HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi volete come centravanti dell'Italia a Euro2020?
  Ciro Immobile
  Andrea Belotti
  Mario Balotelli

La Giovane Italia
Serie A

Juve, il giorno più lungo: Allegri da Agnelli, sarà un confronto lucido

15.05.2019 06:45 di Giovanni Albanese  Twitter:    articolo letto 9675 volte
Fonte: inviato a Torino
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

All’alba di quello che potrebbe essere il giorno più lungo dell’anno in casa Juventus, la certezza è che non c’è certezza. Le idee sono chiare, chiarissime. Dall’una e dall’altra parte: adesso, però, bisogna comunicare, condividere. Fondamentale, in un ambiente di lavoro complesso, in cui talenti e passioni si calano interamente con la propria identità in un progetto comune e pongono le basi per perseguire lo stesso obiettivo.

Oggi Massimiliano Allegri andrà in udienza dal presidente Andrea Agnelli, esattamente un mese dopo l’uscita di scena dalla Champions League. Sarà un faccia a faccia lucido, che non per forza dovrà mettere in discussione le parole del presidente già nel post gara di Juve-Ajax: “Ci riproveremo il prossimo anno, ancora con Massimiliano Allegri in panchina”.

Alla Continassa, le riflessioni a freddo mettono fortemente in discussione la gestione tecnica della stagione, sfociata nella pessima condizione in cui la squadra è giunta nel momento più decisivo dell’anno. Una strategia (probabilmente cambiata in corsa) che il tecnico spiegherà con un dossier contenente motivazioni precise, che non per forza saranno rese pubbliche. Allegri d’altronde ha ammesso già pubblicamente di aver commesso qualche errore quest’anno, ma di avere anche le idee chiare per il futuro.

La questione si sposta al tavolo della trattativa: l’allenatore ha un altro anno di contratto, potrebbe anche farsi bastare un leggero prolungamento al fine di vivere la prossima stagione con la serenità necessaria per lavorare. Quì subentra la posizione netta di qualche dirigente – Pavel Nedved su tutti – che nelle ultime ore si è espresso sul valore della rosa “difficilmente migliorabile”, andando quasi in contrasto con la volontà del tecnico di “pensare al futuro, non si gioca in dieci o in dodici, bisogna guardare a qualcosa di nuovo e di diverso per rinnovare gli stimoli. Abbiamo vinto tanto in Italia, e quando vinci è anche il momento di cambiare”.

La divergenza è netta, ma non impossibile da riconciliare. Tutt’altro. Necessaria la volontà di condividere, partendo da un confronto sincero e diretto. Proprio come Allegri ha descritto il suo rapporto con Agnelli in questi cinque anni. E’ vero: nelle ultime settimane il tecnico ha sentito venir meno la piena fiducia della società, le sensazioni sono aumentate col passare del tempo e del silenzio intorno a lui. Oggi, però, è quel giorno. Che aspetta da tempo. Che potrebbe spazzare ancora una volta i rumors di successori che, inevitabilmente, sono stati presi in considerazione nel caso di inconciliabili vedute. Con il presidente sarà un confronto sincero. Decideranno entrambi, con lucidità. Per il bene della Juventus.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Torino, il dubbio tattico per l'attacco: tridente oppure no? E’ la conformazione avanzata il vero nodo da sciogliere per il futuro prossimo del Torino di Mazzarri. Le ultime settimane prima della sosta hanno lasciato spazio al neo acquisto Verdi, che sembra avere costruito una buona intesa con Belotti al contrario di quanto accaduto nell’occasione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510