Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Carlo Nesti: “Le contraddizioni di Conte sul furore agonistico”

Carlo Nesti: “Le contraddizioni di Conte sul furore agonistico”TUTTOmercatoWEB.com
martedì 24 novembre 2020 11:53La scheda di Carlo Nesti
di Carlo Nesti

Questo è il diario dei miei "pensieri", in formato "NES-tweet", o in formato più esteso, a partire dal settembre 2020, fino ad oggi, in ordine inverso.

24-11-2020
Carlo Nesti: “Le contraddizioni di Conte sul furore agonistico”

Antonio Conte, dopo la partita contro l’Atalanta, aveva suggerito un bicchiere di vino in meno a chi criticava l’Inter, per la diminuzione del furore agonistico. In realtà, contro il Torino, i primi 60 minuti di gioco hanno evidenziato lo stesso problema, tanto da indurre proprio Conte e Lukaku a sottolineare come l’Inter non sia ancora una grande squadra. E quando si è trattato di specificare le carenze dei nerazzurri, l’allenatore ha parlato esattamente di “scarso furore agonistico”. La verità è che, a caldo, gli addetti ai lavori hanno le loro buone ragioni, nel non essere abbastanza tranquilli. Per non contraddirsi da una partita all’altra, tuttavia, bisognerebbe compiere uno sforzo di buon senso, e accettare più serenamente i dibattiti. Le considerazioni degli opinionisti, infatti, non sono poi tutte da buttare, se le domeniche successive diventano credibili.

18-11-2020
Carlo Nesti: “Superpagella dei quotidiani sportivi: in testa Ibrahimovic”

Grazie all’analisi e alla sintesi di Massimo Fiandrino, abbiamo preso in considerazione i voti in pagella dei giocatori di Serie A, espressi dai 3 quotidiani sportivi italiani: “La Gazzetta dello Sport”, “Corriere dello Sport” e “Tuttosport”. Dopo 7 giornate, le medie voto premiano come 5 migliori in assoluto: Ibrahimovic (Milan) 7,5; C. Ronaldo (Juventus) 7,1; Muriel (Atalanta) 6,83; Belotti (Torino) 6,76; la sorpresa Nzola (Spezia) 6,66 al quinto posto. Dando un’occhiata panoramica alle 8 potenziali “grandi” del torneo, in ordine alfabetico i leader in classifica sono: nella Fiorentina Dragowski 6,29, nell’Inter Barella 6,5, nella Juventus C. Ronaldo 7,1, nella Lazio Milinkovic-Savic e L. Alberto 6,31, nel Milan Ibrahimovic 7,5, nel Napoli Osimhen e Lozano 6,52 , nella Roma Mkhitaryan 6,55, e nel Torino Belotti 6,76.

10-11-2020
Carlo Nesti: “”Dream team” delle statistiche: rivelazioni Ibanez, Gunter, Rovella e Amrabat”

Dopo 7 giornate del campionato di Serie A, vi propongo il “dream team” delle statistiche, ricavato dai primati nelle varie specializzazioni del gioco. Le fonti sono: legaseriea.it e whoscored.com. 1 – Portiere della squadra meno battuta: Silvestri. 2 – Primatista dei recuperi (in difesa): Ibanez. 3 – Primatista dei contrasti (in difesa): Calabria. 4 – Primatista degli intercetti (in difesa): Acerbi. 5 - Primatista delle respinte (in difesa): Gunter. 6 – Primatista dei passaggi precisi (a centrocampo): Locatelli. 7 – Primatista dei cross: Calhanoglu. 8 – Primatista del chilometraggio (a centrocampo): Rovella. 9 – Primatista della classifica cannonieri: Ibrahimovic. 10 – Primatista degli assist: Mkhitaryan. 11 – Primatista dei dribbling: Amrabat.

3-11-2020
Carlo Nesti: “Milan: decisivo il ravvedimento di Gazidis”

Il ravvedimento di Gazidis, quando il Milan cominciava a decollare, verso lo scudetto del post-lockdown, è stato decisivo. Sbagliare, o stare per sbagliare, e correggersi, è sempre indice di intelligenza e umiltà. Poteva essere il Milan di Ragnick, e invece ha continuato ad essere il Milan di Pioli, con 24 risultati utili consecutivi, e con, in questa stagione, 10 vittorie su 11. E’ un campionato anomalo, con le maledette defezioni del Covid, i tempi serrati del calendario, e le difficoltà assortite delle altre grandi. Per questo, non è un azzardo ritenere il Milan competitivo per il titolo. La maggioranza dei giocatori ha migliorato del 50%, in un anno, il suo rendimento. Concedetemi un solo dubbio: degli 11 avversari in caledario, solo Inter e Roma sono stati di pari forza. Urgono ancora, dunque, altri banchi di prova.

27-10-2020
Carlo Nesti: “Il nuovo paesaggio attorno a Ronaldo”

Non è facile immaginare il paesaggio tattico, che circonderà Ronaldo. Il modulo di Pirlo, in possesso, è il 3-4-1-2. Proviamo a numerare le posizioni: in porta 1, in difesa 2, 3 e 4, a centrocampo 5, 6, 7 e 8, a tre quarti di campo 9, in attacco 10 e 11. Il tecnico ha riservato a Ronaldo la casella 10. In realtà, il portoghese parte sempre dalla 8, per finire nella 10, tagliando da sinistra al centro. La 8, negli ultimi 180’, è stata occupata da Chiesa, Bernardeschi, e Kulusevski. Sono gli uomini, con Alex Sandro, che beneficierebbero della fascia sinistra, al momento del taglio di Ronaldo. Arrivato nella casella 10, il portoghese, dovrà combinare con la 11, Morata, e la 9, Ramsey o Dybala, favorito sul gallese. L’attacco più spregiudicato (3-2-5) sarebbe: 5 Cuadrado, 9 Dybala, 10 Ronaldo, 11 Morata e 8 Kulusevski. Domanda: chi copre? Una ardita scommessa.

20-10-2020
Carlo Nesti: “Il Sassuolo come Atalanta-bis del campionato”

Non è ancora il caso di parlare di fenomeni del passato remoto come Cagliari e Verona. O di piazze d’onore inattese come Vicenza e Perugia. Ma è pur vero che il secondo posto del Sassuolo, soprattutto all’inizio di un campionato, non può stupire più di tanto. Sono anni che la squadra emiliana si propone come l’Atalanta-bis della Serie A. Il suo Gasperini si chiama De Zerbi, e la vocazione per il gioco propositivo e mnemonico è la stessa. La differenza di questo avvio di stagione è anche costituita dalla consacrazione azzurra, con Berardi, Caputo e Locatelli. Per Berardi, a 26 anni, è arrivato l’appuntamento decisivo con la continuità. Per Caputo, a 33 anni, si completa un percorso lungo e meritato. Per Locatelli, a 22 anni, sboccia un talento che era solo da aspettare. Complimenti a tutti!

13-10-2020
Carlo Nesti: “Pirlo dimostri di non essere un integralista”

L’arrivo di Chiesa ha acceso la fantasia dei tifosi bianconeri sulla possibile impostazione tattica adottata da Pirlo. Il tecnico, fin dall’inizio, ha dichiarato di non essere un integralista, ma ha lasciato intendere, con le sue scelte, orientarsi su un 3-4-1-2, che diventa 4-4-2 in fase difensiva. Io credo si tratti unicamente di un punto di partenza, per 2 ragioni. La prima è che gli esterni a tutto campo di ruolo sono solo 2: a destra Cuadrado, che ha già 32 anni, e a sinistra Alex Sandro, che non ha sempre convinto. La seconda è che non mi sembra così decisivo Ramsey da potere ambire al ruolo di trequartista, negando un posto ad altri. Pirlo dovrà sicuramente riflettere anche su 3-4-3, 4-4-2 e, soprattutto 4-3-3, perché 2 giocatori sono insostituibili, Ronaldo e Dybala, e occorre assicurare da 1 a 2 maglie a Chiesa e Kulusevski, senza dimenticare l’opzione Morata.

6-10-2020
Carlo Nesti: “I difetti rimasti nel mercato delle grandi”

Fra tanti pregi, in termini di acquisti, proviamo a riassumere i difetti rimasti, nel mercato delle grandi. L’Inter, per completare l’allungamento della coperta di Conte, ha cercato invano un play maker di personalità come Kantè. La Juventus, dopo avere rinunciato a Dzeko, avrebbe trovato in Emerson o Marco Alonso valide alternative per lo sbiadito Alex Sandro. La Lazio doveva rafforzare la difesa, senza costringere Parolo ad adattarsi, ed è stata tradita da David Silva, ideale trampolino per Immobile. Il Milan ha riposto troppa fiducia in Colombo e Maldini, come riserve di Ibrahimovic, visto che Leao e Rebic sono più esterni. La Roma è un po’ troppo invecchiata davanti, con la media di quasi 33 anni di Mkhitaryan, Dzeko e Pedro, cedendo i giovani. Il Napoli poteva cercare una pedina più brillante di Mario Rui, come terzino sinistro, visto il calo di Ghoulam.

29-9-2020
Carlo Nesti: “Pirlo ha bocciato il 4-3-3 di Sarri”

A Roma, Pirlo ha bocciato Sarri, sostenendo l’inattuabilità del modulo-base del predecessore: il 4-3-3. Andrea, infatti, sostiene di avere a disposizione centrocampisti adatti a giocare a 2, e non a 3, a centrocampo. La Juventus, tuttavia, è scivolata proprio su un terreno caro sia a Pirlo, sia a Sarri: il recupero immediato della palla. Troppi uomini, infatti, si sono sbilanciati, e hanno facilitato le micidiali ripartenze avversarie. Da questo punto di vista, è apparso sbagliato l’assortimento della coppia, con un cursore come McKennie, e un atipico come Rabiot. Decisamente meglio 2 pedine, come Arthur e Bentancur, più disciplinate nel conservare le posizioni, la prima più qualitativa, e la seconda più quantitativa. In ogni caso, la squadra decollerà non solo con queste varianti, ma soprattutto con i progressi di Morata, e il rilancio di Dybala.

22-9-2020
Carlo Nesti: “Morata per connettere Ronaldo con Dybala”

Avevamo appena analizzato le opposte ragioni di Dzeko e Suarez alla Juventus, ed ecco che arriva la sorpresa, non nuova in casa bianconera. Per la verità, come per Pogba, il cordone ombelicale fra Morata e la società torinese non si è mai interrotto. Dipende dall’attività agonistica, se pensiamo che 27 gol e 16 assist, in 2 stagioni, avevano abbinato un ricordo eccellente alla sua esperienza juventina. E dipende dalla vita privata, se pensiamo che la conoscenza con Alice gli ha regalato una moglie e 2 gemelli. Nella nuova squadra di Pirlo potrà giocare e non giocare, visto che le opzioni tecnico-tattiche sono innumerevoli, ma la missione principale sarà riempire lo spazio esistente fra Ronaldo, a sinistra, e Dybala, a destra. Si tratta di quel ruolo di centravanti, che Higuain ha saputo interpretare solo in parte, e senza gloria.

15-9-2020
Carlo Nesti: “Juventus: le opposte ragioni di Dzeko e Suarez”

Dzeko o Suarez? Per la Juventus è anche una scelta filosofica, che presuppone 2 modi diversi di giocare. Dzeko è paragonabile a Ibrahimovic. Si propone come regista offensivo arretrato, vertice basso di un triangolo con Ronaldo a sinistra e Dybala a destra. Nella dinamica delle azioni, il bosniaco si trasforma da centrocampista aggiunto in pivot, sfruttando le doti aeree come sponda e come bomber. Suarez è paragonabile a Tevez. Si propone come punta centrale fissa, con Ronaldo a sinistra e Dybala a destra. Riempie l’area, ovviando ad una delle lacune dell’ultima versione sarriana, e svolge un ruolo da opportunista, cogliendo l’attimo anche sulle palle sporche. Sarà anche l’aspetto economico, ovviamente, a determinare la scelta della società.

9-9-2020
Carlo Nesti: “Milan: Pioli deve districarsi fra i dualismi”

Un successo del Milan è già quello di avere scongiurato la quarta rivoluzione del post-Berlusconi. Prima Li-Mirabelli-Fassone, poi Eliott-Leonardo, e quindi Eliott-Maldini. La società ha sfiorato l’ennesima svolta con Eliott-Rangnick, ma ha prevalso il buon senso, perché l’eccellente post-lockdown rossonero si doveva a Pioli-Ibrahimovic-Maldini, ed eliminarli tutti e 3 significava perdere altro tempo sulla strada del rilancio. Ora toccherà a Pioli distribuire sapientemente le risorse, perché i 3 nuovi acquisti, o probabili nuovi acquisti, giocano nelle stesse posizioni di 3, degli elementi in maggiore crescita degli ultimi mesi: Tonali-Bennacer, Brahim Diaz-Calhanoglu, e Babayoko o Soumarè-Kessie. L’allenatore deve avere in mano lo spogliatoio, per stabilire strategie e rotazioni, senza pericolosi dualismi.

2-9-2020
Carlo Nesti: “”Cocoon”: il nostro mercato senza età”

E’ un calcio italiano in formato “Cocoon”, che pone al centro dei progetti giocatori stagionati, un tempo sottovalutati per raggiunti limiti di età. Pensate a Messi (33 anni), principale oggetto dei desideri estivo. E pensate a chi domina i piani di molte squadre: Ronaldo (35) nella Juventus, Ibrahimovic (38) nel Milan, Gomez (32) nell’Atalanta, Pedro (32) nella Roma, e Ribery (37) nella Fiorentina. Aggiungiamo uomini, che potrebbero rappresentare, o rappresentano i grandi colpi delle 2 principali pretendenti al titolo: Dzeko (34) e Suarez (33) per Juventus, Vidal (33) e Kolarov (34) per l’Inter. I motivi sono 2: un mercato sempre più orientato a vincere subito, che non a programmare; e una preparazione fisica, abbinata ai test medici, che allunga le carriere.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000