Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
esclusiva

Dilettanti a rischio, pres. Lanusei: "Non trascurateci! Giocatori da tutelare"

ESCLUSIVA TMW - Dilettanti a rischio, pres. Lanusei: "Non trascurateci! Giocatori da tutelare"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
mercoledì 15 aprile 2020 17:27Serie D
di Riccardo Caponetti

"Il mondo dei dilettanti è di una rilevanza economica e sociale tale che non merita di essere trascurata". A lanciare l'appello è Daniele Arras, presidente del Lanusei, società sarda che ha la prima squadra in Serie D. A TuttoMercatoWeb.com, ha raccontato le possibili implicazioni dell'attuale emergenza sanitaria sul calcio dilettantistico, partendo dalla sua attuale situazione di salute: "Sto bene e al momento è la cosa più importante. Poi però ci sono tante altre questioni da affrontare che complicano il quadro. La nostra comunità (provincia di Nuoro, ndr) sta reagendo bene, la mia impressione è che tutti abbiano capito l'emergenza e siano tutti ligi ai vari decreti stabiliti dalle autorità. Con un po' di sofferenza, si aspetta che la crisi cali per tornare a una parvenza di normalità".

La squadra come sta reagendo?
"Loro continuano a fare dei lavori individuali all'interno delle rispettive case. Il mister e lo staff gli danno indicazioni, anche se c'è molta preoccupazione. Soprattutto i ragazzi che ancora non sanno se si riprenderà la stagione oppure no".

Il futuro dei campionati?
"Penso ci siano due grossi problemi da affrontare. In primis c'è l'aspetto sanitario e logistico, che dipenderà dall'andamento dell'epidemia e dalla capacità di convivere con il virus. Non si arriverà al contagio zero e prima o poi dovremo fare i conti con dei protocolli che coinvolgeranno anche lo sport. Il secondo problema è di tipo economico: questa situazione ha generato grosse perdite per tutto il tessuto socio-economico nazionale. L'attività sportiva, ancor più quella dilettantistica, subisce maggiormente la crisi perché chi la sostiene, ovvero gli sponsor, sono impegnati a garantire la sopravvivenza delle proprie aziende. Sicuramente la priorità non è sostenere le società sportive, ma spero abbiano un supporto. Il mondo dei dilettanti è di una rilevanza socio-economica tale che non merita di essere trascurata. Ci sono migliaia di persone che vivono in questo mondo e per tutelarle bisogna fare in modo che la maggior parte dei club sopravvivano".

Le crisi sono terreno fertile per le riforme?
"Sì, se gestite in un certo modo generano possibilità di un miglioramento. Dobbiamo alzare il livello di tutela per i tesserati, soprattutto per la Serie D. Adesso non ne hanno, sarebbe giusto introdurre delle norme per loro. Ma è anche vero che per fare questo ci devono essere delle società solide e capaci di sopportare quest'aumento di tutele. Le riforme devono andare di pari passo con la capacità di autosostenersi. Facile dire che bisogna farne, ma da qualche parte la coperta bisogna tirarla. E siccome è già molto corta bisogna stare attenti a mantenere un certo equilibrio".

© Riproduzione riservata
Articoli correlati
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000