HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro

20.03.2019 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 113701 volte

Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili.
Allo stesso modo, può capitare che poi ti svegli la mattina del martedì sognando una risoluzione in un altro modo soddisfacente del caso Icardi, magari scambiandolo con Dybala, così come hanno aperto i giornali martedì mattina, e poi tu vada a letto e ti risvegli in tutt’altra maniera.

Azzeriamo la filosofia, e posto alla cronaca: Paulo Dybala ha rifiutato l’Inter!
Ma ricostruiamo prima il milieau: la boutade di Marotta per rispondere a Paratici non era una boutade, l’Inter pensa veramente a uno scambio con la Juventus, a cui la Juve dovrebbe aggiungere un conguaglio di qualche decina di milioni, ma soprattutto con la libertà di poter affibbiare a entrambi i giocatori la valutazione che si crede cosicché da operare una plusvalenza sostanziosa, che come si è visto con le varie operazioni di febbraio della Juve, è assolutamente necessaria a Torino.
La Juve in principio non vorrebbe vendere Dybala, ma in cambio di Icardi potrebbe accettare, e soprattutto deve maneggiare una situazione spinosa perché Dybala non ne può più dopo le ripetute esclusioni da parte di Allegri, ultima e più clamorosa quella contro l’Atletico, ma finché i risultati confortano deve ingoiarsi il proprio malcontento.

L’opzione Inter è stata ricevuta dall’entourage e vagliata dal giocatore, e il fantasista argentino non si ritiene interessato all’Inter: valuta come un salto indietro dal punto di vista sportivo, come i risultati espongono ovviamente. Non consideriamo poi quello che sarebbe il nodo contrattuale: Dybala prende 7 milioni netti senza bonus, cambiare per l’Inter significherebbe un aumento a non meno di 8.5/9 milioni, sembra strano che l’Inter possa accordare uno stipendio simile per un giocatore che ha fatto 56 gol negli ultimi 4 anni, dopo aver tentennato per offrirne anche solo 7 di milioni a chi ha già in casa e che nello stesso lasso di tempo di gol ne ha fatti 78, ovvero quasi il 50% in più.

Ma il nodo contrattuale sarebbe conseguente: prima c’è lo scoglio della volontà di Dybala.
L’Inter vuole, la Juventus potrebbe, Dybala ha detto no.
Il 9 bianconero vuole comunque andare via, ma il Barcellona che si era fatto vivo due anni fa non si è più manifestato. Il Real Madrid che pure vagliò la situazione in quello stesso tempo, per ora nemmeno si è fatto vivo, dando precedenza a Eriksen (probabile) e Hazard (possibile).
Per Dybala però c’è l’interesse, presente anche se ancora non concreto, dell’Inghilterra, e specialmente del Manchester United, il più continuo. Anche se nell’ombra anche il Manchester City in passato ha chiesto informazioni. Lo United però è quello con cui i contatti sono tuttora più frequenti, e allora si capisce che il no di Dybala all’Inter non sia soltanto motivato dalla differente competitività offerte dai nerazzurri, ma anche dall’alternativa inglese, possibile anche se ancora non concreta.

La notizia comunque del momento è che Dybala ha declinato l’Inter.
Vedremo se i nerazzurri insisteranno, e se in quel caso cambierà idea.

La settimana scorsa abbiamo dato la notizia esclusiva dei contatti tra Real Madrid e Icardi, e della disponibilità ad aumentare l’offerta del Napoli di 9 milioni. C’è un aggiornamento: all’interno del club negli ultimi giorni si è vagliato ulteriormente l’affare Icardi, e la valutazione è positiva, per due motivi principali: aspetto tecnico, perché c’è la necessità di un bomber; e aspetto finanziario, perché si ritiene che la situazione Icardi può fare abbattere il costo fino a 80 milioni circa, rispetto ai 160 milioni di clausola che invece Icardi avrebbe voluto nel contratto e che non si discosta di molto dalla valutazione che il Real Madrid pensava di ricevere sul bomber argentino.
Più che una cessione da parte dell’Inter, si tratterebbe di una svendita…

Rimangono però ancora 2 mesi di storia da concludere tra Icardi e l’Inter. E che l’argentino possa rivedere il campo dipende praticamente solo da venerdì: -48 ore all’Icardi-day.
Non è vero che sia già sicuro rivedere Icardi allenersi.
Tutto dipende dalla riunione prima del weekend: finalmente sarà presente anche Steven Zhang, oltre a Icardi e Marotta, e a sorpresa anche Spalletti.
Il presidente condurrà la riunione, ed è surreale pensare che né Icardi né Spalletti parlino inglese per interloquire direttamente (oddio, il mister un po’ di conversazione riesce anche a farla).
Sarà un bel match riuscire a mediare tra l’orgoglio dei due. La fascia di capitano non torna e non tornerà, Spalletti si sente in condizioni di assoluto potere dopo il derby, ma Icardi vuole un passo della società per sentirsi restituito un po’ di onore. Come, è davvero difficile prevederlo.
Probabile che voglia più che altro delle garanzie morali da Spalletti di fronte al presidente.

Però certo, se si rivedrà Icardi in campo dipende solo dall’esito della riunione di venerdì (e sempre che non venga annullata).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510