Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

VIDEO - Addio Maradona, Pardo: "Sempre dalla parte degli ultimi. Mai preso strade facili"

VIDEO - Addio Maradona, Pardo: "Sempre dalla parte degli ultimi. Mai preso strade facili"TUTTOmercatoWEB.com
venerdì 27 novembre 2020 12:42Serie A
di Tommaso Maschio

Il giornalista Pierluigi Pardo ha parlato ai microfoni di Dazn di Diego Armando Maradona il giorno dopo la notizia della sua morte: “Il giorno dopo la morte di Maradona è il giorno dell’ennesimo miracolo di Maradona. Il giorno in cui uno dei personaggi più polarizzanti, più divisivi, oltre che più geniali della storia del calcio, sembra aver trovato il consenso di tutti. Lo piangono tutti, tutti a mettere la parola infinito a sottolineare l’eternità di quello che Maradona è stato e sarà perché non stiamo parlando solo di un calciatore, seppur grandissimo, ma di un leader, di un uomo che ha vissuto con enorme libertà, la libertà di compiere grandi cose in campo e fuori, la generosità che tutti gli ex compagni gli riconoscono e raccontano. Era sempre dalla parte degli ultimi, del popolo, dei giovani, era anche un sindacalista perché voleva che tutti avessero gli stessi diritti, compresi i giovani che si affacciavano alla prima squadra. Sempre all’opposizione, dalla parte del contro potere. Non è andato nelle squadre più forti del mondo per vincere, non ha preso le vie più facili, lui ha riscattato gli ultimi, è stato leader e ha contribuito alle vittorie del Napoli, ha contributo non solo con la sua immensa qualità in campo, ma anche con il suo carisma, la sua leadership ideologica e identitaria. Ed è per questo che Napoli sta piangendo, perché lui ha sempre difeso la città, il suo orgoglio e la sua identità. È un’icona mondiale che non ha portato solo l’Argentina a vincere un Mondiale nell’’86 con quel bellissimo gol, ma anche con quello precedente di mano. Lui ha reso, con la sua storia, l’Argentina protagonista nel mondo. Ed è per questo che questi due popoli oggi vivono un lutto come se avessero perso un famigliare, un parente”.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000