Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

...con Mauro Meluso

...con Mauro MelusoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Stefano Di Bella
domenica 19 luglio 2020 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo
“Sfida al Genoa non è decisiva, il gruppo la nostra forza. Contro la Fiorentina sottotono, campionato condizionato. Doveri e Irrati al VAR pro Genoa? Non ci credo, gli arbitri stiano attenti”

Sfida decisiva o quasi per la salvezza. In campo Lecce e Genoa, in palio una posta di spessore. “È uno scontro diretto, ma non sarebbe decisivo qualsiasi risultato uscisse fuori”, dice a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo giallorosso, Mauro Meluso.

Venite da una sconfitta contro la Fiorentina.
“Una delle poche partite giocate sottotono. Abbiamo avuto tanti infortuni, non voglio comunque trovare scuse alla prestazione negativa che può capitare. Si gioca ogni tre giorni, gli interpreti sono cambiati. Ci auguriamo che i ragazzi abbiano recuperato le energie fisiche e mentali”.

Com’è stata la ripresa post lockdown?
“È un campionato condizionato, giocare ogni tre giorni non è facile. E non ci sono partite semplici, dipende sempre da come arrivi. Abbiamo vinto contro squadre titolate che hanno organici nettamente superiori perché le condizioni psicofisiche erano ideali. E se siamo al centoventi percento possiamo dire la nostra. Abbiamo un gruppo straordinario, guardate Tachtisidis che quando è stato fuori per infortunio o scelta tecnica ha mostrato grande attenzione alle sorti della squadra. Lo spirito di gruppo ci consente di giocarci la salvezza sino alla fine”.

I cinque cambi aiutano?
“Sono contrario alle regole introdotte in corsa. I cinque cambi ci avrebbero aiutato con tutti gli effettivi a disposizione. La ripresa ha fortemente condizionato il nostro cammino, abbiamo una rosa già ridotta per ovvi motivi e in più abbiamo avuto degli infortuni”.

Giusto aspettarsi grande attenzione dagli arbitri in occasione della partita di oggi...
“Fermo restando che siamo di fronte ad una classe arbitrale di grandissimo livello, abbiamo subito due rigori in casa contro la Samp con un arbitro come Rocchi che è stato ineccepibile ma poi andava espulso Bonazzoli e il VAR non ha aiutato il direttore di gara. Contro di noi è stato applicato il regolamento, ma forse negli anni prima del VAR uno dei due rigori concesso da Rocchi non sarebbe stato dato. Ci vuole però uniformità di interpretazione. Se poi capita che per un fallo subito da Lucioni un giocatore della Fiorentina non viene sanzionato, allora non va bene. La posta in palio è alta, credo ci debba essere da parte di chi sta al VAR molta più attenzione. Utilizziamo bene lo strumento, mancano poche partite e si va verso una fase delicata”.

Arbitra Doveri che in più occasioni è stato benevolo con il Genoa, vedi la partita contro il Milan. E Irrati che sarà al VAR, ha diretto Genoa-Sassuolo e Brescia-Genoa dove il Grifone ne è uscito favorito da alcune interpretazioni arbitrali. Siete preoccupati?
“Non facciamo dietrologia. Crediamo nella buona fede di tutte le componenti. Siamo certi che oggi ci sarà massima attenzione dalla classe arbitrale. Se pensassi alla malafede smetterei di fare questo mestiere. Gli errori ci sono stati, ma in buona fede. Detto questo, oggi ci aspettiamo grande attenzione e uniformità di giudizio”.

Punterete sulla voglia di rivalsa di Saponara?
“Puntiamo su tutti. Non potevamo fare un mercato dispendioso e quindi abbiamo individuato calciatori anche con forti motivazioni. Ci dispiace per Deiola che dovrà operarsi, ha aspettato che i dolori diventassero insopportabili prima di sottoporsi all’intervento”.

Un po’ di voglia di riscatto l’avrà anche Liverani che proprio al Genoa ha iniziato il suo percorso da allenatore, con un esonero.
“Non guarderà questo. Penserà alla sua squadra. Cercherà di superare il Genoa per noi ma non per rivalsa. Ma evidentemente a Genova si erano sbagliati. In ogni caso ce lo godiamo noi: in questi anni ha fatto qualcosa di straordinario”.

Direttore, che è successo tra voi e l’Udinese per Barak?
“Ci sono stati allarmismi più mediatici che reali. Abbiamo avuto la firma del prolungamento il 30 giugno, il 28 l’Udinese ha giocato una partita. Ma quella friulana è una società seria con persone di grande livello professionale e morale. Ci sono rapporti eccellenti tra tutte le parti. Nessun cortocircuito”.

E se il Lecce a fine campionato dovesse salvarsi, che farà?
“Ho già in mente un’iniziativa che non divulgo. Ma sicuramente un ringraziamento andrà fatto. Eventualmente ne parleremo in seguito”.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000