HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi volete come centravanti dell'Italia a Euro2020?
  Ciro Immobile
  Andrea Belotti
  Mario Balotelli

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: ecco la prima richiesta di Allegri a Paratici. Inter: il patto con Conte, tre giocatori (e mezzo) in arrivo e un sogno impossibile. Milan: guai a dare Gattuso per morto. Atalanta: l’”equilibrio” di Gasperini (e occhio alla Roma…)

07.05.2019 19:05 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 99788 volte
© foto di Federico De Luca

Prima di cominciare è giusto dedicare un ricordo a un bravo ragazzo, un atleta che come tutti ha avuto i suoi alti e bassi, che amava scherzare e giocare a pallone, un giovane calciatore la cui vita è cambiata improvvisamente ieri sera, in un giorno qualunque di maggio. Ha osato troppo, ha sfidato la sorte, ha scelto di non fermarsi e alla fine ha dovuto fare i conti con uno dei sacri principi che regolano la natura: se Gattuso ti dice “ci vediamo dopo” sei fottuto. Ciao Bakayoko, insegna agli angeli a mostrare le magliette altrui.

Parliamo rapidamente di serie A. La serie A ha un problema: è il posto degli infelici. Fateci caso, son tutti scontenti. Sono scontenti i tifosi della Juventus campione d’Italia (volevano il trionfo in Europa, degli scudetti ormai se ne fregano abbastanza), sono scontenti i tifosi del Napoli (il secondo posto è un buon risultato solo se non si trasforma in “massima ambizione”), sono scontenti i tifosi dell’Inter (d’accordo il piazzamento, ma ritrovarsi a 26 punti dalla vetta, per chi è stato in cima al mondo, è mortificante), sono scontenti i tifosi della Roma (sono passati da una semifinale di Champions alla desolazione dei “conti in regola” come unica ragione di vita), sono scontenti i tifosi del Milan (dopo 5 anni di promesse e “risorgeremo!” non c’è neppure bisogno di spiegare perché), sono scontenti quasi tutti.

Ecco, non è scontenta l’Atalanta. La squadra del presidente Percassi in campo gioca e corre all’inglese e fuori ragiona come se fosse iscritta alla Premier League (stadio in fase di abbellimento e conti a posto nonostante i “rifornimenti” federali scarseggino), ma anche la piccola Spal, da due anni tra i grandi e vero e proprio modello da imitare per i club che inseguono il paradiso, lo raggiungono, ma poi non hanno le gambe per stare in piedi. Ecco, nell’ambito della rubrica “complimenti scontati e frasi fatte” lecchiamo il culo a bergamaschi e ferraresi. E comunque non ci sono più le mezze stagioni.

Ma veniamo alle cose importanti, ché di ragionamenti e filosofia spicciola è già pieno il mondo.

Per una volta, nel rispetto del portale che ospita le nostre articolesse, proviamo a buttar là qualche nome.

E quindi l’Inter. L’Inter ha terminato il suo corteggiamento per Conte, ma non perché non sia più interessata al tecnico, semmai perché le parti hanno già un accordo. Lo scriviamo da un po’: si tratta di un patto “sulla parola” e, quindi, vale quel che vale, ma col passare del tempo si fa più solido. Resta da capire se le altre pretendenti – Roma su tutte - cercheranno in qualche modo “il sorpasso”, nel frattempo Marotta e Ausilio lavorano alla costruzione della “futura Inter”. Godin – oggi parlerà pubblicamente a Madrid - è il primo tassello, Barella il secondo, Dzeko l’attaccante più gradito in caso di arrivo del solito Conte (per Lukaku la strada è decisamente complicata per dieci milioni di motivi…), piace anche Gosens dell’Atalanta ma in questo caso siamo solo ai “beh, bel giocatore…”.

E quindi la Juve. C’è questa cosa dell’incontro tra Agnelli e Allegri che “oggi è il giorno giusto” ma poi non è mai “il giorno giusto”. E allora la buttiamo là anche noi: “Oggi potrebbe essere il giorno giusto”. Per che cosa? Un tè con i biscotti? Anche. Una settimana fa molti, noi compresi, pensavamo all’addio, avevamo capito che c’era aria di cambiamento. Ma poi – fai una telefonata di qua, parla con il beneinformato di là – tutti ci hanno detto “oh, fesso, guarda che vanno avanti insieme, non scrivere boiate”. E allora ci fidiamo: Juve e Allegri andranno avanti insieme. Il tecnico degli ultimi 5 scudetti vorrebbe portare a Torino Mauro Icardi, Paratici lavora per esaudire il suo desiderio, l’Inter attende un’offerta congrua (soldi o scambio con Dybala), il giocatore continua a far sapere che vorrebbe restare a Milano. Come finirà? Non ne abbiamo la minima idea.

E quindi il Milan. Molti hanno già suonato il requiem a Gattuso e, così facendo, si sono arresi ben prima di lui. Ringhio no, non lo ha fatto perché non è decisamente nella sua natura. Combatterà fino in fondo ben sapendo che, a prescindere dal risultato, alla fine toglierà il disturbo. Si può essere o meno sostenitori del tecnico rossonero (chi scrive insiste nel dire che il quarto posto è il massimo risultato a cui poteva e può ambire questo Milan), non si può fare a meno di ammirare l’uomo.

E quindi l’Atalanta. Lo chiameremo “esempio bergamasco”. Molti allenatori parlano di “equilibrio” come unica ragione di vita. Oh, hanno ragione, l’equilibrio tattico è fondamentale e senza quello non si va da nessuna parte. Solo che c’è “equilibrio” e “equilibrio”. C’è chi lo riduce a un banale possesso palla a centrocampo secondo l’assunto “meno punte, più controllo”, altri (leggi Gasperini, la Roma lo valuta come validissima alternativa a Conte) trovano il loro “equilibrio” venti metri più avanti, attaccano sempre con 5 uomini, se ne fregano abbastanza di rischiare il contropiede perché tanto, alla lunga, corrono più degli avversari (14 partite vinte in rimonta). Per carità, non è una regola e ogni rosa ha le sue caratteristiche, ma un po’ di coraggio in generale gioverebbe a parecchi “talebani della tattica”.

E dopo questa lezioncina molto presuntuosa e promossa da uno che al massimo ha guidato i giovanissimi provinciali della Guanzatese (Como), vi salutiamo ricordando che potete inviare un messaggio al 44&545: con il vostro contributo aiuterete l’AIVTAF, l’Associazione Italiana Vittime del “T’Aspetto Fuori” di Gattuso e contribuirete alla costruzione del “circolo ricreativo Bakayoko” in ricordo del povero Tiemoue.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Maldini, in cerca di esperienza e alla ricerca della classe (persa a Genova): ecco cosa è successo. A Firenze ho visto la luce... classe 1997 e non è Chiesa 07.10 - Siete pronti a leggere una bestemmia pubblica? Eccola: in tutto questo strazio, al Milan, il meno colpevole è Marco Giampaolo. Un allenatore bravo, un grande teorico, non sempre un eccellente pratico a tal punto che pochi anni fa per far ripartire la sua carriera è dovuto scendere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510