HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » genoa » La Giovane Italia
Cerca
Sondaggio TMW
Qual è il vostro miglior acquisto dopo il primo trimestre?
  Muriel (Atalanta)
  Nainggolan (Cagliari)
  Ribery (Fiorentina)
  Lukaku (Inter)
  De Ligt (Juventus)
  Hernandez (Milan)
  Kulusevski (Parma)
  Lozano (Napoli)
  Smalling (Roma)
  Caputo (Sassuolo)

Flavio Bianchi, il leone è ferito ma vuol tornare a ruggire

La Giovane Italia vi porta alla scoperta dei nuovi talenti del calcio italiano, raccontandovi ogni giorno, alle 8:45, le storie dei giovani di casa nostra e dei club che scommettono su di loro
16.11.2019 08:45 di La Giovane Italia    articolo letto 4231 volte
Flavio Bianchi, il leone è ferito ma vuol tornare a ruggire
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Basta una frazione di secondo per svegliarsi da un sogno. Lo sa bene Flavio Bianchi, capitano della Primavera del Genoa che, dopo un avvio di stagione folgorante, è costretto da qualche giorno ai box da un infortunio che ha chiuso anzitempo il suo 2019. Frattura del perone sinistro: una diagnosi asciutta e tagliente come una lama, che ha provocato lo stesso dolore dell’impatto col quale il classe 2000 si è procurato la lesione. Ma un leone, anche se ferito, non scorda mai il suo ruggito. E l’obiettivo di Flavio adesso è quello di rimettersi in sesto il prima possibile, per tornare a riallacciare quel feeling con il gol che aveva fatto volare il suo Genoa in questa prima parte della stagione.

Cuore genoano - Flavio Bianchi ha il rossoblù del Genoa tatuato sulla pelle. Arrivato sotto la Lanterna all’età di nove anni, il classe 2000 ha così avuto il privilegio di poter vestire la maglia della propria squadra del cuore, indossata dopo gli inizi nel Golfo Dianese. Una parentesi con la Primavera del Torino nel 2017-18, impreziosita dalla conquista della Coppa Italia, non ha intaccato il legame coi colori genoani. Flavio è rientrato alla base cresciuto e maturato dopo l’esperienza in granata, dimostrando di poter alzare l’asticella delle prestazioni già nella passata stagione, quando ha trascinato il Genoa ad un passo dalla conquista del Viareggio, aggiudicandosi il premio di Golden Boy come miglior giocatore del torneo. Rimasto in rossoblù da fuori quota, malgrado le tante richieste arrivate dalla Serie C, Bianchi ha cominciato il 2019-20 segnando con impressionante regolarità. Già nove i centri nelle otto gare disputate, tra campionato Primavera 1 e Coppa Italia, un bottino che lo aveva spinto a un passo dalla vetta del Ranking curato da La Giovane Italia, prima del brutto infortunio che lo ha costretto ad una sosta forzata. Un incidente di percorso che Flavio vuole archiviare in fretta, per tornare a vestire i panni del goleador, portando al braccio con orgoglio la fascia da capitano della Primavera genoana.

Animale d’area - Bianchi ha nell’area di rigore il suo habitat naturale. Il fiuto per il gol rappresenta una dote innata, che lo rende letale nei sedici metri avversari. Una qualità che ha messo in evidenza in tutte le categorie e anche con la maglia delle giovanili azzurre, con le quali ha totalizzato due reti in undici gettoni di presenza a cavallo tra l’Under 15 e l’Under 18. Destro naturale, ma efficace anche col piede debole, Flavio sa concludere a rete con una ottima varietà di soluzioni, non ultima quella del gioco in acrobazia nel quale riesce a eccellere grazie ad una muscolatura esplosiva e ad ottime capacità coordinative. L’altezza sfiora il metro e ottanta, con una corporatura che gli consente di essere rapido e sgusciante nello stretto, senza comunque disdegnare il corpo a corpo coi difensori avversari. L’attitudine da leader, in campo e fuori, è testimoniata dalla fascia da capitano, che gli è stata consegnata dai tecnici di molte categorie delle quali ha fatto parte. La Primavera del Genoa lo aspetta in campo, per poter tornare a seguire il suo totem.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Genoa

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510