HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavanti
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento

14.05.2019 08:30 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 44862 volte
© foto di Alessio Alaimo

Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”.

“Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi. Il giorno buono dovrebbe essere domani: molti buttano là dei nomi, disegnano scenari, ma sembra tutto un filo improvvisato (“Allegri non resterà e se resterà è perché bisogna attendere un anno per arrivare a Guardiola che al momento è il sogno proibito a meno che non si decida di puntare su Deschamps, oppure Sarri, speranze pure per Mihajlovic, ma anche per Sarrovich, l’ibrido serbo-italiano che piace molto a Nedved, ma non a Paratici, ma Agnelli deve decidere ecc… ecc… e, comunque, forse resta Allegri”). Altri, invece, rimangono fedeli al salvacondotto (Domanda: “Chi allenerà la Juve?”. Risposta: “Nelle prossime ore”).

ALLEGRI

E ci facciamo seri. Al momento sappiamo che: le speranze che Allegri e Agnelli trovino un accordo sono poche, ma non inesistenti. Seduto al famoso “tavolo” Allegri parlerà di mercato e di “filosofia di campo” (volete il bel calcio? Serve altro), Agnelli replicherà da par suo. La sensazione è che solo il presidente sia convinto di proseguire con l’allenatore degli ultimi 5 scudetti, mentre il resto dei regnanti (Nedved in testa) spinga per il cambio. Ebbene, sapete quando avremo delle risposte? Esatto.

SPALLETTI-CONTE

Di seguito riportiamo l’integrale delle barbosissime cose che abbiamo scritto su Tuttomercatoweb nel corso delle settimane sulla faccenda. E lo facciamo per dare un po’ di “ordine”.

9/4

Niente Mou e altri “si dice”: Inter e Conte sono in rapido avvicinamento. L’ex ct e Marotta hanno parlato ancora: c’è un accordo verbale che salvo sorprese diventerà “consistente” a campionato finito. Con Conte potrebbe tornare Lele Oriali (i due si trovarono magnificamente in azzurro) ma in questo caso il condizionale è d’obbligo

16/4

Marotta rispetta moltissimo il lavoro di Spalletti, ma questo non significa che non abbia mosso le sue pedine per ragionare su un’Inter che possa essere “la sua Inter”. E la sua Inter, Marotta, la immagina con Conte in panchina. I contatti con l’ex ct ci sono stati (anche di recente) e un accordo quanto a “disponibilità” è stato raggiunto. Questo non significa che sia tutto fatto: bisogna trovare un’intesa economica (nel caso anche con Spalletti, ovviamente) e, soprattutto, serve l’ok della famiglia Zhang. Totale: Marotta come tutti gli interisti attende la matematica qualificazione alla Champions (la cosa più importante), poi proverà a portare avanti il suo piano.

23/4

Spalletti, pur con qualche limite nella gestione del gruppo, sta portando la nave in porto. Se la società prenderà altre strade (continuano i contatti con Conte) lo farà per accelerare il processo di crescita, altrimenti l'Inter avrà la garanzia di poter ripartire da un gruppo rodato.

30/4

L’Inter un tecnico ce l’ha, si chiama Spalletti, ha due anni di contratto e anche in questa stagione sta raggiungendo l’obiettivo prefissato (qualificazione alla Champions). Marotta è stato chiaro: “Siamo sereni così”, ma è vero che con Conte ha parlato in più di un’occasione, così come è vero che sta pensando di convincere Lele Oriali a riformare quella coppia che tanto bene fece agli Europei di Francia.

7/5

L’Inter ha terminato il suo corteggiamento per Conte, ma non perché non sia più interessata al tecnico, semmai perché le parti hanno già un accordo. Lo scriviamo da un po’: si tratta di un patto “sulla parola” e, quindi, vale quel che vale, ma col passare del tempo si fa più solido. Resta da capire se le altre pretendenti – Roma su tutte - cercheranno in qualche modo “il sorpasso”, nel frattempo Marotta e Ausilio lavorano alla costruzione della “futura Inter”. Godin – oggi parlerà pubblicamente a Madrid - è il primo tassello, Barella il secondo, Dzeko l’attaccante più gradito in caso di arrivo del solito Conte (per Lukaku la strada è decisamente complicata per dieci milioni di motivi…), piace anche Gosens dell’Atalanta ma in questo caso siamo solo ai “beh, bel giocatore…”.

Totale: non ci sono novità. E sapete perché non ci sono novità? Perché l’Inter prima deve raggiungere matematicamente il suo obiettivo stagionale, che è la cosa più importante, altrimenti sono guai per l’allenatore vecchio, quello del futuro, i tifosi, tutti quanti. Altro che “toto-allenatore”…

GATTUSO

Su Gattuso la sentenza è scritta: lascerà il Milan qualunque sia il finale di campionato. E sapete perché? Perché è una persona intelligente. Ovviamente non dirà “vabbè, saluti a tutti” e lascerà che sia Leonardo a fare la prima mossa. Molti tra i tifosi rossoneri tifano per la “sostituzione”, almeno sul web (il web è misterioso, si leggono delle cose che poi nella vita reale mica si concretizzano) e sarebbe interessante capire “perché” ce l’hanno così tanto con il tecnico. Non so quanti saranno d’accordo, ma per chi scrive il Milan a inizio stagione era la quarta/quinta forza del campionato. E voi direte: sì, ma a gennaio i rossoneri hanno speso 80 milioni. Vero, ma il dato di fatto è che anche con i correttivi la squadra è rimasta la quarta/quinta forza del campionato. E infatti finirà quarta se sarà brava e un filo fortunata, o quinta se le stelle daranno un bel calcio nel culo al Diavolo. Gattuso ha commesso degli errori? Sì, come tutti. Il più grave? Addossarsi sempre tutte le colpe. A furia di dire “è tutta colpa mia” ha convinto quelli che non riescono ad andare oltre le parole…

PALERMO

Il Palermo finisce in serie C per una storia fumosa di illeciti e cose che capiscono solo quelli bravi.

Solo una considerazione: nella classifica dei tifosi costretti a soffrire a causa delle puttanate altrui, quelli dei rosanero sono come minimo in zona Champions. Ma come minimo…

GASPERINI

Il 26 marzo scorso scrivevamo, senza troppa convinzione: “Alcune voci vogliono Gasperini sulla panchina della Roma la prossima stagione”. Le voci si fanno insistenti.

ITALIA UNDER 17

L'Italia Under 17 batte il Portogallo 1-0 (26' Tongya), si qualifica per le semifinali dell'Europeo (sfideremo la Francia) e ci condanna a giorni interminabili in cui trionferà uno dei grandi classici della frase stra-fatta: "Tanto poi crescono e non li fanno giocare! Vergogna!”.

Del resto un bel “vergogna” non si rifiuta mai.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: il non-rigore di De Ligt e gli obbrobri nel regolamento. Inter: la furia di Conte, l’idea Ibra e la “crisi Lukaku”. Milan: la scelta di Pioli (occhio a Suso…) e la “fuga” di Scaroni. Roma: il perché degli infortuni 22.10 - Dieci pensierini (e ce la caviamo così). 1) Il Milan domenica ha giocato una buona partita. Non in senso assoluto, per carità, ma visti i precedenti sette turni di campionato certamente sì. Pioli ha cancellato tre mesi di esperimenti impossibili (puntare al calcio di Giampaolo...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510