HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata

10.10.2019 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 14892 volte
© foto di Federico De Luca

Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di
Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del suo modo di interpretare la sua professione. E sono sicuramente in linea con le aspettative della società. Non sono in linea con quello che pensa la pancia di tanti tifosi del Milan, che vivono questo passaggio come l’ennesimo gradino prima di arrivare realmente in alto.
Starà proprio a Pioli smentire lo scetticismo sul campo, ma spetterà alla società riuscire a sgombrare il campo da qualsiasi equivoco. Ma non sarà facile. Perché i progetto targato Boban-Maldini è un progetto ambizioso, di alto livello e difficilmente realizzabile in un anno. Boban in conferenza parlava di risultati che non hanno rispecchiato quello che la società aveva in testa. È sicuramente possibile fare meglio di quello che è stato fatto finora (e lo auguriamo a Pioli), ma ridurre l’esonero di Giampaolo ai risultati è certamente riduttivo. E potrebbe essere anche dannoso.
La riflessione che il mondo rossonero ha fatto intorno a Giampaolo e a questi 110 giorni è stata sicuramente approfondita. Arrivare a licenziare un allenatore dopo una vittoria è sinonimo di impossibilità di continuare a lavorare insieme, al di là dei risultati quindi. C’è la convinzione, evidentemente, che questi gruppo di giocatori (anzi di questi giovani) possa fare molto di più. Nel presente e nel futuro, rispetto al passato.
Ma questo Milan - come ha fatto capire Gazidis - ha la necessità assoluta di riprendersi. E è costretto a bruciare le tappe. I rossoneri arrivano da 6 anni senza Champions, e questo rischia concretamente di essere il settimo. Tornare nell’Europa dei grandi attraverso il gioco e i giovani è tanto bello quanto difficile. Perché presuppone la necessità di dover azzerare in fattore tempo, che invece non può essere annullato. Chiunque ha bisogno di tempo per crescere: crescere bene e in fretta è un lusso, un’eccezione.
Il Milan è ripartito quest’estate per l’ennesima volta. È il terzo anno zero. Prima il Milan dell’ultimo Berlusconi, poi Galliani che doveva condividere (nell’anno del closing, dimenticando Mr Bee) i suoi passi con i futuri compratori, poi la stagione di Mirabelli e Fassone, con la proprietà cinese, infine Leonardo e Maldini, con Elliot, e poi quest’anno Maldini e Boban. Cambi. Tanti cambi. Di proprietà. Di dirigenza. Di allenatori (10 in questo periodo). Tanti soldi spesi (negli ultimi tre anni oltre 450 milioni, solo la Juve ha speso di più) e un disavanzo record di circa -325, sul mercato (tanto per fare un paragone l’Inter e la Juventus come bilancio fra entrate e uscite sul mercato hanno la metà, il Napoli circa -80, la Roma è addirittura in positivo). Senza riuscire a riprendere la Champions (sfiorandola la passata stagione) e portando a casa una supercoppa con Montella.
Tutti hanno provato a ricostruire, nessuno ci è riuscito, finora. Doverlo fare con un fardello sulle spalle è ancora più complesso. E a maggior ragione è necessario fare le scelte giuste in tutti gli ambiti. Se si vuole bruciare tempo, non bisogna sbagliare nulla. Oppure sbagliare il meno possibile. È successo questo al Milan?
Nessuno – a tutti i livelli – può avere la bacchetta magica e non si può pretendere da nessuno (a nessun livello) di risolvere d’incanto i problemi. C’è magari chi (attraverso l’esperienza) riesce a risolverli in meno tempo, ma sempre tempo ci vuole. In qualche caso serve anche la fortuna. La stessa Juve prima di iniziare il filotto di scudetti (con la “nuova” dirigenza) era transitata attraverso un settimo posto. O l’Inter che sta continuando un percorso iniziato proprio con Pioli, proseguito da Spalletti e ora in mano a Conte (e Marotta, come new entry in dirigenza). E serve anche una proprietà solida, con idee chiare e con un respiro a lungo termine.
Il Milan quest’anno aveva deciso di puntare sui giovani per ripartire ed ha la rosa più giovane della SerieA. Fra le prime 5 più giovani del BIG5. Neanche 25 anni di media.
Questo progetto evidentemente, finora, non ha avuto le basi solide per continuare ad essere supportato come sembrava, in luna di miele. Si interrompe il percorso, per divergenze parallele. Toccherà allora a Pioli fare in modo che le esigenze coincidano per dare continuità a all’idea.
Chi ancora non ha invece trovato una possibile soluzione ai suoi problemi invece è la Samp. Dopo la separazione da Di Francesco, Ferrero non ha ancora messo sotto contratto il nuovo allenatore. La scelta iniziale (visto che era in ballottaggio proprio con Di Francesco) all’inizio della stagione sarebbe stata proprio Pioli, ma le vicende rossonere hanno fatto cambiare i piani all’allenatore. E di conseguenza le strategie alla società. Che ha incontrato De Biasi, ha martellato Gattuso, ha parlato con Iachini e accarezzato Ranieri. Situazione dinamica, sempre in evoluzione. Quello che ora sembra in testa (De Biasi) potrebbe essere scavalcato dall’outsider (Iachini). Quello che ora sembra aver detto no (Gattuso) potrebbe cambiare idea e lasciarsi convincere da Ferrero. Di sicuro è vero che il tempo ce ne potrebbe essere vista la pausa della serieA, ma è anche vero che prima il nuovo allenatore riesce ad insediarsi meglio è. Inutile negare che in tutto questo la vicenda della cessione societaria ha avuto la sua parte, molto probabilmente anche nell’avventura, decisamente sottotono, di Di Francesco.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510