HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
La Juventus non ha confermato Allegri: siete d'accordo?
  Si, il ciclo Allegri s'è esaurito
  No, bisognava andare avanti con Allegri

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: ecco la prima richiesta di Allegri a Paratici. Inter: il patto con Conte, tre giocatori (e mezzo) in arrivo e un sogno impossibile. Milan: guai a dare Gattuso per morto. Atalanta: l’”equilibrio” di Gasperini (e occhio alla Roma…)

07.05.2019 19:05 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 98944 volte
© foto di Federico De Luca

Prima di cominciare è giusto dedicare un ricordo a un bravo ragazzo, un atleta che come tutti ha avuto i suoi alti e bassi, che amava scherzare e giocare a pallone, un giovane calciatore la cui vita è cambiata improvvisamente ieri sera, in un giorno qualunque di maggio. Ha osato troppo, ha sfidato la sorte, ha scelto di non fermarsi e alla fine ha dovuto fare i conti con uno dei sacri principi che regolano la natura: se Gattuso ti dice “ci vediamo dopo” sei fottuto. Ciao Bakayoko, insegna agli angeli a mostrare le magliette altrui.

Parliamo rapidamente di serie A. La serie A ha un problema: è il posto degli infelici. Fateci caso, son tutti scontenti. Sono scontenti i tifosi della Juventus campione d’Italia (volevano il trionfo in Europa, degli scudetti ormai se ne fregano abbastanza), sono scontenti i tifosi del Napoli (il secondo posto è un buon risultato solo se non si trasforma in “massima ambizione”), sono scontenti i tifosi dell’Inter (d’accordo il piazzamento, ma ritrovarsi a 26 punti dalla vetta, per chi è stato in cima al mondo, è mortificante), sono scontenti i tifosi della Roma (sono passati da una semifinale di Champions alla desolazione dei “conti in regola” come unica ragione di vita), sono scontenti i tifosi del Milan (dopo 5 anni di promesse e “risorgeremo!” non c’è neppure bisogno di spiegare perché), sono scontenti quasi tutti.

Ecco, non è scontenta l’Atalanta. La squadra del presidente Percassi in campo gioca e corre all’inglese e fuori ragiona come se fosse iscritta alla Premier League (stadio in fase di abbellimento e conti a posto nonostante i “rifornimenti” federali scarseggino), ma anche la piccola Spal, da due anni tra i grandi e vero e proprio modello da imitare per i club che inseguono il paradiso, lo raggiungono, ma poi non hanno le gambe per stare in piedi. Ecco, nell’ambito della rubrica “complimenti scontati e frasi fatte” lecchiamo il culo a bergamaschi e ferraresi. E comunque non ci sono più le mezze stagioni.

Ma veniamo alle cose importanti, ché di ragionamenti e filosofia spicciola è già pieno il mondo.

Per una volta, nel rispetto del portale che ospita le nostre articolesse, proviamo a buttar là qualche nome.

E quindi l’Inter. L’Inter ha terminato il suo corteggiamento per Conte, ma non perché non sia più interessata al tecnico, semmai perché le parti hanno già un accordo. Lo scriviamo da un po’: si tratta di un patto “sulla parola” e, quindi, vale quel che vale, ma col passare del tempo si fa più solido. Resta da capire se le altre pretendenti – Roma su tutte - cercheranno in qualche modo “il sorpasso”, nel frattempo Marotta e Ausilio lavorano alla costruzione della “futura Inter”. Godin – oggi parlerà pubblicamente a Madrid - è il primo tassello, Barella il secondo, Dzeko l’attaccante più gradito in caso di arrivo del solito Conte (per Lukaku la strada è decisamente complicata per dieci milioni di motivi…), piace anche Gosens dell’Atalanta ma in questo caso siamo solo ai “beh, bel giocatore…”.

E quindi la Juve. C’è questa cosa dell’incontro tra Agnelli e Allegri che “oggi è il giorno giusto” ma poi non è mai “il giorno giusto”. E allora la buttiamo là anche noi: “Oggi potrebbe essere il giorno giusto”. Per che cosa? Un tè con i biscotti? Anche. Una settimana fa molti, noi compresi, pensavamo all’addio, avevamo capito che c’era aria di cambiamento. Ma poi – fai una telefonata di qua, parla con il beneinformato di là – tutti ci hanno detto “oh, fesso, guarda che vanno avanti insieme, non scrivere boiate”. E allora ci fidiamo: Juve e Allegri andranno avanti insieme. Il tecnico degli ultimi 5 scudetti vorrebbe portare a Torino Mauro Icardi, Paratici lavora per esaudire il suo desiderio, l’Inter attende un’offerta congrua (soldi o scambio con Dybala), il giocatore continua a far sapere che vorrebbe restare a Milano. Come finirà? Non ne abbiamo la minima idea.

E quindi il Milan. Molti hanno già suonato il requiem a Gattuso e, così facendo, si sono arresi ben prima di lui. Ringhio no, non lo ha fatto perché non è decisamente nella sua natura. Combatterà fino in fondo ben sapendo che, a prescindere dal risultato, alla fine toglierà il disturbo. Si può essere o meno sostenitori del tecnico rossonero (chi scrive insiste nel dire che il quarto posto è il massimo risultato a cui poteva e può ambire questo Milan), non si può fare a meno di ammirare l’uomo.

E quindi l’Atalanta. Lo chiameremo “esempio bergamasco”. Molti allenatori parlano di “equilibrio” come unica ragione di vita. Oh, hanno ragione, l’equilibrio tattico è fondamentale e senza quello non si va da nessuna parte. Solo che c’è “equilibrio” e “equilibrio”. C’è chi lo riduce a un banale possesso palla a centrocampo secondo l’assunto “meno punte, più controllo”, altri (leggi Gasperini, la Roma lo valuta come validissima alternativa a Conte) trovano il loro “equilibrio” venti metri più avanti, attaccano sempre con 5 uomini, se ne fregano abbastanza di rischiare il contropiede perché tanto, alla lunga, corrono più degli avversari (14 partite vinte in rimonta). Per carità, non è una regola e ogni rosa ha le sue caratteristiche, ma un po’ di coraggio in generale gioverebbe a parecchi “talebani della tattica”.

E dopo questa lezioncina molto presuntuosa e promossa da uno che al massimo ha guidato i giovanissimi provinciali della Guanzatese (Como), vi salutiamo ricordando che potete inviare un messaggio al 44&545: con il vostro contributo aiuterete l’AIVTAF, l’Associazione Italiana Vittime del “T’Aspetto Fuori” di Gattuso e contribuirete alla costruzione del “circolo ricreativo Bakayoko” in ricordo del povero Tiemoue.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: per la panchina si sceglie tra Inzaghi e “il piano-Ronaldo” (due nomi). Inter: il contatto Marotta-Conte e l’orgoglio… a un passo dall’Abisso. Milan: il destino all’opposto di Gattuso. Allegri: il futuro non sarà al Bayern… 21.05 - Buondì. Diciamo alcune cose veloci. Facciamo una dozzina al massimo. 1) La serie A si ritrova con l’ultima giornata più bella da un sacco di tempo a questa parte e non sa nemmeno lei come ha fatto. Parliamoci chiaro: è più “colpa” che “merito” dei club coinvolti. 2) La Fiorentina...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento 14.05 - Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”. “Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi....

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Montella, tranquillo. Lucci ti premierà con il Real. Non voglio scriverlo: Raiola ha ragione! Lecce, quando vince la meritocrazia. Foggia, la retrocessione della società. La Crema della D: i Conti...ni tornano 13.05 - Che strazio il campionato finito con così largo anticipo. Anche Roma-Juventus diventa inguardabile. Perché se è vero che lo spettacolo non manca, quando giocano due grandi squadre, è anche vero che il calcio non è il cinema e senza l'assillo del risultato non c'è pathos. Quest'anno...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kolossal panchine: Agnelli voleva Zidane e Guardiola, si accontenterà di qualcun altro. Conte aspettava una super big, chissà se potrà diventarlo l'Inter 12.05 - È stata una settimana complicata. Di voci, incontri segreti e pochi fatti. Ma ci si avvicina al finale, come in Game of Thrones, dove tutto dovrà andare a posto o quasi. Le settimane passate possono essere le stagioni di una serie tv, partendo dall'addio di Zinedine Zidane al Real...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510