per il quale l’Inter rimane sempre la favorita.

La Juventus come sempre trama nell’ombra del mercato: niente riflettori, grandi contatti nel dietro le quinte, e in questa maniera Paratici si è portato incredibilmente avanti per De Ligt. Il Barcellona solo due mesi fa era nettamente in vantaggio, ma come al solito quel disastro che è la Junta Directiva blaugrana ci ha messo lo zampino, perdendo tempo e credibilità. Il risultato è che nonostante il giocatore preferisca il Barcellona, adesso però la serietà della Juve sta avendo il sopravvento. Il Barcellona aveva quasi perso De Jong in favore del PSG, ha dovuto rilanciare forte per recuperare e la situazione rimane intricata, ma adesso può perdere anche De Ligt.

A proposito di Barcellona. L’acquisto di Boateng ha del surreale. Sentite qua: gli osservatori del Barça erano andati a seguire il Sassuolo per produrre una relazione su De Zerbi, e però erano tornati con buone impressioni su Boateng.
Poi a gennaio Il Barcellona cercava un sostituto per Suarez, e dopo aver scartato altri profili, hanno preso Boateng (che ha 32 anni, e… sostituto di Suarez?!). Anche perché il Sassuolo doveva saldare ancora Marlon, e allora hanno fatto tutto un conto.
Gli ultimi tre acquisti in ordine cronologico del Barcellona sono stati:
- uno scarto della Juventus 2015 (Vidal)
- uno scarto dell’Inter 2017 (Murillo)
- uno scarto del Milan 2013 (Boateng)
A questo punto, non ci stupiremmo se il prossimo asso dei blaugrana fosse l’ex Roma Doumbia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510