HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Niente Premier per Dybala: dove andrà adesso la Joya?
  Resterà alla Juventus con Sarri
  Andrà all'Inter in coppia con Lukaku
  Al PSG per l'eredità di Neymar
  A una grande di Spagna, Real o Barcellona
  Al Bayern Monaco in Bundesliga

La Giovane Italia
Editoriale

Inter, i conti del mercato e Conte... non tornano! Napoli, serve James "Bond". Parma, quanti ritardi e troppi interessi. Foggia e Palermo, Sibilia sfrutti l'occasione. Mediapro unica soluzione

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
05.08.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 40315 volte

La sensazione è che l'entusiasmo portato dall'arrivo di Antonio Conte, all'Inter, stia leggermente svanendo per colpa di questi ritardi sul mercato. Due settimane di ritardo vengono concesse a tutti, ma - se si fa tutto il ritiro senza attaccanti e la preparazione ne risente - i dubbi iniziano a venire. Primo: si sta creando un alibi a Conte. Mai fornire alibi, da parte della società, a staff e calciatori. Oggi come oggi al Mister non si potrebbe dire nulla se la squadra non dovesse ingranare subito. Fatelo voi un ritiro intero e mille amichevoli estive, contro le big europee, con Puscas, Esposito (forte ma piccolino) e Longo. Marotta, a Conte, aveva promesso altro e l'Inter è in colpevole ritardo. Su Dzeko, su Cavani, su Lukaku e se alla fine il belga del Manchester United dovesse realmente andare alla Juventus, lo schiaffo sarebbe sulla doppia guancia. Lukaku serviva più all'Inter che alla Juventus e non capiremo mai se Paratici voleva proprio lui oppure se si è lasciato andare alla tentazione di fare uno sgambetto all'amico Antonio e all'ex capo Beppe. Sta di fatto che, dopo l'amichevole di ieri a Londra con il Tottenham che abbiamo seguito su Sportitalia, non c'è più tempo. Deve esserci, invece, tempo per recuperare gli infortunati. Godin si aggiunge alla lista e qualche dubbio sulla preparazione inizia a sorgere spontaneo.
Il Napoli sogna i big, i napoletani vogliono fare il grande salto, ma dopo aver iniziato molto bene con Manolas, De Laurentiis e Giuntoli si sono persi in autostrada. Due sono le cose: o esci al prossimo casello oppure vai avanti sperando di ritrovare la strada giusta. Si è perso Pepè, che senza l'accento sarebbe un'offesa a chi avrebbe dovuto prenderlo e non l'ha preso. Si aspettava James, Rodriguez ma adesso si cerca Bond. Il mercato degli azzurri sembra da eterni incompiuti, con i tifosi che criticano De Laurentiis perché non ha voglia di diventare grande ma allo stesso tempo non accettano le critiche dall'esterno; che sono le stesse mosse dai tifosi più accaniti. Il Napoli deve restare nel giro delle prime 4 e questo sarà, per il prossimo futuro, il vero obiettivo del Napoli. Bisogna solo essere chiari. Per lo scudetto gli azzurri non ci saranno, forse, neanche a questo giro. Stesso discorso vale per l'Inter che deve darsi una mossa e può cambiare le sorti della stagione solo velocizzando due-tre operazioni importanti. Del Milan, in chiave scudetto, neanche parlarne anche se - senza riflettori accesi - Milan e Roma potrebbero avere dei vantaggi non da poco.
Mercato deludente, fin qui, del Parma. Tanta confusione, troppi calciatori e troppi nomi a casaccio. Il Parma non deve fare l'errore dell'era Leonardi. 100 calciatori ingaggiati, spese assurde e incentivi al maxi esodo. La politica di Faggiano, finora, non ha pagato, ma soprattutto la proprietà dovrebbe chiedersi perché un club di A come il Parma deve fare tanti acquisti da serie D e serie C di calciatori che non arriveranno mai in serie A? Semplice. Se Rubino va a Trapani, se devi aiutare il Casarano, devi spingere il Rezzato che poi neanche si iscrive in serie D dopo aver speso milioni di euro forse il controllo della D e della C serve più ad altre operazioni che alla crescita del Parma. Sarà un bel test, questa stagione, anche per D'Aversa che resta in sella ma deve stare attento perché lo scorso anno ha chiuso molto male e alcune carte di credito sono già state smarrite nel portafogli della fiducia ducale.
La serie D quest'anno dovrà sfruttare l'ennesima ondata di passione che sta arrivando tra i dilettanti. Cosimo Sibilia punta alla successione di Gravina, il quale sta facendo un ottimo lavoro in Figc, piazzando due colpi di spessore dalla Lega di serie A: Brunelli e Santoro. Sibilia punta alla Presidenza federale ma prima dovrà far svoltare la LND. Lo scorso anno Bari, Modena, Avellino e Cesena avrebbero dovuto lasciare un'eredità. Nulla. Quest'anno si deve "sfruttare" il patrimonio di Palermo e Foggia. Il campionato ha bisogno di regole nuove e visibilità, altrimenti, resta un campionato ricco ma morto. Ricco e anche tanto. La Lega da Foggia e Palermo ha incassato soldi veri. Vanno reinvestiti nella crescita del movimento. Prima mossa buona: il cambio dei palloni. Adesso le belle idee dell'Avvocato Barbiero dovranno tramutarsi in fatti. Prima cosa: diamo un senso ai play off. Altrimenti, per molti, il campionato sarà finito già a marzo. Più controlli sui tesserati per evitare che siano coinvolti in scommesse, seppur con poche cifre. Un tetto alle rose e riduzione del numero degli under (non è possibile da quest'anno ma almeno dal prossimo Sibilia intervenga).
In chiusura una riflessione sui giorni caldi in Lega per la decisione sul prossimo bando tv. Tra due anni cambierà il mondo ma questa volta la Lega Calcio si è mossa con 24 mesi d'anticipo per evitare beffe come successo all'ultimo bando. Gli spagnoli di Mediapro si sono fatti nuovamente avanti e hanno dimostrato serietà e credibilità. E' stata una occasione persa di crescita già nel triennio 2018-2021. Adesso non si può sbagliare nulla nel 2021-2024. La serie A non può perdere, come successo nello scorso campionato, abbonati e share: -30% di ascolti. La serie A trascina tutto il sistema e quanto accaduto lo scorso anno è stato un danno per tutti. Ha vinto la pirateria, i furbetti del quartierino che prima erano una milionata, oggi sono più degli abbonati regolari. E la colpa non è solo della legalità e del nostro Paese infetto. MediaPro porta soldi e novità. Il canale della Lega Calcio, mai come ora, ha bisogno di iniziare a crescere. Partire adesso per concretizzare tra due anni, fare un piano di sviluppo e soprattutto le varie prove tecniche. Il chiaro è ancora il motore del nostro Paese. Bisognerà trovare una soluzione per far confluire nella tv di Lega il chiaro, ott e pay tv. Siamo in buone mani: quelle di Luigi De Siervo e di Matteo Mammì. Importante ora è fare, produrre e non parlare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La Juventus ha chiesto Suarez, Rakitic e Dembelé! Icardi ha il numero di maglia all’Inter! Rimarrà?… Il Napoli ha pronta l’ultima offerta, ma stavolta vuole la certezza. Il PSG rifiuta la terza proposta del Barcellona per Neymar 21.08 - I conti devono tornare in casa Juventus, e allora la missione di Paratici a Barcellona ha preso pieghe inaspettate. Niente Neymar, come gira dalle voci messe in giro dalla famiglia del brasiliano per mettere pressione sul Barcellona (più in basso vi informiamo sulla risposta del PSG...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: sogno Neymar! Ma ne vale la pena? Inter: Sanchez c'è, il pensiero di Icardi, la voce Vidal. Milan: Piatek e le solite sentenze. Napoli: Lozano e Llorente per Carletto. E Balotelli... 20.08 - Buongiorno e buonasera. Tra due settimane chiude il carrozzone del mercato e purtroppo resteranno solo quelle cose noiose chiamate partite. Facciamoci forza. Il dato di fatto è che puoi allungare i tempi del mercato quanto vuoi ma comunque tutti i club si ridurranno a fare le loro...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

E se Demiral valesse più di De Ligt? 14 giorni alla fine e come sempre i botti arriveranno nelle ultime ore. Inter, ecco il colpo da scudetto… Benevento, Inzaghi non dà garanzie. Cremonese, Monza e Bari: la stagione della vita 19.08 - Che De Ligt sia un campione nessuno lo mette in discussione e il suo valore lo dimostrano sia l’ultima stagione all’Ajax che il costo del cartellino. Sull’ingaggio, poi, come sempre è stato un maestro Mino Raiola a far guadagnare il più possibile al calciatore. La Juventus, comunque,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Icardi, è giunta l'ora della verita: Marotta sta facendo di tutto per far saltare il piano dell'ex amico Paratici. Bravo Balotelli, per una volta ha scelto la testa (ma il Flamengo ci ha messo del suo) 18.08 - Solo e sempre Mauro Icardi. E come si può parlare di altro? Alla fine del calciomercato mancano due settimane ed entro due settimane anche quello che è un tormentone di calciomercato che s'è trasformato in telenovela, un caso che ci accompagna e fa discutere ormai da otto mesi, è...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Il rinnovo di Dzeko con la Roma cambia gli scenari su Icardi. Riprende quota lo scambio con Dybala, ma anche il Napoli è in corsa. Il Milan aspetta un segnale dall’Atletico per Correa e punta a blindare Suso, Bonaventura e Donnarumma 17.08 - Il rinnovo di Dzeko fino al 2022 con i giallorossi cambia le carte in tavola in un colpo solo. L’Inter ora deve trovare un’altra punta centrale, la Roma non è più una pretendente per Icardi e la permanenza di Edin di fatto tiene a Torino Higuain. Il mercato degli attaccanti si arricchisce...

Editoriale DI: Luca Serafini

Milan, mancano ancora un leader e una seconda punta. Correa e André Silva due misteri da chiarire 16.08 - Non ci sono dubbi sul fatto che le strategie del calciomercato rossonero di questa estate 2019, incanalato dalle precedenze societarie riguardo a valutazioni e bilanci, siano state concertate in tutto e per tutto con il nuovo allenatore Giampaolo. Forse il solo Hernandez, preso subito,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Ancora Icardi, ancora Dzeko, ancora attese e strategie: ma per quanto? Roma fra rinnovi e difensori, Juve e uscite, Fiorentina scatenata e il Napoli aspetta... 15.08 - Le trattative si sa quando iniziano ma non si sa quando finiscono. E soprattutto non si sa come finiscono. Soprattutto quelle complesse, con tanti attori in gioco come quella che coinvolge 4 società italiane importantissime e almeno 3 giocatori di primissimo piano. Naturalmente stiamo...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

L’Inter prova lo sgambettone alla Juventus: Icardi al PSG per bloccare Dybala! Contattato anche il giocatore. La Roma per Icardi c’è: fatta l’offerta più alta! Cosa è cambiato, ma… Neymar-Barcellona: ecco cosa manca, e perché ci riguarda 14.08 - Se si incrociano per strada Marotta e Paratici cominciano a graffiarsi come due gatti per la conquista del quartiere, sarà così almeno fino al 2 settembre, se non oltre. Per questo - anche - sembra difficile pensare alla soluzione finale più logica, a quel Dybala per Icardi che sarebbe...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

La Juve "grassa" cerca vie di uscita (ma Paratici non può permettersi quella mossa). Le mosse del Milan per arrivare alla punta. Napoli, è ora di comprare da grande? Inter: il destino di Icardi 13.08 - (La hostess sta spiegando la procedura d'emergenza. Sul video a corredo una madre sorride e mette la mascherina dell'ossigeno al suo bimbo. Sorride pure lui. Ora, io mi domando, ma se l'aereo va a puttane che cosa c'è da ridere? E, soprattutto, le mascherine, a cosa servono? Dai,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Marotta-Paratici 1-0. La battaglia a Beppe, la "guerra"... non è finita. Inter da sballo, Juve in ritardo. Milan intelligente, a fari spenti. Modello Sassuolo, la "triade" che insegna calcio 12.08 - Il fascino del calciomercato. Come un campionato. Qui si gioca per tre mesi, sul manto erboso per nove. Le regole sono quasi le stesse e, se lunedì scorso l'Inter sembrava alla fine del girone di andata sotto di 10 punti, dopo sette giorni ha ripreso punti, stima e si è portata dalla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510