HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Totopanchina Juve: chi sarà l'erede di Allegri?
  Simone Inzaghi
  Maurizio Sarri
  Pep Guardiola
  Sinisa Mihajlovic
  Didier Deschamps
  Mauricio Pochettino
  Josè Mourinho
  Antonio Conte

La Giovane Italia
Editoriale

Il mercato degli scontenti”: Icardi, Insigne e Dybala. La Champions e le panchine delle milanesi

25.04.2019 15:45 di Luca Marchetti   articolo letto 24866 volte
© foto di Federico De Luca

La finale di coppa Italia potrebbe anche cambiare i giudizi di fine stagione. Sicuramente vincerla (chiunque dovesse farlo, in attesa dell’altra finalista stasera) porta vantaggi. È chiaro che un trofeo in più o in meno fa la differenza, soprattutto in termini di coesione di gruppo, di nuovo ciclo. Vincere come al solito, aiuta a vincere. La Lazio ha ancora questa possibilità e nell’ottica di una stagione che sta vivendo un finale (in campionato) tutt’altro che esaltanta, può fare la differenza. Il Milan è costretto invece ancora una volta a leccarsi le ferite. Parla solo Gattuso, parla di figuraccia, si dice preoccupato. Perché non è affatto uno sciocco. Il suo Milan è in difficoltà. Ma al di là della delusione di questa sera, la priorità rimane naturalmente la qualificazione in Champions. Essere usciti dalla coppa Italia a un passo dalla finale, con una sconfitta in casa è un brutto campanello d’allarme. Ecco perché ora molto (se non tutto) dipenderà dalla qualificazione in Champions League. Il salto di qualità si ha con la partecipazione all’Europa dei grandi. Centrarla o meno, fa la differenza, per lo sviluppo di un progetto, per la crescita della società. Per la permanenza o meno sulla panchina.
I rossoneri hanno bisogno della partecipazione alla Champions League per fare in modo che l’investimento fatto da Elliot sia fruttuoso, per fare in modo che si possa essere più “libera” sul mercato. Non è però un’equazione: bisognerà anche confrontarsi con la dirigenza e con la proprietà. Bisognerà mettere sul tavolo tutto e bilanciare bene pancia e ragione, pro e contro. E il mancato quarto posto potrebbe portare anche a delle riflessioni importanti su questo gruppo di giocatori: chi ha deluso potrebbe essre sacrificato, chi ha mercato potrebbe essere sacrificato, senza la Champions magari qualcuno potrebbe anche avere lo stimolo a cambiare (o essere lusingato da qualche sirena). Insomma è tutt’altro che secondaria la qualificazione: e non solo per il Milan.
L’Inter - che in classifica sta decisamente meglio - ha le stesse necessità per continuare il processo di crescita che è iniziato con la famiglia Zhang. Perdere questo treno sarebbe deleterio per poter crescere ancora. In questo caso - visto il vantaggio - non centrarla significherebbe crollare proprio alla vista del traguardo e quindi per forza potrebbe essere messo in discussione l’operato di Spalletti. Ma in ogni caso, anche qui, bisogna tenere conto di quello che è successo in questa stagione e come Spalletti lo ha superato. Senza stare a considerare troppo i soldi: diventa una questione di fiducia, di stessa visione di calcio, di progettualità. Finora Spalletti ha dimostrato di avere le idee molto chiare anche nei momenti difficili, complicati, che hanno generato sicuramente cicatrici, ma che l’Inter ora pare aver superato con maturità.
Paradossalmente alla Roma potrebbe cambiare meno, in ottica progettuale. I dirigenti giallorossi stanno già parlando del nuovo allenatore e del nuovo direttore sportivo. E se da una parte il poker di nomi graditi rimane sempre lo stesso (Conte, Sarri, Gasperini e Giampaolo), dall’altra registriamo un velenoso botta e risposta fra Petrachi (uno dei candidati al ruolo di ds a Roma) e Cairo. La replica dell’attuale direttore sportivo granata al suo presidente è direttissima e lascia presagire che il rapporto fra i due sia ormai arrivato al termine indipendentemente dalla Roma. È evidente che il problema non possa essere quello di interessare ad un altra società. Anche perché se il Torino ora si sta giocando (proprio con la Roma, fra le altre) un posto in Champions è sicuramente merito di un’accoppiata (quella Cairo-Petrachi) che ha funzionato nel corso degli ultimi 10 anni e che ha permesso di arrivare fin lassù (oltre ovviamente al lavoro di Mazzarri). Il feeling - è evidente - non c’è più, non c’è più sintonia, non c’è più fiducia. Si parla in pubblico di una vicenda di cui generalmente si parla in privato: soprattutto se il rapporto fosse solido. Il connubio fra i due è destinato a sciogliersi, indipendentemente dalla Roma. Per quello che hanno costruito ci immaginavamo potesse finire diversamente.
Di sicuro quello che vivremo sarà un mercato che ruoterà intorno agli scontenti. Icardi in primis, senza dimenticare Insigne e Dybala. Sono talmente importanti come giocatori che potrebbe anche venire in mente alle società di provare a scambiarli e (immaginiamo) a livello tecnico nessuno sarebbe scontento (e neanche a livello economico!). Ma al di la del fantamercato (anche se magari l’idea Icardi-Dybala può essere più concreta di un coinvolgimento a qualunque titolo di Insigne...) le tre società avranno modo di parlare a lungo di questi tre attaccanti.
Il problema più spinoso lo ha l’Inter visto che la frattura con Icardi c’è stata e non è detto che sia rimarginata bene. Al di là delle dichiarazioni di Wanda Nara (che potrebbero far parte anche di una strategia) sarebbe davvero uno sorpresa vedere Icardi e l’Inter di nuovo insieme. Il problema è che se uno oggi vuole prendere l’argentino prova a prenderlo a un prezzo inferiore. E questi l’Inter non lo vuole proprio. Senza considerare che bisognerà assolutamente tenere conto della volontà del giocatore. Insomma il quadro non è semplicissimo: in questi casi, come diciamo da tempo, la strada più semplice è quella di uno scambio (di giocatori o giocatori e soldi) in grado di poter far convergere tutte le necessità del caso. E lo stesso discorso, anche se non è da escludere a priori una permanenza, vale per Insigne e Dybala. E considerando che siamo ancora a fine Aprile o ci sono dei forti interessi (come per esempio succede per De Ligt da parte del Barcellona o per Pogba da parte del Real) che magari generano anche effetti asta oppure ancora è presto per strategie di questo tipo: bisogna saper trovare il momento giusto, l’acquirente giusto, la proposta giusta. Ma intanto si comincia a lavorare. Per non essere scontenti poi a fine campionato...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juventus, Paratici al lavoro per il centrocampo: Milinkovic Savic, Ndombele e Rabiot i nomi forti. Per Chiesa è sempre più testa a testa con l’Inter. Valzer delle panchine: Gasp per la Roma, ma occhio anche a Giampaolo. Semplici idea per la Samp 25.05 - Fabio Paratici non si ferma un attimo. Il lavoro è tanto anche perchè la Juventus oltre alla difesa deve sistemare il centrocampo. Khedira potrebbe partire e anche il futuro di Pjanic è ancora tutto da decifrare. Nelle ultime ore è tornato di forte attualità il nome di Sergej Milinkovic...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Guardiola alla Juve, tutto vero. L’operazione è ancora in piedi. Si tratta con il Tottenham per Pochettino al City. Sarri proposto da Ramadani. Il Milan vira su Inzaghi. Fiorentina verso la cessione 24.05 - Guardiola e la Juve, è tutto vero. In questo momento nessuno può avere la certezza al mille per mille di come finiranno le cose, ma sicuramente a questa operazione si sta lavorando da tempo, ci sono state delle proposte accettate, degli accordi già presi e siamo alla stretta finale....

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve e la panchina, Inter e Milan e l’ultima curva Champions 23.05 - Non si parla d’altro. Da giorni. Ed è inevitabile che sia così: quando la panchina di una delle squadre più importanti in Europa è ancora da assegnare è ovvio che ci sia grande fermento, soprattutto fra la tifoseria. Che non si fa prendere dal panico: sa che la società è solida e...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Conte: firmato il precontratto! La Juventus sempre più avanti per Sarri. Cosa ci faceva Allegri a Londra il 7 maggio? Ecco chi c’era nello stesso albergo negli stessi giorni… 22.05 - Non c’è tempo per discettare e o poetare, il mercato allenatori è già sangue e sudore, e le notizie si accavallano. Partiamo dalla prima. Lo posso annunciare in anteprima: Antonio Conte ha firmato per l’Inter! Il segreto meno segreto del 2019, con l’accordo pendente da settimane,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: per la panchina si sceglie tra Inzaghi e “il piano-Ronaldo” (due nomi). Inter: il contatto Marotta-Conte e l’orgoglio… a un passo dall’Abisso. Milan: il destino all’opposto di Gattuso. Allegri: il futuro non sarà al Bayern… 21.05 - Buondì. Diciamo alcune cose veloci. Facciamo una dozzina al massimo. 1) La serie A si ritrova con l’ultima giornata più bella da un sacco di tempo a questa parte e non sa nemmeno lei come ha fatto. Parliamoci chiaro: è più “colpa” che “merito” dei club coinvolti. 2) La Fiorentina...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510