HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Politano verso il Napoli, è l'acquisto giusto?
  Sì, dà un'alternativa all'irriconoscibile Callejon dell'ultimo periodo
  No, al Napoli sarebbe servito un giocatore diverso
  No, il campionato azzurro è compromesso, a prescindere dagli arrivi

La Giovane Italia
Serie A

Berlusconi: "Con Sacchi cambiammo il calcio. Storia meravigliosa"

09.12.2019 12:53 di Michele Pavese  Twitter:    articolo letto 3236 volte
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews

È cominciata la settimana che porterà ai festeggiamenti per i 120 anni del Milan (fondato il 16 dicembre 1899), che verranno celebrati domenica prossima, prima e dopo la sfida contro il Sassuolo. Attraverso il profilo Twitter, il club rossonero ha pubblicato un video con alcune dichiarazioni rilasciate da Silvio Berlusconi, presidente artefice di tanti successi, che ha raccontato il suo legame con il Milan: "Ero un milanista da sempre, andavo allo stadio con mio papà. Avevo il Milan nel cuore. Quando vidi che il Milan era in difficoltà, decisi di entrare in campo e da lì è iniziata una storia meravigliosa. Non fu una scintilla, ma un incendio: nel primo anno abbiamo gestito il Milan costruito dalla precedente proprietà, poi abbiamo fatto una campagna acquisti importante. Abbiamo incontrato Sacchi, che ci dava delle garanzie circa il modulo, il comportamento in campo e la capacità di creare un grande gruppo. Abbiamo stabilito fin da subito un programma, che in molti all'inizio hanno ritenuto troppo ambizioso, e lo abbiamo rispettato con la vittoria dello Scudetto, poi quella della Coppa dei Campioni e infine quella della Coppa Intercontinentale. Abbiamo fatto dei veri e propri esercizi spirituali, convocai tutti coloro che lavoravano nel Milan al Castello di Pomerio, dovevamo essere tutti uniti per arrivare ai nostri obiettivi".

L'importanza di Arrigo Sacchi - "Mi è piaciuto molto perché era una persona rispettosa, umile e che rispondeva con precisione alle domande che gli venivano poste. Capii fin da subito che era la persona giusta per noi. In quel periodo, in Italia, dominava una filosofia difensivista nel calcio, soprattutto quando si andava i trasferta, dove si giocava solo di contropiede. Noi volevamo una squadra che scendeva in campo per vincere, convincere e fare tanti gol".

L'opera di persuasione nei confronti di Van Basten - "Lo conoscevo attraverso la stampa e la tv e quindi andai da lui con la convinzione di doverlo a prendere a tutti i costi. Lui non voleva venire in Italia, quindi dovetti mettere in campo tutte le mie capacità di convincimento. Alla fine arrivò qui e sappiamo tutti come è andata".

Il rapporto con gli allenatori - "Solo Sacchi, Capello e Ancelotti sono stati i tecnici con cui ho collaborato pienamente e di raggiungere una grande sintonia. Andavo d'accordo con loro, ci sentivamo spesso e concordavamo sulla squadra da mandare in campo".

Vittorie e obiettivi raggiunti - "Gli obiettivi che ci eravamo prefissati erano traguardi a cui nessuno credeva e quindi sono assolutamente soddisfatto di quello che abbiamo fatto. Grazie alle vittorie del Milan, sono il presidente di club che ha vinto di più a livello mondiale".

L'affetto dei tifosi - "Quando vado in giro e incontro la gente, c'è sempre qualcuno che mi dice di essere milanista e mi ringrazia per il Milan che abbiamo costruito. Questo non succede solo in Italia, ma anche all'estero".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Inter, Antonio Conte furioso: diserta la sala stampa del Meazza Il tecnico dell'Inter, Antonio Conte, ha scelto di disertare la sala stampa per la consueta conferenza post-partita. Evidentemente furioso per i fatti avvenuti nel corso del match contro il Cagliari. Gli unici tesserati nerazzurri a rilasciare dichiarazioni saranno il capitano Samir...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510