HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Totopanchina Juve: chi sarà l'erede di Allegri?
  Simone Inzaghi
  Maurizio Sarri
  Pep Guardiola
  Sinisa Mihajlovic
  Didier Deschamps
  Mauricio Pochettino
  Josè Mourinho
  Antonio Conte

La Giovane Italia
Editoriale

Ecco la situazione allenatori: Juventus: Allegri confermato, se non ci sono fratture. Inter: Conte, se Zhang decide. Milan: Di Francesco, Champions o no. Roma: Sarri, se Marina si arrabbia

08.05.2019 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 24482 volte

Klopp logora chi non ce l’ha. L’ultima volta che un allenatore paradisiaco come il tedesco è arrivato in Italia, dopo in Italia è arrivata anche la Champions, l’ultima. Esportiamo eccellenza in panchina, ma gli stranieri eccellenti non vengono più da noi in panchina. L’ultimo fu Mourinho, ma almeno possiamo arraparci con il football eccitante che Klopp ha sbattuto in faccia al mondo: niente menate su assenze, ranking, risultati, ma ritmo e mentalità.
Un eccellente però potrebbe tornare, Antonio Conte. Alla Roma, sappiamo di no. Potenzialmente possibile su ciascuna delle panchine delle tre grandi, ma vediamo com’è la situazione.

Juventus: Allegri confermato, se tutti fanno i buoni.
Tutto chiaro e liscio proprio non è, come si voleva fare intendere zero minuti dopo il tracollo con l’Ajax, pensando di pulire il disastro come si fa con una macchia leggera fa con l’acqua minerale. Inoltre c’è stato anche il falso allarme delle dimissioni minacciate da Allegri dopo l’andata con l’Atletico, rientrate per gentile intervento di soccorso di Andrea Agnelli.
Quando si vedranno per sto benedetto meeting lo sanno loro, ma si va avanti assieme, anche per mancanza di alternative.
Agnelli a marzo aveva contattato Zidane che aveva declinato e scelto immediatamente il Real Madrid; Deschamps che aveva rimandato a dopo Euro2020; Guardiola che aveva ringraziato e salutato.
Un commiato cordiale che aveva lasciato viva una speranza, e infatti si è tornati a chiedere la disponibilità, ma Guardiola a quanto mi risulta ha di nuovo opposto un gentilissimo “no, grazie”. E per quanto riguarda Conte, da quelle che sono le mie informazioni il contatto di massima c’è stato con Paratici, ma non c’è mai stato da parte di Andrea Agnelli. Dunque a questo benedetto incontro Allegri chiederà il suo aumento e un paio di garanzie tecniche, Agnelli chiederà un gioco più determinato. Il PSG non ha ancora deciso cosa farne di Tuchel, e allora né Agnelli né Allegri dovrebbero avere in mano opzioni migliori che vivere assieme.

Inter: Conte, se Zhang decide.
La margherita di Andonio ha il petalo più aulente in quello nerazzurro. Ma sto petalo ancora non riesce a staccarsi. La situazione è semplice: tra le italiane, la preferita di Conte è l’Inter. E l’Inter nella persona di Marotta, ha fatto sapere a Conte che se l’ultimo ostacolo è levato, allora nulla osta. E finora le uniche due alternative straniere, PSG e Bayern, non hanno ancora preso alcuna decisione. Ma il PSG vacilla, e se facesse la fatidica chiamata a Conte, indietro non si tornerebbe.
Per questo l’indecisione di Zhang nell’accendere l’opzione Conte rischia di essere fatale. Perché finora l’Inter ha un vantaggio su tutte, ma praticamente il PSG non si è mosso o quasi. Dovesse farlo, l’Inter non avrebbe la falcata per recuperare.
Cosa manca per decidere? La decisione… Semplicemente, questi sono i tempi tecnici della proprietà cinese nel ratificare le scelte: Marotta amministratore delegato è plenipotenziario, ma non esattamente esecutivo come Gazidis al Milan per esempio. Riunioni su riunioni, ping pong dalla Cina all’Italia e ritorno. Per Conte all’Inter manca la riunione fatale in cui Zhang dica: “Ok Conte” o “No, continuiamo con Spalletti”. Le cose a volte sono molto più semplici di quanto si possa immaginare…

Milan: Di Francesco il più papabile
La situazione più in evoluzione è al Milan, non solo per le montagne russe sul campo. Gattuso non rimarrà. Le possibilità di stipendio per l’allenatore, e di mercato da offrire, sono limitate. Questo restringe la rosa. L’opzione pacchetto completo da Lille Campos ds-Galtier allenatore è ancora in vigore, e perfettamente in stile con la società che disegnerebbe Gazidis a prescindere, ma è un’opzione che non si sblocca. Si stanno facendo per ora i conti senza Champions, con tutto quanto ne consegue. Il vorrei ma non posso è Conte, sondato da Maldini, ma non c’è stato minimamente un approccio deciso quanto l’Inter, e salvo terremoti non c’è margine per recuperare.
E lo stesso è stato fatto con Sarri, attorno al quale però ci sono troppe incognite, prima di tutte le disponibilità. Per questo Di Francesco, pista portata avanti nell’ultimo mese, è l’opzione più papabile, tra budget, margine di movimento, e possibilità di ricevere un assenso.

Roma: Sarri, se Marina si arrabbia
Magari a Sarri non farà piacere sentirsi il ripiego di Conte. Ma se al Chelsea faranno la follia di privarsi di lui senza capire i limiti di rosa, allora sarà proprio la Roma a dirigersi decisa. Il progetto tecnico piace, fatto salvo la cessione importante che si dovrà attuare (o le due cessioni, in caso di mancata qualificazione Champions). Il budget per coprire lo stipendio c’è, visto che si tratterebbe della metà offerta a Conte. E non c’e nemmeno rischio di concorrenza spietata, come invece vissuto con Conte. Insomma, il futuro di Roma dipende più da Marina Granovskaja, che sentirà l’ebbrezza di avere potere su Londra e Roma. Zarina, altro che la Regina Elisabetta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Conte: firmato il precontratto! La Juventus sempre più avanti per Sarri. Cosa ci faceva Allegri a Londra il 7 maggio? Ecco chi c’era nello stesso albergo negli stessi giorni… 22.05 - Non c’è tempo per discettare e o poetare, il mercato allenatori è già sangue e sudore, e le notizie si accavallano. Partiamo dalla prima. Lo posso annunciare in anteprima: Antonio Conte ha firmato per l’Inter! Il segreto meno segreto del 2019, con l’accordo pendente da settimane,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: per la panchina si sceglie tra Inzaghi e “il piano-Ronaldo” (due nomi). Inter: il contatto Marotta-Conte e l’orgoglio… a un passo dall’Abisso. Milan: il destino all’opposto di Gattuso. Allegri: il futuro non sarà al Bayern… 21.05 - Buondì. Diciamo alcune cose veloci. Facciamo una dozzina al massimo. 1) La serie A si ritrova con l’ultima giornata più bella da un sacco di tempo a questa parte e non sa nemmeno lei come ha fatto. Parliamoci chiaro: è più “colpa” che “merito” dei club coinvolti. 2) La Fiorentina...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento 14.05 - Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”. “Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi....

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Montella, tranquillo. Lucci ti premierà con il Real. Non voglio scriverlo: Raiola ha ragione! Lecce, quando vince la meritocrazia. Foggia, la retrocessione della società. La Crema della D: i Conti...ni tornano 13.05 - Che strazio il campionato finito con così largo anticipo. Anche Roma-Juventus diventa inguardabile. Perché se è vero che lo spettacolo non manca, quando giocano due grandi squadre, è anche vero che il calcio non è il cinema e senza l'assillo del risultato non c'è pathos. Quest'anno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510