HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Allegri verso il Manchester United. Via dai social per i tifosi bianconeri. Juve sempre più Zidane. Mou e Conte tra l’Inter e il Real. Icardi duro: senza fascia non gioca più. L’indegna caccia a Chiesa

01.03.2019 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 32032 volte
Allegri verso il Manchester United. Via dai social per i tifosi bianconeri. Juve sempre più Zidane. Mou e Conte tra l’Inter e il Real. Icardi duro: senza fascia non gioca più. L’indegna caccia a Chiesa

Ieri Allegri, a sorpresa, ha detto stop ai social, schifato dalla valanga di insulti ricevuti dopo la sconfitta della Juve contro l’Atletico. Detta così potrebbe essere anche roba da chissenefrega, in fondo che i social siano posti frequentati anche da gente indegna di stare in un mondo civile, purtroppo è cosa risaputa da anni. E Allegri di sicuro se ne era già accorto. Il primo a occuparsi degli imbecilli da tastiera fu Umberto Eco una decina di anni fa.

Il problema di Allegri evidentemente è un altro, non ha sopportato che gli attacchi più beceri, più feroci, quelli assolutamente intollerabili e inqualificabili, siano arrivati proprio dai tifosi della Juventus. Come se non aspettassero altro per mettere in moto un plotone di esecuzione virtuale, come se fossero state aperte le gabbie ai tanti che da anni hanno incassato le vittorie a ripetizione di Allegri e hanno dovuto star zitti. Non bastano a certi incivili cinque anni di successi, dieci trofei, due finali di Champions. E se non vi bastano, andate al diavolo. Questo, più o meno, deve aver pensato Allegri quando ha deciso che il limite della sopportazione era ampiamente superato.

Ma perché proprio adesso? Dietro il taglio del cordone ombelicale è facile pensare che possa esserci di più, ad esempio la decisione ormai presa di chiudere con la Juventus anche in caso di vittoria della Champions League qualora dovesse riuscire a ribaltare il risultato con l’Atletico. Lo avevamo già scritto tempo fa, ora le voci arrivano da più parti.

Il primo a confermare l’addio a fine stagione di Allegri dalla Juve è stato Giovanni Galeone collega-amico-mentore, a ruota è arrivato il distacco dai social. Piccola presa di distanza dalla volgarità, ma anche da un mondo. Forse.

Dove andrà Allegri? Sono sempre più insistenti le voci che lo vogliono in Inghilterra, quasi sicuramente sulla panchina del Manchester United. I segnali ci sono, forti e chiari e se i tabloid inglesi hanno parlato pure del Chelsea, se anche Sarri dovesse essere congedato, difficilmente Abramovic si affiderebbe al terzo allenatore italiano consecutivo, fra l’altro molto diverso dalla filosofia calcistica dell’ex napoletano. Quindi Manchester è la pista da seguire. Gli inglesi dopo la cacciata di Mourinho si sono messi nelle giovani mani di Solskjaer che sta facendo bene e, a parole, ha la fiducia piena della società, ma l’idea finale è quella di prendere un allenatore più affermato e vincente. Con Allegri, naturalmente, sarebbe saldo al suo posto Pogba e sull’elenco degli acquisti sarebbe finito anche Cancelo che l’allenatore livornese si porterebbe dietro molto volentieri.

La Juve non si meraviglia e la contromossa è pronta da tempo: Zinedine Zidane. L’alternativa si chiama Deschamps, ma dentro la società c’è anche chi non vedrebbe male un allenatore italiano in carriera, molto vicino all’idea di calcio di Allegri, e parlo di Simone Inzaghi.

Le grandi manovre delle panchine sono iniziate e coinvolgono anche il Real Madrid e l’Inter che si ritrovano attorno agli stessi obiettivi: Mourinho e Conte. Il Real non confermerà Solari, ormai è scontato. Conte piace sempre a Florentino Perez (lo aveva già contattato mesi fa), e per lui sarebbe anche disposto a rinnovare profondamente la squadra pur di accontentarlo. Di recente sarebbe però tornata prepotente l’idea Mou che ha lasciato un buon ricordo e non troverà più i giocatori che lo avevano osteggiato come Casillas, ma anche con lo stesso Ronaldo il feeling era scarso.

Anche all’Inter piace più Mou, considerato interista doc, amato dai tifosi, più aziendalista. In una recentissima intervista Mou non ha nascosto la sua voglia di Inter. Accordo già fatto? Possibile. Grande sponsor sarebbe Massimo Moratti che ha espressamente consigliato Mou al presidente Zhang. Spalletti sembra avere ormai il destino segnato anche se raggiungesse l’obiettivo Champions. La gestione della vicenda Icardi non ha certamente fatto salire le quotazioni, in molti si chiedono come mai non siano stati fatti passi e interventi diplomatici preventivi prima di far deflagrare la situazione all’interno dello spogliatoio.

A proposito, proprio Icardi nella sua lettera-aperta di ieri che sembra quasi rivolta al presidente Zhang e ai tifosi, si scaglia contro chi prende le decisioni dentro l’Inter che secondo Icardi . Non fa nomi, ma è chiaro che le decisioni vengono prese da Marotta e Spalletti. Quindi…

Trattasi di disperato tentativo per far saltare il banco? Forse. Comunque le parti così sono ancora più lontane. Icardi ha ribadito ad amici che non tornerà a giocare nell’Inter senza la fascia da capitano. E l’Inter quella fascia non gliela vuol restituire. Muro contro muro dunque, con l’addio all’orizzonte come era chiaro fin dal primo momento.

Chiudo con un altro caso di questi giorni: Federico Chiesa. Come spesso succede in Italia, chi ha talento ed emerge deve essere affossato, gli invidiosi e gli astiosi provano a segargli le gambe. E’ partita la caccia a Chiesa, lo aveva criticato Gasperini a settembre per un rigore molto discutibile, è andato oltre il presidente della Spal per giustificare una sconfitta, ora è nel mirino di troppi che non si sforzano neppure di valutare o di capire come gioca questo ragazzo. Non sarà perfetto, forse protesta troppo, ma non è un cascatore. Chi possiede una forza dirompente e una velocità come la sua, chi punta l’uomo e l’area dritto per dritto a tutto gas, ha più probabilità di incontrare un ostacolo, un raddoppio o una marcatura triplicata, più facile finire per terra. Perché? Perché incontrare un ostacolo ad alta velocità è diverso che incontrarne uno più lento. Tutto un altro impatto, tutta un’altra perdita di equilibrio. E’ fisica, non calcio, riflettete. I cascatori hanno atteggiamenti diversi, fingono, preparano la caduta con o senza contatto, basta guardare il loro linguaggio del corpo.

Allora mi chiedo: che gusto c’è a prendersela con un ragazzo di 21 anni dalla faccia pulita, a mettere in croce il più grande talento del nostro calcio anche in chiave nazionale? Masochismo puro dei soliti italioti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve, la notte verità. Inter, basta frecciatine. Spalletti-Marotta chiudetevi nello spogliatoio. Roma, follia pura. Foggia, “Nember One” Venezia, da Vecchi-Zenga a Cosmi la gondola non gongola 11.03 - Potete raccontarci quello che volete. La cena tra Agnelli e Allegri, la Champions che è un’ossessione della stampa e non del club, che la partita di domani sera con l’Atletico Madrid sarà una come tante altre. Sappiamo e sapete che non è così. Domani, a Torino, ci sarà un bivio. Se...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kean rischia di diventare un caso, sarà sacrificato in estate? La Roma pensa al casting, mentre l'Inter perde candidati alla panchina. Il Napoli può vincere l'Europa League 10.03 - L'Italia scopre, o meglio riscopre, Moise Kean, attaccante della Juventus, primo 2000 a giocare in Serie A. In un periodo in cui i minorenni vanno poco di moda, Donnarumma a parte, poteva sembrare un buon punto da cui ripartire anche per la nostra Nazionale, in preda a un'anemia di...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Roma: Sarri, Gasperini e Giampaolo idee per il futuro. Inter-Icardi patto fino al termine della stagione. Il Milan al lavoro per i rinnovi di Abate, Zapata, Suso e Donnarumma. Juventus, fari accesi su Joao Felix del Benfica 09.03 - L’addio a Di Francesco, la risoluzione consensuale con Monchi, l’arrivo di Ranieri e un futuro ancora da scrivere. La Roma cambia e guarda avanti, con un solo grande obiettivo: la qualificazione alla Champions League del prossimo anno, traguardo fondamentale. Ranieri resterà al timone...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510