Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

La Lazio e la gerarchia dei portieri: domani tocca a Strakosha, ma i tifosi vogliono Reina

La Lazio e la gerarchia dei portieri: domani tocca a Strakosha, ma i tifosi vogliono ReinaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
sabato 28 novembre 2020 08:30Serie A
di Riccardo Caponetti
fonte Dall'inviato a Roma

Archiviata la (tanto discussa) positività al Covid-19, Strakosha si prepara a riprendere i pali della Lazio. Difesi, nelle sette gare senza l'albanese, in maniera quasi impeccabile da Reina, con cui la squadra biancoceleste non ha mai perso (4 vittorie e 3 pareggi). Ha convinto appieno compagni, staff e tifosi tanto da mettere in discussione la gerarchia dei portieri, che vede ancora Strakosha come numero uno. Inzaghi l'ha ribadito anche nell'ultima conferenza stampa: salvo sorprese dunque domani alle 12.30 contro l'Udinese toccherà al classe '95, cresciuto nel settore giovanile biancoceleste.

L'ambiente è sempre stato molto critico con Strakosha, che ha ancora 25 anni e ha ampi margini di crescita. In particolare la tifoseria gli rimprovera la mancanza di una spiccata personalità, evidente, per esempio, nelle uscite: un fondamentale su cui sta lavorando tanto con il preparatore Grigioni. Al contrario di Reina, che di carisma e carattere ne ha da vendere. Urla, si sgola e incita: qualità che emergono in maniera netta negli stadi vuoti. Oltre al lato umano e morale, di un personaggio diventato subito centrale nello spogliatoio di Formello, Reina ha impressionato per la qualità con cui gioca con la palla tra i piedi. E ha permesso alla Lazio di uscire sempre pulita dal pressing, favorendo la costruzione dal basso, un dogma di Inzaghi.

La piazza biancoceleste si è innamorata di Reina. "Ha cambiato la Lazio, ora c'è più sicurezza dietro. Non sbaglia mai il passaggio in più è bravo nelle uscite". "Il titolare deve essere Reina: l'aspetto più importante è il fatto che la difesa sembra che tenda ad essere più tranquilla e sicura con lui in porta". Sui social si scatenano i giudizi a favore dello spagnolo, arrivato a quota 174 presenze in Uefa: insieme a Maldini è il secondo più presente di sempre, solo Casillas ne ha collezionate di più (177). "Stavamo troppo bene con Reina...ci stavamo abituando ad un portiere", dice un tifoso perplesso. "È di un altro livello rispetto a Strakosha. Almeno spero che in Champions rimanga lui il titolare". E chissà che non possa essere uno scenario possibile, questo. Domani intanto Reina si siederà in panchina, poi mercoledì a Dortmund si vedrà.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000