HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Come finirà il derby di Milano?
  Vincerà l'Inter
  Finirà in pari
  Vincerà il Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: Higuain s'impunta, ma il club tenta lo sgambetto per Lukaku. Inter: Barella c'è, ora la (tripla) sfida in attacco. Milan: Donnarumma resta, ma occhio a Mino... Napoli: James Rodriguez è vicino!

09.07.2019 18:54 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 99157 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ciao. In assenza di calcio giocato siamo arrivati al punto che si fa la classifica delle conferenze stampa. “Molto bravo Giampaolo, spiritoso e diretto”, “Sì, ma meglio Sarri”, “Che delusione Conte, aveva il muso”. “Ancelotti, che guascone!”. “Beh, Fonseca non è un pirla”. Signori: la classifica delle conferenze stampa. Siamo evidentemente all’anguria e non potrebbe essere altrimenti, del resto fa caldo (Antò…) e siamo nella fase drammatica “post 30 giugno”, quando i direttori sportivi rallentano un po’, ma guai a dirlo perché, altrimenti, che cosa ci raccontiamo?

Ecco, "raccontiamo", inserendo qua e là alcune frasi molto originali che abbiamo sentito nelle recenti conferenze.

“NON VOGLIAMO PORCI DEI LIMITI”

L’Inter e il Cagliari hanno infine raggiunto l’accordo per Barella: saranno 45 i milioni (+ bonus) che passeranno da una parte all’altra e questo ci porta a formulare alcuni pensieri:

1) Se l’offerta è passata da 35 milioni a 40 “tutto compreso” fino a 45 più bonus, significa che patron Giulini, evidentemente, non è un pirla.

2) Conte voleva Barella in fretta e a tutti i costi.

C’è chi esclama “costa troppo!” e solo il campo ci dirà se è così o se invece siamo di fronte a un potenziale campione. Di sicuro l’Inter sta facendo il possibile per completare la lista stilata insieme al suo tecnico: Godin è un discorso a parte, Lazaro è arrivato, Sensi pure, Barella quasi. Ora tocca ai due bestioni là davanti, ovvero Dzeko e Lukaku. L’accordo con i due è noto, quello con i rispettivi club meno e, sul secondo, la Juve prova "lo sgambetto". E Icardi? E Nainggolan? Il club ha preso decisioni (legittime, sono pagati per quello) e ora attende offerte. C’è chi dice “non bisognava sbandierare lo svenditutto!” e solo a fine mercato capiremo se costoro hanno ragione. Che i due ragazzi non rientrassero nei piani del club l’aveva capito persino il mio gatto – felino parecchio rincoglionito –, per giudicare l’ambaradan bisognerà capire se i giocatori 1) saranno venduti, 2) a quale prezzo, e 3) a quali club. Questo sì è importante. Marotta, va detto, a tal proposito è parso parecchio tranquillo.

“QUEST’ANNO DOBBIAMO ALZARE L’ASTICELLA”

Ha parlato Giampaolo, il tecnico che per anni ha fatto la figura della bella di Torriglia che tutti la vogliono (i grandi club) ma nessuno se la piglia. Alla fine è arrivato il Milan e molti dicono “mah… Di sicuro si è speso troppo per i primi rinforzi”. Ma poi vai a vedere e ormai il problema è che non esiste più, o quasi, l'acquisto “a poco”. Altri dicono “meglio un innesto fortissimo rispetto a tre scommesse” ed è vero, ma quello fortissimo lo puoi convincere solo in due modi: 1) Con il super ingaggio. 2) Con la super squadra. In questo momento il Milan non può permettersi il primo e deve sperare che sia il tecnico a forgiare la seconda. È rischioso? Sì, lo è, ma è bene ricordare che tante volte non è l’eccesso di acquisti a fare la differenza, ma la logica nelle scelte. E Everton? È una balla (trattativa smentita dal club). E Donnarumma? Probabilmente resterà per mancanza di "seri" compratori. Meglio così, sempre che Raiola non proceda con il consueto "metodo", una roba tipo “non rinnoviamo e se rinnoviamo vogliamo 10 milioni di euro a stagione”. Ecco, prima o poi qualcuno farà notare a quelli del Palazzo che lasciare il giocattolo in mano agli agenti è il modo migliore per far crollare il castello. Al momento, va detto, la faccenda sembra fregare poco a chicchessia...

“DOBBIAMO USCIRE DAL CAMPO CON LA MAGLIETTA SUDATA”

E quindi la Juve. Sappiamo che l’accordo tra club e De Ligt è ben solido (quasi 12 milioni di ingaggio, bonus compresi), quello con l’Ajax ancora da limare, ma a prova di intoppo (la Juve non vorrebbe superare i 55 milioni per il cartellino, gli olandesi ne vogliono 70, probabile incontro a metà strada). Di sicuro gode il solito Raiolone che continua a incassare come se non ci fosse un domani (l’invidia è tanta). E Higuain? Vuole restare e al momento non ascolta alcuna offerta. Nel frattempo, però, pur sapendo di essere in ritardo, il club tenta davvero di inserirsi nella trattativa tra l’Inter e Lukaku...

"IL LAVORO VIENE PRIMA DI TUTTO"

E in effetti oh, si parla sempre di acquisti ma, guardiamoci in faccia, le cessioni? Mai come quest'anno ci sono tanti giocatori "di troppo" da piazzare, soprattutto in casa bianconera e nerazzurra. È vero che è ancora prestissimo... ma neanche troppo.

“SERVONO UOMINI PIÙ CHE GIOCATORI”

Giuntoli sta lavorando alacremente e oggi parlerà con Jorge Mendes: Napoli e James Rodriguez sono sempre piu vicini. Il Napoli quest'anno fa davvero sul serio...

"VOGLIAMO PARTIRE FORTE"

Neymar non si è presentato al raduno del Psg, il Psg si è incazzato, il padre di Neymar ha detto “oh, ve l’avevamo detto, state calmi”. La domanda è una sola: com’è possibile che gli sceicchi dopo tutti questi anni non si siano ancora rotti le balle del calcio?

“ABBIAMO UN DOVERE: RISPETTARE I TIFOSI”.

El Shaarawy è andato a giocare in Cina. Guadagnerà 0,42 euro al secondo per i prossimi tre anni. C’è chi gli dice “non si fa! Devi pensare alla carriera!”. E non si domanda “io cosa avrei fatto al posto suo?”. Su, siate sinceri…

“QUESTA È UNA SOCIETÀ GLORIOSA”.

Balotelli e Ibrahimovic a suo tempo giocarono insieme. Dopo tanti anni uno dei due può permettersi di fare la formazione “con il mio 11 migliore” schierando "11 Ibrahimovic" e risultando quasi credibile. L’altro è finito a fare il fessacchiotto sulle banchine del porto. E, davvero, non si tratta di cattiveria o accanimento, semmai di enorme rimpianto.

(Accendiamo la televisione mentre inviamo codesto pezzo. Parla una voce narrante...).

"Kasha, che nella coppia è sempre stata la più forte, dopo aver visto il fidanzato Fiorindo a stretto contatto con la provocatrice Vanessa, riflette sulla situazione...
(In sottofondo una canzone della Mannoia).
Kasha, saremo molto bruschi ma sinceri: hai più corna del presidente Borlotti, quello della Longobarda.

"PROMETTO GRANDE IMPEGNO E DEDIZIONE"

Fine.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le risposte della Champions sui progetti delle italiane. Cosa funziona e cosa non va... 19.09 - Un progetto per crescere ha bisogno di tempo. E soprattutto le battute d'arresto (più o meno dolorose) fanno parte del processo. E' necessario mantenere i nervi saldi, la capacità di poter guardare oltre un orizzonte che vada oltre i 90 minuti. Lo dimostra anche questa due giorni...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Conte mai così: che succede? Inter quasi fuori. A Napoli c’è squadra e società: non c’era invece il rigore, e un po’ di tifosi... Juventus: contro l’Atletico già decisiva, ecco perché. Atalanta con obbligo di qualificarsi 18.09 - Non era mai successo di vedere una squadra di Antonio Conte così. Chi scrive segue Conte da vicino da più di una decade, dal suo arrivo a Bari, e certo dalla Juve in poi non è certo un mistero da disvelare. Bene: mai una squadra di Conte aveva giocato in questa maniera, semplicemente...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

La Juve di Sarri (forse) non nascerà, ma Maurizio ha un piano. Milan: il problema di Giampaolo è nell’estate (e il mercato non c’entra). Inter: il lavoro di Marotta e...il pensiero di Conte. Napoli: c'è il Liverpool, alla faccia dei comunicati 17.09 - Buon martedì. Eccoci qui a parlare di calcio. Ho perso al fantacalcio perché hanno annullato il gol a Joao Pedro. Non si fa. Ma veniamo a noi. Il calcio fa ammattire tutti e infatti spuntano le polemiche come funghi. Spunta la polemica su Sarri che parla degli orari di giuoco “e poi...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Sarri serve tempo ma Conte non ne concede. Inter concreta ma non bella. Cellino ci riprova con lo stadio... a Cagliari finì male. Samp, tra Vialli e Ferrero perde Di Francesco 16.09 - Se passi da Massimiliano Allegri a Maurizio Sarri devi preventivare che il passaggio possa risultare traumatico e, soprattutto, che ci voglia del tempo. Lo diciamo da due mesi: ai bianconeri, quest'anno, servirà tanta pazienza. Sarri è un allenatore vero e non impari i suoi schemi...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Il caso Mandzukic è chiaro: accetta il Qatar, aspetta la Cina o inguaia la Juventus?  La sicurezza di Koulibaly e la bacchetta magica di Conte. Il Milan riuscirà a ritornare grande? 15.09 - Doveva essere l'attacco di Mauro Icardi e Mario Mandzukic, sarà probabilmente di Gonzalo Higuain e Paulo Dybala. I due argentini erano sul mercato ad agosto, nella speranza di trovare una sistemazione e una plusvalenza. Due motivi diversi per la permanenza: il primo non voleva lasciare...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Mandzukic verso  il Qatar. Per gennaio ipotesi scambio Emre Can-Rakitic. Inter, per il centrocampo idea Matic. De Paul, oltre alla Fiorentina  attenzione anche al Milan 14.09 - Gennaio è lontanissimo, ma il mercato non si ferma, mai. Anche perché la chiusura della sessione estiva ha lasciato alcune situazioni in sospeso. In casa Juventus ci sono due vicende aperte: Mandzukic e Emre Can. Il futuro dell’attaccante (escluso dalla lista Champions e assente anche...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Sarri seduto su un vulcano. Torna dove perse lo scudetto e chi esclude Matuidi o Rabiot? Khedira o Emre Can? E Dybala? Mandzukic sta in panca o va in Qatar? E Montella rischia già. Conte fra Lautaro e Sanchez 13.09 - Penso a Sarri e ancora una volta ho come la sensazione che esista davvero la Dea Eupalla, come sosteneva il mitico Gianni Brera del quale abbiamo parlato giustamente tanto in questi giorni. O se non esiste, credo che da qualche parte almeno si nasconda un Folletto malizioso capace...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Chi spende e chi vince: non sempre coincide, anzi... le classifiche in Europa e in Italia 12.09 - Manca poco meno di una settimana e poi inizierà anche la Champions League. E le ambizioni delle squadre che parteciperanno i "pronostici" possono arrivare anche da un'analisi economica. E ci viene in aiuto una ricerca fatta dal CIES, pochi giorni fa, che testimonia come la voglia...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

I problemi delle grandi. Juventus: difesa fragile, scontenti rumorosi. Inter: esterni in prova, l’Europa di Conte. Napoli: poca intensità, cazzimma da trovare. Roma: nazionali senza filtro, e senza storia. Milan: poche idee ma confuse 11.09 - Tra le sette piaghe bibliche inflitte all’umanità non c’era ancora la pausa per le Nazionali a settembre solo perché ancora in quel tempo non era iniziato il campionato, ma nell’anno 2019 di grazia del Signore la sosta di inizio settembre si piazza come indice di gradimento esattamente...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Balle da post-mercato: occhio alle fregature. Nazionale: la retorica ci ucciderà. Zhang-DeLaurentiis e la sfida per l’Eca: molto più di una poltrona. 10.09 - Rieccoci. Non è che ci sia molto da dire. Del resto siamo al 43242° giorno di pausa per la nazionale, una calamità capace di uccidere persino taluni virus rari. Durante la pausa per la nazionale c’è talmente poco da dire che il livello di balle raggiunge l’iperuranio. Per dire, il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510